venerdì 31 dicembre 2010

Ci fu uno sconquasso generale, ma alla fine il 2010 ci sverginò a tutti quanti

Visione di Ideateatro:
Io, vostro fratello blogger, sono partecipe della tribolazione di tutti i blogger tribolati, e di stimolo alla resistenza (virtuale) dei blogger di buona volontà d’Italia (non mi allargo ad altri Paesi, perché loro ci hanno già i guai loro).

Visione di Ideateatro sul trono presidenziale di Silvio, dopo la gran porcata del voto di fiducia:

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 30 dicembre 2010

Vendola spiega a modo suo com'è caduto dalle scale

Vendola spiega, con la speciale dialettica che gli è congeniale, la caduta notturna per le scale di casa sua.

* Se l'ipotiposi del sentimento personale
prostergando i prolegomeni della mia subcoscienza
fosse capace di reintegrare il proprio subiettivismo
alle genesi delle concomitanze,

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

La colpa è dell'amigdala maggiormente sviluppata di Berlusconi se le cose vanno male a sinistra

Londra, 29-12. È ufficiale: il cervello di chi tende ad appoggiare un partito conservatore e di destra è diverso da quello di chi invece la pensa più a sinistra. Campagne elettorali, poster e dibattiti in televisione sarebbero dunque per la maggioranza inutili, in quanto le convinzioni politiche sarebbero determinate anche dallo sviluppo cerebrale oltre che dalla ragione.
Cribbio, lo dicevo io!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 29 dicembre 2010

Se nel 2011 fossimo costretti a scegliere tra Onan il Barbaro e Silvio il Rabarbaro?

A SINISTRA: ONAN, IL BARBARO - A DESTRA: SILVIO IL RABARBARO
A chi delegare la guida della nostra amata Italia per l'anno che entra? Davvero, visto così sembrerebbe un problema semiserio, ma considerando per un istante le speciali proprietà insite nei due personaggi, il gioco parrebbe volgere a favore di...

Aiutino: Onan ha grandi qualità penatorie, ne parla perfino la Bibbia; il Rabarbaro, invece, ha grandi proprietà lassative, se preso in forte dose: ne parlano tutti, perfino i botanici dell'opposizione.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Fassino: se fossi operaio voterei sì

Qui Fassino lo dice.

Poi, in un bisbiglio: "Ma, purtroppo, non lo sono mai stato un lavoratore come quelli lì. Io sono fatto così: cerco di far ragionare i lavoratori".

FASSINO OCCUPATO CON LA CANNA DA PESCA

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 28 dicembre 2010

Noticias de mierda: El ataque a los intestinos de la democracia!

Yo no soy así Belpietro no revelar sus fuentes.
Yo, revela: soy español.

Aquí están las "Noticias de mierda":
El ataque a los intestinos de la democracia que se espera
para la próxima primavera contra Berlusconi
destinadas a desacreditar a Fini.

Se trata de un banquete ofrecido por el Presidente
partidarios de la libertad de las personas
durante su visita a Sicilia.

Durante este banquete una mano muerta
pagaría el laxante en grandes cantidades
Presidente de la ensalada.
Este es el dulce euchessina
para rimar con Messina,
y para limpiar los intestinos
y la democracia.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 27 dicembre 2010

L'apoteosi dell'estensibile Silvio

BERLUSCHINI MENTRE ARRINGA I BERLUSCONES DAL TETTO DI UN GAZEBO
Sì, ho il vento in poppa e comanderò ancora per due anni e mezzo. Poi passerò lo scettro a Letta che salirà al Suorinale, salvo smentite al momento opportuno. Italiani, una sola parola, un solo grido: "CRIBBIO!".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 26 dicembre 2010

Da Natale alla Befana, tuttosilvio in due immagini

A Natale lui può dare di più!

Ma è come Befana che ne dà di più!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Volete il nucleare? Ficcatevelo nel culo!

La sceneggiata, subliminale e ingannatrice, si apre su una scacchiera, in una sala grande con tavoli e scacchiere e giocatori. Le voci tipiche di chi ti deve convincere di qualcosa che non è proponibile ma si può vendere, pare provengano dal profondo IO dei due contendenti, anche se durante una partita non si può parlare. Ma tanto è uno spot, sulla diffusione degli scacchi. Uh uh! Sì, lo Stato ha deciso di diffondere, tra i cittadini, questo bellissimo gioco che aiuta a ragionare e a ponderare.
E ci provano alla grande.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 25 dicembre 2010

Racconti di Natale: il sogno di Darth Silvio durante la dormita al cospetto del Capo dello Stato

Narrazione del sogno del premier con risveglio sudaticcio e con la gola arsa.

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana...
viveva un alieno di nome Silvio, soprannominato
Darth.
Era un uomo orribile a vedersi e tutti lo evitavano.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 24 dicembre 2010

Cari operai, buone feste, non disperate: pensate che a tutto c'è rimedio, compresi i filibustieri

Un bell'accordo, sottoscritto dai soliti noti, ma non dalla Fiom, alla vigilia della nascita [sarebbe l'ennesima volta] di Gesù, figlio di operaio falegname, e per i più, figlio di Dio!

