martedì 31 luglio 2012

20.000 seghe sotto i mari

Bersani: “Riconosceremo le coppie omosex e saremo, al contempo, fedeli a Monti e al suo governo ermafrodito, quindi è come se fossimo tutti un po’ omo, caro Pierferdi, lo riconoscerai, spero. E, compagni, lasciatemelo dire, il matrimonio gay, come dice Casini, non è un’idea incivile: mica ci si arrapa per questo in questa estate torrida no, non si corre questo rischio..., noi del Pd mica ci faremo 20.000 seghe sotto i mari per godere al fresco e per restare in tema. Ma è giusto riconoscere le coppie omosex... se solo mi togliessi questi occhiali da sole”.


Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Ragassi, la lunga marcia del Pd è in dirittura d'arrivo

 Bersani: "Ci vogliamo dare il nostro passo e tenere il nostro passo".


Bersani, Pd pronto a ogni evenienza... (che fa assonanza con convenienza).
Sostegno a Monti ma prepariamo alternativa a destre per elezioni.
Col passo che li contraddistingue!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 30 luglio 2012

Porcellum peripateticum

"Pagherete caro, pagherete tutto!
Parola di Dio, che sarei Io".
Di Pietro: "Costituzione mortificata. Monti-Napolitano peggio di Berlusconi".
GLI ATLETI DELLE OLIMPIADI DEI POLITICI ITALIANI.
Finocchiaro: "Pdl preoccupante".
Cicchitto: "Pd arrogante".
Napolitano: "Voto anticipato? Decido io".
Di Pietro: "Costituzione tramortita".
Vetroni: "Indecoroso".
Napolitano: "Voto anticipato? Decido io".
Casini: "È il più nostalgico di Berlusconi".
Vendola: "Ormai è una vera deriva".
Napolitano: "Voto anticipato? Tanto decido io".

In quali mani siamo: Silvio, salvaci tu!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Monti, Merkel e Draghi mettono a nudo le loro debolezze per salvare l'Euro

Noi tre, in questo quadro
d'insieme, riempiamo il Nulla dell'UE

Monti-Merkel: «Tutto il possibile per l'euro».
Mario Draghi si era detto «pronto a tutto per difendere l'euro» generando un'ondata di euforia considerata eccessiva sui mercati.
A quel punto, Juncker sbottò: «Per Berlino Ue è una filiale».
Sfogo, questo, che ha portato la coppia in similpelle-erotica Monti-Merkel a spingersi l'un l'altro con degli aiutini straordinari e Draghi a suonarsi la fisarmonica-filantropica per elemosinare qualche spicciolo dai cittadini dell'Euro.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 29 luglio 2012

E chi sopravvive vince tutto e diventa l'unico padrone...

Sulla guerra in Kosovo ha un’opinione netta: “Dovevamo cacciare chi era da sempre in quei territori per far spazio ai nuovi arrivati. Una guerra ingiusta, nata solo perché una guerra gli americani dovevano farla”.


Uranio impoverito, marò malato: “Lasciati soli. Io e i miei compagni moriremo tutti”.
Salvo Cannizzo, 36 anni, ha un tumore al cervello e nessun dubbio: "Mi sono ammalato a Djakoviza". Secondo i medici gli restano pochi mesi di vita, che ha deciso di dedicare per denunciare "la condizione di duemila militari in Italia, abbandonati dallo Stato, ammalati senza che gli venga riconosciuto lo stato di servizio".

Le guerre sono tante,
milioni di milioni,
la guerra dei coglioni
è vera qualità
!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 28 luglio 2012

Pippo Baudo: Sharon Stone nuda era, sul letto, e io niente feci!

"Pippo, look me"

Pippo Baudo: «Quella volta che Sharon Stone era nuda sul letto».
Il popolare conduttore racconta: «Andai a trovare la star americana in albergo e lei mi accolse solo con gli slip... E dire che io guardai a fondo, nei minimi particolari, la star miricana... mah?, che minchia mi successe allora, ancora non l'ho capito!».

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 27 luglio 2012

Gli operai dell'Ilva difendono il posto di lavoro anche a costo della vita... mentre la Morte li attende fiduciosa


Ilva, i lavoratori bloccano la città: è sciopero a oltranza, in strada anche a Genova.
Confermata la protesta degli operai dello stabilimento dove da ieri sono sotto sequestro sei reparti dell'area a caldo. Otto i dirigenti ai domiciliari per disastro ambientale. A Taranto si annuncia una nuova giornata di tensione. E la paura di restare senza lavoro contagia gli altri stabilimenti del Gruppo.


Sono tutti d'accordo: bisogna intervenire per la difesa del posto di lavoro e bisogna intervenire per la difesa dell'ambiente!
Cazzo! È una parola!
Ministri, padroni e sindacati? Ecco la ricetta mortale!

