lunedì 6 luglio 2015

Conversione di Anghela sulla via di Atene

Anghela, frattanto, sempre fremente, minacciando strage contro i discepoli di Syriza, si presentò al sommo sacerdote Draghi e gli chiese lettere per i cittadini antieuro di Atene al fine di essere autorizzata a condurre in catene in terra di Germania uomini e donne, seguaci della dottrina di Tsipras, che avesse trovati.
E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi ad Atene, all'improvviso l’avvolse una luce dal cielo e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Anghela, Anghela, perché mi perseguiti?». Rispose: «Chi sei, o Voce scognita?». E la voce: «Io sono Tsipras, che tu perseguiti! Orsù, alzati ed entra in Atene e ti sarà detto ciò che devi fare».
Gli uomini che facevano il cammino con lei – tra cui un tizio di Rignano e molti altri servitori -, si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce scognita ma non vedendo nessuno. Anghela si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandola per mano, la condussero ad Atene, dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda.
Quando si riprese, vide che il tizio di Rignano e i suoi accompagnatori presentavano gli occhi sbarrati, segno certo dell’avvenuta conversione dall’euro alla dracma, alla lira, alla peseta, al franco e anche al marco. Quegli uomini erano stati mondati. A quel punto anche Anghela si ravvide e si convertì. Questo miracolo fu ricordato, per secoli e millenni, come la conversione di Anghela sulla via di Atene.

E dopo la vittoria del No, Varoufakis si dimette per aiutare Tsipras nella trattativa. Il ministro delle Finanze sul suo blog: "Alcuni partner preferiscono una mia 'assenza' dai loro vertici. Porterò con orgoglio il disgusto dei creditori nei miei confronti".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 5 luglio 2015

Renzi ha sposato una associazione sportiva minacciosa!

James Galbraith, il consigliere di Varoufakis: "Matteo Renzi ci ha deluso. Ha sposato una minaccia vergognosa".


James Galbraith, docente all'università di Austin ha tutte le doti tipiche di un consigliere, tranne una: la diplomazia. E a meno di 24 ore dal voto usa parole durissime nei confronti dei nemici di Atene. Uno schieramento in cui Galbraith arruola anche il nostro presidente del Consiglio. "Ci ha delusi, è stata una follia la sua presa di posizione di lunedì", dice Galbraith riferendosi al tweet in cui il premier spiegava che un no avrebbe voluto dire scegliere di uscire dall'euro, come avevano suggerito anche altre Istituzioni europee: "Una minaccia vergognosa", accusa Galbraith, "che Renzi ha deciso di sposare".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 4 luglio 2015

Il mostro greco ha le ore contate!

Grecia verso il referendum. Varoufakis: "Creditori terroristi", timori di prelievo forzoso.
Il referendum greco trattato come un mostro.

Merkel: "Renzi? Mi ricorda
quel bel film greco: il mio
grasso alleato italiano
".
Renzi: "Gli italiani non devono avere paura".
"L'Italia non ha paura di conseguenze specifiche sul nostro paese: 3 o 4 anni fa eravamo il problema insieme alla Grecia, eravamo compagni di sventura, adesso non è più così grazie alle riforme e alla ripartenza dell'economia. Noi siamo dalla parte di quelli che cercano di risolvere il problema, non siamo più il problema" ha detto il premier Matteo Renzi al Tg5. "Anche i denari messi da parte per la Grecia - ha spiegato - già sono computati nel conto del debito. Quindi, gli italiani non devono avere paura. Certo c'è una questione politica, la situazione è complessa: ma smettiamo di raccontare l'Italia come il malato d'Europa. Non siamo più il malato d'Europa".

Ah ah ah ah ah! (L'eco di lontane greche risate!!).

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 2 luglio 2015

Finkvé la Banka di Cermania sta in piedi, la Cermania sta in piedi!

Merkel: "Se fallisce l'euro, fallisce l'Europa, ke sta in Cermania.
Finkvé la Banka di Cermania sta in piedi, la Cermania sta in piedi!
Se krolla la Banka di Cermania, krolla la Cermania! Allora, è bene ke foi grieken ci ridiate indietro quei 2 grami miseri semplici cents di euri di debiti ke afete kon Banka di Cermania. Perché la Banka di Cermania può krollare senza quei due miseri semplici grami cents di euri di debiti ke afete kon meine Bank!".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Heracleum