Cosa avrebbe fatto Gesù a Bonanni, ad Angeletti, a Sacconne, a Marchionne e a Berlusconne che plaude allegro e soddisfatto, di fronte a un accordo così anti cristiano? Avrebbe offerto l'altra guancia, o li avrebbe scacciati dal tempio delle loro malefatte? Il fatto è che la storiella di Gesù, con questi marpioni, ha fatto il suo tempo: è buona solo per i lupi mannari pentiti.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 23 dicembre 2010

Studenti promossi, studenti bocciati, capiclasse e Maroni

Maroni ha riferito alla Camera sugli scontri di Roma del 14 scorso. Durante il riversamento delle notizie agli onorevoli, si sono notati molti sbadigli e, qua e là, qualcuno che giocava alla morra dei parlamentari. Cos'è questo gioco?

Bah, non divaghiamo, ma è utile sapere che questo gioco è stato inventato, durante i tempi morti - come da esempio in corso - dai parlamentari più intelligenti, più rapidi a

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 21 dicembre 2010

Anche a mani legate ci fotte


"La vera questione della politica italiana non è la notevole durata del potere di Berlusconi, ma la debolezza delle alternative".

A ben guardare, scrive oggi il Wall Street Journal in un pezzo di analisi della crisi italiana, "nella politica italiana le sole persone peggiori del primo ministro sono al momento tutti gli altri".

È drammaticamente vero.

Basta osservare le mani legate:
le dita del premier stanno nella tradizionale posizione standard dei politici italiani!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 20 dicembre 2010

Arri arri, Kasparri

Dopo l'esternazione estemporanea sugli arresti preventivi, il senator Kasparri è andato a costituirsi direttamente ai carabinieri autodenunciandosi per reiterato orgasmo da apologia di fascismo di riflusso con esplosione di cazzate a raffica senza soluzione di continuità.
«Voglio fare un appello: genitori, dite ai vostri figli di stare a casa. Quelle manifestazioni sono frequentate da potenziali assassini. Vanno evitate».

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 19 dicembre 2010

Io, occuparmi di politica? Servo solo Dio

Bagnasco: "La Chiesa non fa politica ma sui valori dei cattolici non si tratta".
"Da parte nostra nessuno spostamento a destra. La nostra preoccupazione è che da troppo il Paese è inceppato nei suoi meccanismi decisionali, la governabilità è necessaria. Servono soluzioni condivise. Occorre ricostruire l'ethos del popolo. La crisi non è solo politica, ma anche culturale e spirituale".
Ecco spiegato il motivo per cui si fanno gli affari nostri.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 18 dicembre 2010

Signor La Russa, a chi lo grida ora Vigliacco?

Ora, dopo il suo show fascista ad Annozero, se lo gridi da sé per sempre, e quando ha finito lo gridi al farabutto fascista "coraggioso" delinquente che ha colpito alle spalle, a tradimento, un giovane ragazzo lì a manifestare e che ora versa in gravissime condizione fisiche.

Si rifletta allo specchio nella speranza che non gli si rompa di Vergogna, si dica Vigliacco da sé, se lo dica Cento Mille volte al giorno fino a farsi scoppiare le ganasce. È il minimo che può fare se non è un Vigliacco!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Andare oltre Berlusconi: che cavolo significa?

Significati diversi, ancorché profondi, della frase "Andare oltre Berlusconi".
C'è un'offerta di Fini che recita così: "Andare oltre Berlusconi per un nuovo centrodestra".
C'è una proposta di Bersani che più o meno fa così: "Andare oltre Berlusconi, per abbatterlo durante e dopo, per un nuovo centrosinistra".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 17 dicembre 2010

A proposito della lettera di Sandro Bondi ai suoi ex compagni comunisti, [già ex anche di loro sponte]

Qui il peccato originale di Bondi
La lettera di Sandro Bondi:
«Cari compagni, riconosco in voi ancora dei residui di compagnitudine dura a morire - [del resto ne parlavo l’altro giorno con Silvio, che mi diceva a malincuore: “Vedi, Sandro, avrei voluto che al nostro tavolo comune mangiassero pure loro, la mia generosità è proverbiale, paragonabile a ciò che di più profonda è stata l’ideologia comunistica, avrei voluto alla mia corte Pier Luigi e Piero, dopo aver avuto Uolter.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Alla voce politici contemporanei siciliani di Wikipedia manca un nome decisivo

La Sicilia, terra che ha dato i migliori frutti e i migliori figli [da Crispi a La Russa, quando non sono demoniaci come quest'ultimo] all'Italia e al Mondo intero.

L'unico [per modo di dire] e ultimo figlio [adottivo] in ordine di tempo che ha dato a Berlusconi, manca! Perché?
Io desidero che il malriuscito venga immediatamente inserito nell'elenco di Wikipedia.
Fa l'ostetrico e l'agopunturista di professione. A causa di questa sua professione orientale ha rotto con Di Pietro [non si capivano con le lingue]. Inoltre, ieri sera a Annozero, ha costretto il povero Di Pietro ad autoschiaffeggiarsi in pubblico, per causa sua di lui. Tutto ciò non si può digerire. Fate qualcosa, date a Wikipedia ciò che è di Wikipedia e cioè lo scilipoti, magari con una verace descrizione degli avvenimenti. Diovenerenderàmerito! Un giorno i nostri nipoti vi ringrazieranno.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Oggi, Venerdì 17, i colleghi europei lo hanno festeggiato

Dopo la fiducia, sull'onda di un'euforia senza precedenti, tipo festa della prima comunione, Berlusconi ha dichiarato che: "I colleghi europei mi hanno festeggiato tantissimo. [Forse gli somigliano?] Sembrava quasi che fossi andato sulla luna!". [Già che c'erano perché non ce lo mandavano?].

