lunedì 14 dicembre 2009

Da domani sarà vietato in tutto il territorio nazionale tatà… tatà… tatatà… taartagliare!

Con la decisione dei medici, che hanno in cura il premier al San Raffaele, di tenerselo ancora sotto osservazione da ricoverato, è scoppiato un subbuglio infernale tra il personale medico e paramedico femminile: il grande malato sta chiedendo a tutte il numero di telefono e c'è una ressa incredibile davanti alla sua stanzetta. (Dài, si sdrammatizza un po', dopo tanta tragedia).
È stato detto anche che l’avvocato Ghedini attende la decisione del premier se, quando oppure no, querelare tatà... tatà... tatatà... Taartaglià. Che se lo querela farà mettere in moto la macchina della Giustizia, tanto cara a lui. E se non lo querela ma invece lo perdona, darà dimostrazione di grande statura morale aumentando così i punti percentuale dei consensi che nei sondaggi arriveranno al 99%. Questo perdono scoperchierà anche l’altro lato oscuro della perdonanza: convincerà ulteriori malati di mente a dargli colpi di madunnina sul naso sapendo che saranno tutti perdonati.



Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Heracleum