mercoledì 4 marzo 2015

L'elicotterino di Renzi

L'elicotterino
di Renzi

Renzi, Firenze-Roma in elicottero: “Motivi di sicurezza”.
Ma Mattarella usò il treno.

Critiche da Beppe Grillo a Forza Italia. Il leader M5s: "Quanto costa ai contribuenti il Renzicottero?". Toti: "Meglio volare basso e con mezzi pubblici". Gli utenti su Twitter: "Non era quello che voleva ridurre i costi?". Ma Palazzo Chigi replica: "Uso giustificato da motivi di sicurezza, no a strumentalizzazioni". A far "scoprire" il premier è stato il Pd di Arezzo, dopo un atterraggio di emergenza.

Incensare lo statista Renzi twitta tutto
Fuffare lo statista Matteo schizza renzate

Aprire le finestre Renzi puzza operai
Chiudere le finestre Matteo mangia cavoli

Scrivere la riforma Renzi regala promesse
Leggere la riforma Matteo gode massimo

Lucidare la mente Renzi pensa dominio
Insozzare la mente Matteo specula disordine

Lisciare il cocco Renzi esalta drillo
Maltrattare il drillo Matteo demolisce cocco

Magnificare l’eli Renzi entrata sicurezza
Biasimare il cottero Matteo uscita dubbia

Rivelare la propria Renzi egocentrica vox
Celare l’arroganza Matteo non riduce i costi

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 3 marzo 2015

Helg: minchia, picciotti, mi futteru!

Colto con le mani sul pizzo! 


Quando Helg, arrestato per una tangente, annunciava: ''Presto un corso anticorruzione''. Intervistato dall'agenzia Italpress nel dicembre scorso, il presidente della Camera di Commercio di Palermo annunciava iniziative di contrasto alla corruzione a livello regionale.
Il paladino della legalità.
L'anti-corruttivo per eccellenza.
Presidente di qua e di là, in Sicilia.
L'ha fatto per bisogno, per necessità, li cattivi gli avevano pignorata la casa.

Scava e scava, che qualcosa assuma (emerge) sempre tra i presidenti e i notabili!

Allora, picciotti, l'avete capito o no, che l'onestà non fotte!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Marchionne spiega a Renzi come difendersi dagli insulti

"Caro Matteo, io c'ho fatto il callo
agli insulti sorridenti e silenziosi"
Sergio Marchionne sostiene Matteo Renzi: "Ha coraggio e caratteristiche da leader. Non si preoccupi degli insulti".
A Renzi dico: "Guarda i tuoi sudditi negli occhi, ma usa il tuo sinistro per convincerli e il tuo destro per provocarli. Quando gli racconti le renzate, e vuoi farle passare per vere, fai in modo che i tuoi occhi affondino nelle loro coscienze. Con questa tattica, sapessi quanti punti deboli ho scoperto io nei sindacati. Devi sempre parlare come se fosse la tua penultima volta. Devi usare i toni amorosi che un vero leader utilizza per eccitare a cuore aperto i suoi fans e renderli goduti e consenzienti. Con i nemici usa sempre occhi crudeli e lingua di voluttà. Li colpirai frontalmente e ai lati senza che possano reagire. Per gli enrichiletta - e ce n'è in abbondanza in questo Paese - puoi usare il tocco magico dell'hastag #staisereno: un tocco veramente micidiale. Un vero leader deve saper fabbricare attorno a sé un firewall blindato perché non possano passare le maledizioni e gli insulti del popolino becero. Impara a indorare i tuoi pezzi di pane da offrire a questo mostro dormiente per renderlo sensuale e assimilabile ai tuoi desideri. Non dimenticare mai che il popolino ama farsi spezzare le reni - e non dico altro - per potere poi insultare il suo padrone. Più di questo non sa fare. Ma astieniti dal giudicarlo stupido e ignorante e mantieniti a distanza di odore e dalle pietre. Perché è meglio cadere nella mani di un Fassina Chi che in quelle del mostro popolare: non sai mai quando e in che modo si sveglia. Se vuoi durare vent'anni come il Berlusca devi curare queste cose e devi farti il callo".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 1 marzo 2015

Scherzi spirituali di Bertone a Bergoglio

E quando si vive tra cardinali
s'impara a disprezzar la ricchezza!
Papa Francesco ha viaggiato vicino al cardinale Tarcisio Bertone durante il tragitto in pullman tra Ariccia e il Vaticano, alla fine degli esercizi spirituali della curia vaticana. Fino a stamattina Bergoglio è stato insieme a monsignori e cardinali nella casa del Divin Maestro, gestita dai padri Paolini, la sede scelta, come lo scorso anno, per svolgere il ritiro quaresimale senza distrazioni. Sul bus il pontefice e il discusso ex segretario di Stato hanno conversato e scherzato. Nei giorni in cui esplodeva la polemica sul superattico scelto come residenza da Bertone, Francesco, senza mai formulare riferimenti diretti al porporato, aveva pronunciato parole molto dure contro lo sfarzo degli ecclesiastici.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Heracleum