Perché lui è come quel guerriero della luce: "Non ripete mai la stessa berlusconata: soprattutto quando nota di non andare né avanti né indietro". [In effetti è proprio così. Ma in questa sua euforia non se ne rende conto].

Il fatto che oggi caschi di Venerdì 17, non significa niente: io non sono superstizioso. Ma sono sicuro che lui lo sia. E questo fa' la differenza! Vi par poco?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 16 dicembre 2010

Caro Babbo Natale, fammi un favore, portati via a La Russa e lasciami a Cassano

New York Times: "Tutti i politici italiani hanno una parte di colpa per il paese, per questo caos. Ma il signor Berlusconi è stato colui che ha promesso di migliorare le cose. Invece, le aggrava. Per ora, rimane in carica. Un prolungamento al governo che non è la risposta appropriata. L'Italia ha bisogno di un nuovo governo coraggioso e credibile per riparare i danni dell'era Berlusconi".

Ecco, caro Babbo Natale, ciò di cui ho bisogno necessariamente te l'ho già detto.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Ma con chi ce l'ha, la Marcegaglia, con quel dito puntato contro?

«VOI, SIETE STATI VOI, IO VI ACCUSO DI CONFINDUSTRICIDIO!»
Secondo le stime di Confindustria si sono persi 540 mila posti di lavoro, nell'anno in corso, senza contare le ore di Cig che hanno un impatto pari a 480mila unità di lavoro!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 15 dicembre 2010

Ma i ministri si possono picchiare anche in Italia?

Molotov e auto in fiamme, caos ad Atene.
Ex ministro inseguito e picchiato.
Disordini durante i cortei per lo sciopero generale varato contro le misure di austerity decise dal governo.
«La storia si scrive nelle strade» dice uno dei manifesti e proprio nelle strade si segnalano già adesso i primi scontri.

Qui da noi è praticamente impossibile. È raro incocciare degli ex ministri liberamente a zonzo per le strade. Figuriamoci quelli in carica. Al massimo gli puoi lanciare le monetine come a Craxi.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Santo santo santo è il signor Silvio, dio del falso mondo degli onorevoli

Quest'uomo è un santo perché ha fatto il miracolo. Lasciate che lo portino in processione. È riuscito a stare a galla nonostante l'impegno al Monte di Pietà di tutte le forze, vere e false, dell'opposizione antiberlusconiana. Non si può dire che sia tutto merito suo, ma si può dire che i disonorevoli che hanno voltato gabbana verso le sue sponde sono più duttili del burro liquefatto.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 14 dicembre 2010

Armi da fuoco per gli indiani

Metacom, detto "re Filippo"
Questa caricatura del capo indiano Metacom, detto "re Filippo", lo rappresenta con il suo fucile in bella mostra. Nella seconda metà del Seicento gli indiani, grazie al commercio delle pellicce, possono acquistare i fucili. La loro tecnica bellica cambia radicalmente: il corpo a corpo lascia il posto a scambi di colpi d'arma da fuoco a distanza. nel combattimento ravvicinato gli indiani temono soprattutto la baionetta. L'uso generalizzato del fucile spiega anche le stragi che vi furono ai tempi della rivolta di "re Filippo".

Nel 1675 Metacom è a capo di un centinaio di indomiti guerrieri. Quello che gli inglesi hanno ironicamente chiamato "il re Filippo" sta per scatenare la più terribile guerra contro i puritani. Tutte le colonie inglesi si uniscono di fronte al pericolo e chiedono aiuto ai Mohicani e ai Mohawk, nemici tradizionali degli Algonchini. GLi scontri si protraggono per parecchi mesi prima dell'agosto del 1676, quando "re Filippo" cade in battaglia: i puritani, senza alcun rispetto per questo valoroso combattente, espongono nel pieno centro di Plymouth la sua testa infissa su un palo: "testa di un grosso, sporco animale", secondo la loro espressione.

La guerra del "re Filippo" costerà la vita a seicento inglesi e a più di quattromila indiani; le colonie spenderanno circa centomila sterline per sconfiggere gli insorti.

Continua...
Precedente...

(Fonte: I Pellerossa - Philippe Jacquin - L'Unità, Universale Electa/Gallimard).

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Berlusconi con un testicolo in più ha vinto

La "vittorie pirresche" del signor Berlusconi sono dovute al fatto che i testicoli [ben tre], di cui madre natura lo ha dotato, hanno fatto la differenza.
Ora, parato a festa e con le scarpette nuove, ascenderà soavemente fino al Quirinale e, senza far rumore, dirà al Presidente pane al pane e vino al vino e cioè che ormai Fini ha perso, Bersani ha perso, Di Pietro non esiste proprio e che Egli, Napolitano, è già maturo per essere sostituito. L'Italia delle Libertà ha vinto e stasera cagnara gratis per tutti.
Nel frattempo, le proteste di oggi, contro il suo governo, continuano più aspre di prima.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

I grandi drammi di Montebambolo

Montebambolo: "Cosa auspico per il voto di fiducia al governo? No comment". È stata una domanda choc per lui perché posta mentre stava cenando. Tutt'a un tratto ha avuto un singulto e una lacrimuccia gli apparve dalla palpebra corrucciata; uno come lui abituato a vincere e ad allevarsi il ciuffo non può lasciare il certo per l'incerto. E la politica è aleatoria. Infatti ha concluso, commosso: "Per favore, lasciatemi in Ferrari, al limite anche su una Panda, ma lasciatemi al mio posto. La politica mi fa schifo!".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 13 dicembre 2010

Intrusione del cavaliere nella Città Rossa

(LA CITTÀ ROSSA di PAUL DELVAUX)
DI COME BERLUSCONI, IGNUDO, INTRUFOLANDOSI NELLA CITTÀ ROSSA
TENTÒ DI MOLESTARE UNA FANCIULLA IGNUDA, MA COMUNISTA
Le ultime bravate del Premier prima del voto sulla fiducia al suo Governo. L'immagine parla chiaro e non ci sono più dubbi: il Cavaliere ha tentato di corrompere pure i comunisti.

