sabato 30 luglio 2016

Chi è stato a bombardare l'ospedale ostetrico-pediatrico a Kafar Takharim?

Siria, bombardato ospedale pediatrico: due morti e feriti tra bambini e medici.

Mia è la vendetta,
dice el Señor!
Tutti gli altri sono abusivi,

e andranno all'inferno!
Una clinica ostetrica gestita da Save the Children e Syria Relief a Kafar Takharim, nella provincia di Idlib, è stata colpita e gravemente danneggiata in un bombardamento aereo. I pazienti del centro sono per il 61 per cento mamme e per il 39 per cento bambini. A dare la notizia è stata via Twitter la stessa organizzazione non governativa che ha sede a Londra, citata anche dalla Bbc. Sotto le bombe sono morte almeno due persone, erano familiari dei pazienti in visita. Al momento i feriti accertati sono tre, ma il bilancio è provvisorio. Non si sa ancora da quale delle parti in conflitto sia stato condotto il raid, ma la cittadina è nelle mani dei ribelli del Libero Esercito Siriano e, insieme alla struttura sanitaria, è stato colpito e gravemente lesionato anche un edificio adiacente della Difesa Civile, un corpo volontario di auto-tutela che opera nelle zone del Paese controllate dalle forze ostili al regime di Bashar al-Assad. L'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, organizzazione dell'opposizione con sede a Londra, ha riferito che la struttura "non è quasi più operativa" a causa dei danni subiti. Sempre stando all'Osservatorio, al momento dell'attacco nella clinica si trovava un miliziano di Jabhat Fateh al-Sham, la nuova fazione salafita appena nata dalle ceneri del Fronte al-Nusra, fuoriuscito ieri da al-Qaeda. "È stato lui a essere preso di mira", ha spiegato Rami Abdel Rahman, direttore dell'organizzazione informativa siriana. "Stava facendo visita alla moglie che, quando è iniziato il bombardamento, aveva appena partorito".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 29 luglio 2016

Il Ponte di Celico non crollerà: parola di Anas!

Cosenza: 'Il ponte di Celico sta per crollare'.
Anas: 'Nessun pericolo'.

Ok, allora. Noi, subumani, crediamo in Voi.
Ma un giunto in più, per maggior sicurezza,
glielo vogliamo mettere?
Per l’Anas si tratta di un allarmismo del tutto ingiustificato. Interpellati sulle reali condizioni della struttura dal governatore della Calabria, Mario Oliverio, gli esperti di Anas hanno fatto sapere che se “è vero che presenta un’accentuata flessione in corrispondenza delle travi tampone, è altrettanto vero che non è a rischio di crollo. Lo hanno già certificato il Politecnico di Bari, gli esiti di prove di carico statiche, dinamiche e sui materiali, una rete di monitoraggio a prismi ottici”. Ci vorrà di certo un intervento di manutenzione, ammette Anas. “Entro l’anno in corso sarà avviata la fase di gara e nel corso del 2017 saranno avviati i lavori del valore di circa un milione e mezzo di euro”. Wow! 1mlnemezzodieuri? Doppio wow!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 28 luglio 2016

Trumpettino e Trumpettone

Donald Trump da piccolo.
Questo bimbo dalla faccia d'angelo è diventato l'uomo più discusso del mondo.

Tutte le scuse
sono buone
per farmi passare
come un mostro!
"Chi avrebbe mai sospettato che questo volto d'angelo innocente sarebbe diventato uno degli uomini più discussi del mondo?". Questa immagine, pubblicata nel 2013, da Donald Trump sulla sua pagina Facebook sta facendo di nuovo il giro della rete. Sguardo candido e viso pulito, il piccolo Trump era ancora inconsapevole che sarebbe stato al cento della politica americana e mondiale e avrebbe un giorno corso per la presidenza degli Stati Uniti d'America. Anche gli utenti nei loro commenti si meravigliano e si lanciano in "cattivi" appunti: "Come hai fatto a trasformarti in un mostro?".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

La caduta del Papa

Papa Francesco inciampa e cade.


Terrorismo, il Papa: "Questa è guerra ma non di religione. L'Europa ha nel cristianesimo le sue radici più solide". Francesco parla a bordo dell'aereo che lo porta alla Gmg di Cracovia. "Dietro i conflitti", dice, "ci sono i soldi, gli interessi, le risorse naturali, non le fedi".
È vero, come è vera la storia dell'Europa che nel cristianesimo trova le sue radici più solide. Perché tutto, prendendola molto alla larga, cominciò dal Sacro Romano Impero, attraversò le Sante Crociate, patì le Sante Inquisizioni e i più orrendi Massacri nel nome di Gesù ai quattro angoli della Terra, per non parlare delle risposte del feroce Saladino, e continuò - sta continuando - con le Sante guerre di liberazione che gli Occidentali, cristianamente, sono stati costretti a muovere per i soldi, gli interessi, le risorse naturali... degli altri Paesi.
Ora ci piangiamo "le fedi dei terroristi".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Heracleum