Solo i lavoratori, realisticamente, hanno le idee chiare: la difesa del proprio posto di lavoro passa anche in barba alla Morte odiosa. D'altra parte, gli operai sono abituati a lasciare la propria vita sul lavoro. Chi non è abituato al lascito della propria pelle sono gli altri, quelli che cercano sempre le soluzioni migliori, ciascuna favorevole alla propria parte. Ma in questo sistema vigente alternative non ce ne stanno. Quindi..., a ciascuno il suo, com'è sempre stato.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 26 luglio 2012

I consigli per gli acquisti di messer Lapo Elkann

Sono certo che in un momento come questo
voi starete pensando: "Ma questo ci fa o ci è?"
E invece vi sto sfottendo amichevolmente.

"Nonno l'avrebbe amata".
Lapo Elkann e la nuova F12.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Formigoni vuole ricordare tutto in vista di un futuro grigio

"Non insistere, tanto resto al mio posto,
poiché voglio ricordarmi tutto di te"

Formigoni indagato per corruzione: "Non temo nulla, resto al mio posto".
Svolta nell'inchiesta sulla sanità lombarda che aveva portato in carcere il faccendiere ciellino Daccò. Il governatore dovrà rispondere dei 'benefit' da 8,5 milioni di euro transitati anche su conti svizzeri.
La replica: "Io corretto sulle delibere, non temo nulla". E poi attacca sul caso Vendola.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 25 luglio 2012

Formigoni trans?

IL CORPO DEL REATO

Formigoni indagato per corruzione.
I pm: "Aggravante transnazionale".
La conferma dal procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati: "Nel registro dal 14 giugno".
Il presidente della Lombardia coinvolto nell'inchiesta sulla sanità partita dal caso Maugeri.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 24 luglio 2012

Divieto di abbaio per cani sciolti solo in fasce orarie

COSTRETTI ALLE MUSERUOLE, MANCO FOSSIMO UOMINI

"Gli umani, di noi cani, non hanno mai capito un... osso!"

Sindaco, i cani devono abbaiare ma solo a fasce orarie... i politici, invece, a tutte l'ore.
Insolito provvedimento adottato dal primo cittadino di Cerro Volturno, Isernia.
UN DOPPIO BAU BAU... HURRÀ PER IL SINDACO!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Moody's boccia Merkel perché non vuole svelargli il suo Punto G

"A meno che non mi sorprenda con un bel cucù"

In quanto modi si può dire spread?
Malgrado fosse armata di due spade teutoniche a lame taglienti e biforcute, l’Anghela Merkel fu preda predestinata di padre Moody’s che le bocciò Berlino con tutti i crucchi. Presa alle spalle da quel delinquente, fu costretta ad aspre battaglie contro i greci e gli spagnoli; infine, le fece ingurgitare un chilo di sarde crude maleodoranti del Mediterraneo. Tant’è che Monti, l'ultima volta che s'incontrarono, si voltò schifato dalla parte dei signori impartendole l’aut-aut con fare altezzoso: “Signora, le sperda, cortesemente, insieme al suo spread, dank”.

Così l’Italia fu salva, Napolitano più sereno, Monti più senatore a vita, Berlusconi più bello di notte e più riluttante di giorno.
Bersani, a quel punto, potette dedicarsi ai suoi gay e ai suoi rottamatori.
Noi italiani, infine, siamo i più goderecci perché non ci frega niente né di Moody's né dello spread!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 23 luglio 2012

Achtung, Achtung: Frau Merkel in Aktion

"Uno spagnolo su una macchina italiana che vince in
Germania è un atto di terrorismo contro la Germania"

"Credo di essere coraggiosa nei momenti decisivi, ma ho bisogno di tempi lunghi e cerco quanto più possibile di riflettere prima di agire. E visto che buttate tutto in politica, compresa una banale gara di Formula 1, ho riflettuto e ho deciso che non voglio essere più la cancelliera di tutti i tedeschi, per migliorare la situazione del nostro Paese. Al contrario, voglio essere la cancellina di tutti i collaborazionisti antitedeschi. Avevamo perso la partita contro l'Italia, adesso abbiamo perso anche contro gli ispanici-italioti. O torniamo a vincere o kaputt a voi e a tutte le vostre famiglie! E niente euri per i Paesi indigenti, ja!".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 22 luglio 2012

I sepolcri imbiancati del procuratore Scarpinato

L'inizio e la fine di questo intervento mi fanno ben sperare.

L’intervento di Roberto Scarpinato, procuratore generale della Corte di Appello di Caltanissetta, letto alla commemorazione per i 20 anni dell’assassinio di Paolo Borsellino, con il quale ha lavorato fianco a fianco nel pool antimafia.

Caro Paolo,

oggi siamo qui a commemorarti in forma privata perché più trascorrono gli anni e più diventa imbarazzante il 23 maggio ed il 19 luglio partecipare alle cerimonie ufficiali che ricordano le stragi di Capaci e di via D’Amelio.