Ps.: in primo piano, a destra: lo scheletro di Bersani.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 12 dicembre 2010

L'affondamento del Berlusconic ad opera del Finic con la spinta del Bersanic che non si vede ma c'è

LA SCENA FINALE PRIMA DELL'AFFONDAMENTO
In realtà i transatlantici, all'inizio, erano un trio: il Berlusconic, il Bersanic e il Finic. Dei tre il Berlusconic rappresentava la massima espressione della furbizia e dell'arrivismo politico, ed era il più veloce pistolino degli ultimi 150 anni che mai avesse solcato gli oceani: cantava, perfino, sul mare dicono gli annali. Il 14 prossimo venturo, pare, sia prevista una collisione tombale tra il Berlusconic e il Finic, quest'ultimo sospinto dalla marea alta originata dal Bersanic. Si prevede per il Berlusconic una colata a picco senza precedenti: questo lo sognano i nostromi delle altre due barche. Ma il Berlusconic è di acciaio temperato: se colerà a picco formerà un gigantesco gorgo nero che risucchierà amici, nemici e quacquaracquà! Così pensa il nocchiero del Berlusconic: "Se devo morire me ne porto dietro un bel mucchietto". Ecco perché Napolitano non ci dorme la notte.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 11 dicembre 2010

Prima del 14, dopo il 14, in aeternum?

Bersani: "La crisi politica del centro destra c'è ed è senza rimedio e in ogni caso martedì prossimo, comunque vadano le cose, la crisi sarà certificata, non la risolvono con la compravendita di due-tre voti, con pratiche vergognose che fanno arrossire l'Italia davanti al mondo. Vergogna Vergogna". Dopodiché Bersani è sceso dal palco e ha deciso di mettersi in aspettativa con questa segreta speranza in cor: che l'Italia di domani è scesa oggi in piazza. E domani?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 10 dicembre 2010

Cavalieri a confronto: Sandokan contro Silviokan

Il nuovo cavaliere della giungla indiana, Sandokan, eroe leggendario e salvatore di fanciulle.
Il vecchio cavaliere della giungla nostrana, Silviokan, eroe delle libertà, compratore di deputati e salvatore di nipoti di Mubarak.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Metropolis è inquinata: cercasi una Maria salvatrice

Milano: nel metrò l'aria è dieci volte più inquinata.
Inchiesta della procura di Milano sulle polveri sottili. La procura ha avvisato il sindaco Moratti, che non si chiama Maria, e l'At.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 9 dicembre 2010

I soldi per comprare i deputati ce li hanno, ma non per la benzina delle auto della Polizia

BERLUSCONI UNO...

Stando a quanto denunciato dal deputato Massimo Calearo in un’intervista a Il Riformista, il voto di un deputato vale tra “350 e 500 mila euro” e “la quotazione, nei prossimi giorni, può ancora salire”. Calearo, imprenditore ed ex pd, non fa nomi né cognomi. Qualche numero sì. Ci sono “345 parlamentari che perderebbero la pensione in caso di scioglimento delle Camere. Per non parlare di coloro che non sono sicuri della non ricandidatura. La psicosi – dice – sta alimentando il mercato degli indecisi”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 8 dicembre 2010

Risolto in parte il problema del sovraffollamento carcerario in Cile

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 8 DIC - Oltre 80 morti e 14 feriti con ustioni gravi: è il bilancio confermato dal ministro della sanità cileno, che si trova nel carcere San Miguel di Santiago [una struttura che ospitava circa 1.900 detenuti, numero molto superiore alla capacità] dove è scoppiato un vasto incendio. Alcuni parenti dei detenuti hanno denunciato che gli uomini della "gendarmeria" hanno ritardato l'ingresso dei pompieri nella prigione per poter avere il controllo della situazione. Secondo il direttore della gendarmeria, l'incendio è scoppiato dopo una rissa tra i detenuti.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 7 dicembre 2010

Dai Gelmini non nasce niente...

Alcuni secchi di letame sono stati scaricati nella notte davanti alla villa bergamasca del ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini che si trova nella zona di Sudorno, area collinare intorno a Città Alta.

Il gesto è stato rivendicato da un gruppo studentesco che l'ha definito "il naturale frutto della 'enterogelmini', la riforma che fa cagare".

La signora ministra stia tranquilla: la semina andrà a buon porto.
Come cantava il buon Fabrizio:
♫ dai gelmini non nasce niente, dal letame nascono i fior ♫.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 6 dicembre 2010

E ora, senza il marocchino, come faranno?

Il signor Mohammed Fikri, 22 anni, marocchino, migrante e lavoratore in Italia sta per essere scarcerato. I suoi avvocati, Roberta Barbieri e Giovanni Fedeli spiegano che, in sostanza, gli inquirenti avevano quell'intercettazione dal tenore equivoco e "elementi ancora più deboli", tali da giustificarne la scarcerazione.

