sabato 10 dicembre 2016

Renzi vorrebbe un governo leggero... leggero... leggero!

Quindi ci stanno due consultazioni e due consultatori che lavorano in parallelo. Una di Mattarella e un'altra del premier dimissionario.
Qual è la più importante? E la più pesante?
Renzi vorrebbe però un governo per niente pesante ma leggero mentre continua con le consultazioni Pd a Palazzo Chigi.
Nuova faglia con Franceschini: governo leggero o pesante?

Un governo leggero
è quello che ci vuole
dopo la batosta che
abbiamo subita.
Noi del Pd
siamo quelli del
doppio binario
alternato:
uno istituzionale e

l'altro preterintenzionale,
perseguito dal nostro
Subcomandante in capo
che dovrebbe salvare il Paese
coi suoi amici.
Governo leggero o governo pesante? Tradotto: un governo che ‘scada’ in primavera per andare al voto oppure un governo che nasce, vive e muore di vita semi-naturale, potenzialmente anche nel 2018? Trovata la quadra intorno al nome di Paolo Gentiloni come premier per il dopo Renzi, è questa la sfida che si sta consumando in queste ore tra il segretario del Pd e i maggiorenti del partito.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 9 dicembre 2016

Gentiloni e Padoan a rapporto dal Capo

"Qualunque cosa succeda,
Paolino, riferirai a me, sempre.
E dillo anche all'altro,
al Carletto Padoan:
il Capo vi osserva...
di lasciare Palazzo Chigi
non se ne parla nemmeno".
Seconda giornata di consultazioni al Quirinale tra le forze politiche e il capo dello Stato Sergio Mattarella, che tenterà di chiudere la crisi entro lunedì e affidare il nuovo incarico entro la metà del mese. E mentre si svolge la processione di gruppi al Colle, Matteo Renzi e il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni si sono riuniti a Palazzo Chigi. Il nome del capo della Farnesina, infatti, è salito in pole position per la guida del nuovo esecutivo. I due sono poi stati raggiunti anche dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan e successivamente da quello dell'Agricoltura Maurizio Martina.

Hanno confabulato in silenzio...
perché, si può? Certo, anche il silenzio è un dialogo. Anzi, col silenzio e nel silenzio si dicono più cose che altrimenti col sonoro non si potrebbero dire né udire...
Perché è nel silenzio che esce nuda l'anima e la coscienza. È anche umano che tutti abbiano un'anima e una coscienza al naturale. Invero, è molto meglio che le si coprino, prima di sputtanarle pubblicamente.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 8 dicembre 2016

Il calendario delle consultazioni dal barbiere

Crisi di governo, il calendario delle consultazioni.

Antica sala da barbiere:
è il luogo più adatto
dove i segreti
innominabili
sono mantenuti
a prezzo di grandi
sacrifici e
scambi di favori...
tutt'intorno
profumi orientali
e
acque di colonia
per seppellire
l'olezzo
della Casta.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Governo di tutti, no a governo-bis, insomma, Renzi mi ricorda re Franceschiello

Crisi di governo, dalle 18 le consultazioni. Per il Colle la prima opzione è il reincarico a Renzi.


Mattarella vuole tentare la strada del bis, ma c'è il no del premier dimissionario. Sembrerebbe una finta spettacolare che si schiuderà in un vero e proprio coup de théâtre. Lunedì possibile annuncio su fine crisi. Chissà perché hanno tutti quanti una premura dannata?
Questo ambarabaobab è peggio dell'ammuìna di re Franceschiello.
«All’ordine 'facite ammuina' tutti chilli che stanno a prora, vann’ a poppa e chill che stann’ a poppa vann’ a prora; chilli che stann’ a dritta vann’ a sinistra e chilli che stanno a sinistra vann’ a dritta; tutti chilli che stanno abbascio vann’ coppa e chili che stanno ‘ncoppa vann’ abbascio; chi nun tiene nient’a ffa, s’aremeni a ’cca e a ‘lla». Che furbacchioni.
Qui cova ci gatta.
Anzi, gatta ci cova.
La sanno lunga, la sanno, e non lasciano l'osso! Aspettano di maturare la pensione da onorevoli.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Heracleum