mercoledì 18 gennaio 2012

Se forconi devono essere, che almeno non ci siano bandiere!


È il terzo giorno di sciopero e gli autotrasportatori Aias, gli agricoltori di "Forza d'urto" e "Movimento dei Forconi" non sembrano cedere di un millimetro: chiedono un intervento del Governo per ridurre il prezzo del gasolio in Sicilia. Aumenta la tensione in tutta l'isola.

Io so che i siciliani ci mettono il cuore nelle lotte, per un'antica fame di giustizia ed equità. Ma nel cuore non vi sono occhi che guardano all'esterno. Ecco di cosa ho paura: che, al solito, dei cialtroni diventino i padroni di quella fame di giustizia ed equità.
Se alla base del movimento di lotta esistono i germi sani, allora i cialtroni verranno esclusi. Prima non si può sapere, dopo è troppo tardi. Quindi... procediamo così come ci detta il cuore! E in culo tutti i cialtroni di destra, di sinistra e di centro! Qualsiasi somma tireremo alla fine, almeno ci abbiamo provato! Sù!


Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

3 commenti:

  1. Condivido,un popolo fiero ma ingenuo troppo avvezzo ai comandi-
    Che serva almeno da scintilla da fuoco che inizia-
    Egill

    RispondiElimina
  2. @ Egill: nutro dubbi, ma che si fa altrimenti?

    RispondiElimina
  3. Prego usare forconi infetti e arrugginiti.
    Almeno il tetano..

    RispondiElimina

Prima pondera e poi scrivi!

Heracleum