Visti gli "elementi deboli", visto che il "marocchino" è quasi un uomo libero anche se resta indagato, finalmente anche il cardinale Tettamanzi ha detto la sua: "Non tutti gli immigrati sono delinquenti". Ciò avvalora l'ipotesi della fratellanza universale, tranne che per i due "presunti mostri italiani" di cui tanto si vocifera... "Lasciatelo a noi, lasciatelo a noi", gridavano...

Alla luce di quanto emerso, sarebbe il caso di trovare una museruola per certa gente di stampo leghista.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Silvio e il trucco indiano

L'abbiamo avuta da tempo sotto gli occhi quella sensazione che il nostro beneamato non stesse punto bene, che fosse stanco per i continui incontri [al vertice], per i continui giri da una festa domestica all'altra, e che rimanesse sveglio tutta la notte nell'interesse supremo dell'Italia e degli italiani.
Ma c'era il trucco! Un infallibile metodo preso in prestito dagli indiani d'America: dormire con un occhio sia per riposarsi en passant sia per essere pronto a respingere tutti gli attacchi degli avversari, specie se si fosse trovato all'ombra del suo ex comandante in seconda.
La foto parla chiaro: il premier è in piedi e guarda il nemico con un occhio solo aperto. Se con l'altro stia dormendo non si sa. Magari lo sta risparmiando.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 5 dicembre 2010

Dal punto di vista di Gianciotto, zoppo e cornificato

Paolo e Francesca sorpresi da Gianciotto
Dipinto di Jean-Auguste-Dominique Ingres

Egli si chiamava Giovanni Malatesta, inteso «il giotto» (sciancato) o Gianciotto, a causa della deformazione congenita di una gamba. Era stato un vero eroe, un gran soldato. Grazie a lui il signore Da Polenta Guido era riuscito a conservare la signorìa di Ravenna, perché aveva sconfitto il signor Da Montefeltro Guido. A quell'epoca si chiamavano quasi tutti Guido perché guidavano eserciti.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 4 dicembre 2010

È solo un miserabile e squallido scontro per il potere

L'uno accusa l'altro di essere un traditore al servizio della sinistra.

L'altro gli rinfaccia che quelli che lo stanno sfiduciando sono stati suoi fedeli collaboratori.

Ci stanno prendendo per i fondelli tutti quanti.

Questa crisi non è salutare per il popolo. Questa crisi è pilotata dai nemici del benessere sociale, con la complicità dei finti oppositori. Sta succedendo tutto questo perché il Paese è completamente sottomesso mentalmente, e non è in grado di smascherare chi lo sta rovinando. Ciascuno tragga le conclusioni.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

I mafiosi sono merde, non avere paura, non sei da solo, denunciali

Balestrate antipizzo, nottetempo casa per casa.
Nei volantini la scritta inequivocabile: "I mafiosi sono merde, non avere paura, non sei da solo, denunciali". Segnalati anche i recapiti dell'associazione antiracket Libero Futuro e di Addiopizzo, lo storico comitato promotore alcuni anni fa di una iniziativa analoga: allora fu Palermo a essere riempita di manifestini che sferzavano i siciliani: "Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità".

Lo stato d'animo generale dei siciliani che lavorano onestamente è sempre stato antimafioso. Ma un conto è sentirselo dentro, un altro è praticarlo da fuori. Il coraggio antimafioso non viene da solo se non si prende coscienza della viltà dei mafiosi e dei loro raccattapalle.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 3 dicembre 2010

Cominciano sempre dal gossip e finiscono col prendersi perfino la bandana

Se ho sonno? Beh, basta dare un'occhiata alla foto per farsi un'idea di come sto. Credevo di essere invincibile perché convinto di essere unto. Vedremo. Qualcuno ha affermato che ci sarebbe una maggioranza di 317 parlamentari alla Camera contro il Governo. È una bufala. Dò a tutti appuntamento al 14 dicembre per l'ultima resa dei conti e per smontare questa teoria del 317. 317 cos'è, infine? È solo un gruppo di tre numeri, composto da un 3, un 1 e un 7. Tre è un numero perfetto, a sua volta composto dal Padre [che sarei io], dal figlio di mio padre [che sarei sempre io], e dallo Spirito Sandro [che sarebbe Bondi, ma non diteglielo, altrimenti si commuove]. L'1 è come dire il primo fra tutti e chi può essere il numero 1 se non me stesso? Resta il 7 come i magnifici 7, come i 7 nani, i 7 puttanieri venuti dallo spazio, i 7 punti cardinali e i sette Re di Roma. Bufale berlusconiane, voi dite? Macché, provate a sommare 3 più 1 più 7 uguale 11. Togliamo un 1, troppi numeri uno mi dànno fastidio: basto io. Risultato 1. Cioè, Io, come volevasi dimostrare, cribbio...

Ps.: dal libretto inedito: trucchi e magie del premier.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 2 dicembre 2010

Ecco come verrà ridisegnata l'Italia del Terzo Polo

Io l'Italia la vedo così
Io l'Italia la vedo così
Io l'Italia la vedo così

Loro la vedono così, l'Italia, dopo la dittatura di Berlusconi, un bel triumvirato di antica tradizione laica, democratica e cristiana [ma anche con 4 o 5 o 6 tribuni d'appoggio tradizionali anch'essi]. Esempi:
Casini, a dita minacciose; Rutelli, a gonfiarle la faccia; Fini, a carezzargli il didietro. Per il bene del Paese, faranno! È bello sapere che, dopo Berlusconi, ritorneremo a respirare aria pura.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 1 dicembre 2010

Crollerà prima Pompei o Berlusconi?

La casa dei gladiatori... via.
La casa del moralista... via.
La poltrona del grande gnomo... quando?


Infatti,
l'interrogativo degli addetti ai lavori è solo questo:
CROLLERÀ PRIMA POMPEI
OPPURE
BERLUSCONI?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

La Russia di Lenin, di Stalin e la Russia di Wikileaks

Lenin e Stalin
Estratto del "testamento" di Lenin:
«Stalin è troppo violento, e questo difetto, perfettamente tollerabile nel nostro ambito e nei rapporti fra noi comunisti, è incompatibile con le funzioni di segretario generale.

Propongo perciò ai compagni di cercare la via per destituire Stalin da tale carica e nominare al suo posto un'altra persona che presenti in ogni campo il solo vantaggio, rispetto al compagno Stalin, di essere più tollerante, più leale, più civile e più attenta nei confronti dei compagni, di umore meno instabile...

Queste caratteristiche potrebbero sembrare un particolare del tutto secondario. Ma, a parer mio, per evitare la scissione, e tenendo conto di quanto ho scritto sui rapporti fra Stalin e Trotski, non si tratta di un particolare secondario, o forse lo è, ma potrebbe assumere un'importanza decisiva» (4 gennaio 1923).

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 30 novembre 2010

The Bersan, ex deus


The Doctor, deus ex machina di Star Trek

The Bersan, ex deus del Pci

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 25 novembre 2010

Operazione grande VERITÀ di Montebambolo

Montebambolo: «Dobbiamo liberarci di Berlusconi e per far questo il “Paese ha bisogno di una grande operazione VERITÀ”.

Basta con i superuomini, io non mi riempio la bocca come tutti gli altri politici di false retoriche parole. Non sono uno dei tanti che si riempie la bocca con frasi come “Lavorerò per il mio Paese” o come “Farò tutto il possibile per impegnarmi per l’Italia”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Non uova ma fichidindia!


Ragazzi,
avete sbagliato.
Le istituzioni
non si imbrattano con le uova.
Se volete veramente pungerli sul vivo,
provate con i fichidindia!


Ps.: uno lasciatevelo per Bersani sui tetti.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 24 novembre 2010

Esultiamo: ha tre mesi di vita! Lui sbaracca tutto e se ne va

Questa è la storia del comico Silvio, settantaquattrenne originario di Milano, al quale i sondaggi da lui predisposti gli avevano rivelato solo tre mesi di vita politica, dopodiché kaputt a lui e a tutto il pidielle.

Il comico, però, non si fa prendere dallo sconforto e, com'è nella sua indole di allegro compagnone, decide di stilare un elenco: l'elenco di chi sta per tirare le cuoia politiche, contenente le cose più importanti che un premier deve fare prima di abbandonare la bella vita. Per l'occasione prenota una serata da Fazio, vista la malafigura con Floris, per leggersi anche lui il suo bravo elenco.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 23 novembre 2010

Avete visto come sta cambiando il mondo dei conduttori Rai sotto i vostri occhi, grazie a Vieni via con me?

Sì, sta cambiando.
In meglio o in peggio?
Non sta a me tranciare risposte che non ho.
Però una cosa è certa: la Rai, Dio in terra, in cielo, in acqua e in cantina, sta per passare il testimone del conduttore per antonomasia.
E lo sta facendo naturalmente, che lo vogliamo o no.
Prima tutti a fare la fila per Porta a Porta.
Adesso, con i grandi successi di ascolto di Vieni via con me, nessuno fa più la fila.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Maroni meraviglioso ministro

Morboso moralizzatore mordace
mantiene mansione mormorante
mai mischia mentecatti
muovendo miscugli militari
mentre millanta manrovesci micragnosi
mestando morbosi medici medioevali mediocri
massimamente mollicci
martellando motivi menscevichi menomati
moderando multirazziali mummie monumentali
munite mafiosamente munificate
montando mura massicce
massificando monnezze merdose mercificate
momentaneamente
malgrado monache monzesi mestruate
mentre mostrano mostarde miasmatiche
molto melodiche
mugugnano minacce metalliche
mistificando misera morte
maroni morde moralmente millimetriche medaglie
mimetizzando metaforicamente
molto mazzo manipolato
maltratta malviventi machachi mammole
manovrando mantici misteriosi
mica mezzeseghe minchioni
ministero miniserie ministri minimassimi
maroni minosse mistico modesto
melodrammaticamente match-winner.

Un link doveroso a questo post: Ideateatro

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 22 novembre 2010

Tra monnezze, insulti e maggioranze, si rifà l'Italia

L'Italia sta morendo soffocata dalle monnezze di Napoli.
Viva l'Italia, il cui Premier non è più in grado di far miracoli: sostanzialmente ha deposto le armi [leggasi: i sacchetti] in una discarica abusiva. In ultima analisi: non gliene fotte più niente.

L'Italia sta morendo mortificata dagli insulti tra le signore Carfagna e Mussolini
Viva l'Italia, il cui Premier non tribola più per queste mestruazioni mentali ininterrotte, esempio vivente della sconcezza di questa maggioranza.

L'Italia sta morendo terrorizzata di paura dalla nuova maggioranza di Berlusconi, malgrado Fini.
Viva l'Italia che tira fuori sempre, dal pozzo senza fondo, un Casini di riserva. Ora che Ratzinger ha dato via libera ai preservativi, solo per specifici casi, mi pare giustificato mettergliene uno in testa a Casini, specifico caso. Per preservarlo [cattolicamente parlando] dalle contaminazioni della maggioranza.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 19 novembre 2010

Bossi incazzato nero con pugno minaccia Fini e Co.

Ci prende pure per il culo, ci prende.
Ma io gli metto una trota in bocca, gli metto!
Fini, dopo aver ritirato i suoi dal governicchio di Berlusconi, non smette di punzecchiarlo, come una vera e propria vespa aristofanesca.
Ha avuto l'ardire di fare la morale al suo ex capo: «Chi ha avuto l'onore e l'onere di governare» deve «onorare quell'impegno attraverso una agenda di governo. Silvio, sii responsabile».
Tradotto alla fimminina:
"Hai visto, caro Silvio, ti sto rosolando le carni e ti sto logorando i nervi. Così impari a cacciarmi. E questo è niente, vedrai dopo".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 18 novembre 2010

Fuciliamoli, solo se sciacalli stranieri, e poi brindiamo con gli ultimi sondaggi

Per costruire una società giusta occorre eliminare le ingiustizie. Ti suda però la lingua se parli di eliminare le ingiustizie, i tuoi amici se ne accorgono e allora la conversazione scivola sulle puttanate generiche di questo governo.

Per distrarti ti metti ad ascoltare Fini e ti sembra di sentire il tuo vecchio prozio che abita da solo nella tua mansarda, gliel'hai lasciata in comodato d’uso, e che non ama essere comandato a bacchetta dal parentado. Se ascolti invece Bersani ti cala il latte [di Bersani] alle ginocchia. Come fa Bersani a produrre latte resta per me un mistero, ma è indubbio il suo calare quelle volte che lo vedi e, soprattutto, lo senti.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 17 novembre 2010

Maroni come Sandokan? No, come Alien

SERIAL MARONI-ALIEN
Maroni: «Io come Sandokan? Saviano smentisca o lo querelo».
In effetti non può essere come Sandokan se è come Alien. O l'uno o l'altro!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Il Guardian su Berlusconi e sulla Sinistra, senza peli sulla lingua

Guardian su Berlusconi: “Come può essere ancora al potere?”.
Il quotidiano britannico attacca frontalmente il premier e riassume le ultime vicende in cui è rimasto coinvolto.
L’autore del reportage, Tobias Jones, è una vecchia conoscenza del premier. Quando si era permesso di criticare il berlusconismo nel libro Il cuore oscuro dell’Italia, uno dei magazine di casa Mondadori lo aveva screditato con un ampio pezzo definendolo il “Pinocchio inglese”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 16 novembre 2010

Destra e sinistra: no, non venite via con me!

Questa destra e questa sinistra: no, non venite via con me.

Fini: «Destra vuol dire legge uguale per tutti».
Bersani: «Sinistra significa economia più equa».
Parole parole parole... fermi là, tanto io non vi seguo. Sì, lo so, sono di gusti difficili. L'Italia che sogno e che voglio voi non me la potete dare. E nemmeno Berlusconi.

Gaber:


Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 15 novembre 2010

La chioccia Rosy tra il Terzo Pollo e il gallo Di Pietrocedrone

La chioccia Rosy mentre scova i suoi pulcini
"Gli elettori democratici capirebbero. Un'alleanza con Fini e Casini sarebbe in nome della Costituzione per battere la degenerazione politica a cui ci ha condotti Silvio Berlusconi". Il Pd ce l'ha nel dna vincere soffrendo.

Così si presenta lo scenario politico dopo le richieste opprimenti [per il Pd] di Di Pietro che invita questo partito a non allearsi con il Terzo Pollo, complice dei nemici d'Italia e a fidanzarsi con lui. Un fatto è certo: Di Pietro non sa corteggiare la Bindi. Ecco perché bisogna che vada a scuola dal Berluska: lui sa come prenderla.

Sul fatto che gli italiani capirebbero questa mossa tattico-strategica [una chioccia che se la fa con un Terzo Pollo a tre teste], Rosi Bindi è decisa a dimostrarlo non appena cresceranno i pulcini della sua covata. Una nuova generazione di bipedi dalla cresta altera e vigorosa saprà guidare l'Italia oltre il berlusconismo, che cancellerebbe le malefatte della politica del governo precedente... bla.. bla... bla... [in che mani siamo, solo dio lo sa].

Tutti insieme, spassionatamente, quindi, in nome delle più belle cosce di pollo libertarie che mai si siano rosolate sulle ceneri di Berlusconi.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 14 novembre 2010

Penso a Bonanni colto in fallo e mi viene da sculacciarlo

È morto l’altra notte all’Ospedale Villa Scassi di Sampierdarena, Sergio Scapolan, coinvolto dell’incendio alla Eureco di Paderno Dugnano, in cui sono rimasti ustionati altri cinque operai, tre dei quali ancora gravissimi.

Quale incidente?”, risponde Bonanni ai giornalisti che, esterrefatti precisano, ripetono, scandiscono un’altra volta: “Segretario, come, quello avvenuto a Paderno Dugnano ieri, dove sono rimasti feriti gravemente sette operai”, e ancora Bonanni: “No, stavo chiuso in una riunione, non ho letto i giornali, non ho letto niente, mi dovete scusare”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 13 novembre 2010

Il denaro non è tutto, vero mr. Berlusconi? Ma cosa vogliono infine i suoi oppositori?

Fare il miliardario e il premier, al contempo, è difficile per tutti. Via, per tutti? Solo per chi se lo può permettere. Il mestiere del miliardario è così usurante che, in effetti, se ne contano pochi al mondo in grado di badare con profitto al proprio denaro e alla propria politica. Possiamo annoverare mr. Berlusconi nella fascia di quelli che fanno il doppio lavoro? Certamente sì, anche se risulta complicato stabilire quale dei due mestieri che pratica appartiene al lavoro nero? E quale a quello più usurante?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 12 novembre 2010

Il QoCciGe attende disperato il ritorno del Coreano

I tre, in attesa del ritorno del Coreano, pensano.

Pensiero di Q: "Filosoficamente parlando, avrei preferito non tornasse mai più".
Pensiero di C: "Non avrei mai creduto di stare ad aspettarlo così inutilmente, senza neanche capire il perché. Che mi sia perso qualcosa?".
Pensiero di G: "Se acchiappo quella Ruby, gliela dò io la cittadinanza!".

Ps.: eh... adesso fa un po' male il qoccige, cribbio!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 11 novembre 2010

Il Morbo di Berluskon

La politica è semplicemente un circolo vizioso.
Infatti: Berlusconi è fuggito in Corea al G20. E subito si sono aperte le bocche [che non parlano mai] per dire che i tempi sono più corti del suo capo-compagnone. La sintesi perfetta di Berlusconi è Gianni Letta. Che ha un nipote, l'Enrico. Che sta nel Pd. Che ha dato il via ad una raccolta di firme per sfiduciare il Premier.

Vedete come tutto torna in politica! Gira e rigira, Berlusconi è inizio e fine. Dopo di Lui, gli Altri. Uno più sintetico dell'altro. Faranno la Riforma della Legge Elettorale (?) e poi andranno al voto (?). Presumono di vincere (?). Ma non hanno fatto i conti con l'Oste. Che, al momento giusto, rivoterà per il Subdolo nano (!).

E che ci vuoi fare, Bersà. Non basta una raccolta di firme per abbattere il Piccolo Grande nano. Per abbattere un Piccolo Grande nano ci vuole un altro Grande nano. Lo diceva pure quella pubblicità in televisione, quella dei pennelli.

Ma trovarlo, un altro Grande Nano [a parte Brunetta], non è facile qui in Italia. E allora, mi dirai Bersà, che facciamo?, me lo tengo fino a quando non avrò il Morbo di Berluskon? Non saprei, tocca a te [e a tutti voi] dell'opposizione inventarti qualcosa che sia più di una raccolta di firme.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 10 novembre 2010

Il nababbo, vilipeso e tradito, medita sulle false amicizie politiche

Ripresa e riaggiornamento di un post pubblicato il 21 marzo del 2009.


"In nessun partito c’è tanta democrazia come nel nostro. Io non ordino, al massimo dò dei consigli. Ma poi, alla fine, da noi ognuno fà quello che vuole".
Fini, crudele, docet.


Destrutturazione del pensiero.
"In nessuna democrazia c’è un partito come il nostro. Io non consiglio, al massimo dò degli ordini. Ma poi, alla fine, da noi fanno tutti come dico io".
Fini, figlio di puttana, trannet!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 7 novembre 2010

Rottamatori o rottamavacche?

In effetti Renzi ha ragione da vendere quando parla degli inciuci lunghi tre lustri tra Berlusconi e Fini. Specie dopo che Fini, alla luce del discorso di oggi, pare faccia di tutto per apparire ciò che non potrà mai essere agli occhi degli osservatori più attenti: un politico di destra che sembra far discorsi di sinistra.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 6 novembre 2010

Solo per Pompei Bondi inadeguato?

IL MINISTRO BONDI, ARMATO DI CASCHETTO, COM'È SUO COSTUME, SI È SUBITO PORTATO A POMPEI
Perché il Pd osa dire che il ministro Bondi è inadeguato. Il ministro, al contrario, ha subito fatto sapere che: questo crollo è "l'occasione per capire l'importanza della salvaguardia del nostro patrimonio culturale". Però, se soldi non ce ne sono, lui, poverino, che può fare se non rimboccarsi le maniche e darsi da fare come volontario per la salvaguardia della Conservazione dei Beni Culturali?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 3 novembre 2010

Tranquilli: con questa Colonna l'Italia non cadrà mai!

Immagine accanto: unico esemplare di colonna silvica.
Tipologia di struttura composita riferibile all'età del berlusconismo tragicomico, che comparve in molte ville del periodo berlusconico classico [e aureo].

La colonna, dell'ordine silvico-arcoriano, costruita dopo il crollo della 1ª Repubblica, non assolve tanto una funzione di sostegno economico, etico, politico del Belpaese [ingenui, cosa credevate?], quanto un effetto di plasticità (???), senza contraddire la sua logica autoreferenziale, anche se, purtroppo, senza regole.

Molti turisti oggi vengono da lontani Paesi per vedere da vicino quel che resta dell'esempio della colonna silvica-arcoriana.

Un capolavoro dell'architettura del berlusconismo tragicomico, a cavallo tra la 2ª Repubblica e il Vuoto a Rendere.

Processioni di prefiche, per la maggior parte escort che hanno dismesso la professione, ogni week-end si recano a rendere omaggio alla Colonna [con esclusione dei gay]. Amen.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button