Stringe il cuore a vedere talora tra le prime file, nei posti riservati alle autorità, anche personaggi la cui condotta di vita sembra essere la negazione stessa di quei valori di giustizia e di legalità per i quali tu ti sei fatto uccidere; personaggi dal passato e dal presente equivoco le cui vite – per usare le tue parole – emanano quel puzzo del compromesso morale che tu tanto aborrivi e che si contrappone al fresco profumo della libertà.

E come se non bastasse, Paolo, intorno a costoro si accalca una corte di anime in livrea, di piccoli e grandi maggiordomi del potere, di questuanti pronti a piegare la schiena e a barattare l’anima in cambio di promozioni in carriera o dell’accesso al mondo dorato dei facili privilegi.

[...]

Le loro notti si fanno sempre più insonni e angosciose, perché hanno capito che non ci fermeremo, perché sanno che è solo questione di tempo. Sanno che riusciremo a scoprire la verità. Sanno che uno di questi giorni alla porta delle loro lussuosi palazzi busserà lo Stato, il vero Stato quello al quale tu e Giovanni avete dedicato le vostre vite e la vostra morte.

E sanno che quel giorno saranno nudi dinanzi alla verità e alla giustizia che si erano illusi di calpestare e saranno chiamati a rendere conto della loro crudeltà e della loro viltà dinanzi alla Nazione.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Silviolino si candida, non si candida, si candida sì! Parola di Santa Anché

Santa Anché e Silviolino

Berlusconi smentisce Libero: "Falso il dietrofront sulla candidatura".
Con una nota il Cavaliere nega il passo indietro rispetto all'ipotesi di un ritorno in campo. Ma sono stati proprio esponenti di primo piano del Pdl, da Alemanno a Frattini, a frenare: "Non si presenterà per la sesta volta".
Meno male che con lui c'è Santa Anché, la sua tutor preferita, che gli ha detto: "Tu puoi camminare sulle acque. Basta volerlo. Convinciti e fottitene dei tuoi ex amici di partito"!

Anche fraticel Frattini ha detto la sua: "Sta valutando tutte le conseguenze casomai cadesse e affogasse".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 21 luglio 2012

Casini, uomo da ultimatum

Casini: "Su temi etici non accetto ultimatum".
Casini: "Su temi etilici non accetto ultimatum".
Casini: "Su temi erotici non accetto ultimatum".
Insomma, Casini, uomo pragmaticum, non accetta di essere trattato come se fosse l'ultimatum! Se accetterà qualcosa, ce lo farà sapere. Anche questo ha il sapore di un ultimatum.


Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 20 luglio 2012

Casini e Bindi si sposano civilmente

Il matrimonio è un atto di fede!,
non un giochino alla cazzona

Casini, i matrimoni gay sono "incivili".
Bindi: "Rimpiangerete le unioni civili".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 19 luglio 2012

Ultimatum di Napolitano contro la diseguaglianze e i privilegi

Il mahatma Giorgio mentre sta
scrivendo il messaggio di solidarietà


Napolitano: «Per evitare che la crisi degeneri, siamo tutti chiamati a sacrifici»
L'appello del Presidente: «Diseguaglianze incidono sullo sviluppo».
Ma non solo. E che dire di Casini cha si sta sbattendo per tutti noi: «Ho incontrato Monti, no a nuove manovre».

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Siculi, o volite ancora 'o café di don Raffaè?

Non è colpa mia se il popolo siciliano ha votato per me!

Lombardo: "Rischio default? Ma vadano a morire ammazzati. C'è qualche pseudo-industriale secondo cui io dovrei licenziare cinquantamila persone, ma non lo farò mai. Piuttosto questo pseudo-industriale vada a morire ammazzato". Lo ha detto Raffaele Lombardo incontrando i giornalisti. Non fa mai il nome del vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello ma il riferimento è all'imprenditore che nei giorni scorsi in un'intervista aveva annunciato il rischio default per la Sicilia.

"Ma vadano a morire ammazzati": un po' come gli hanno urlato gli operai di Termini Imerese che lo hanno mandato a vaffanculo insieme a tutti i suoi amiconi privilegiati, imboscati, raccomandati, lacchè e figghi ri buttana, senza esclusione di partiti, sindacati, industriali, marchionni, mafiosi, et coetera....
Il problema però non risolverà mai perché i siculi, che sono furbi, alle prossime elezioni rivoteranno per le stesse promesse, gli stessi ricatti e le stesse facce da cesso. Amen!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 18 luglio 2012

Dell'Utri si aspetta l'organo sessuale maschile dal suo processo

Processi a minchia sciolta

Alla domanda: "Cosa si aspetta da questo processo?", Dell'Utri ha risposto: "Un cazzo".
Risposta offensiva, tant'è che il cazzo, risentito, è diventato duro. Ora lo sta aspettando per presentargli le sue rimostranze.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Il duca Pier Luigi, che se fosse vissuto in altra epoca...


Trattativa e intercettazioni, Bersani: “Indecenti gli attacchi a Napolitano”.
Il segretario del Pd interviene alla festa democratica di Roma e tocca i tempi più delicati: "Nozze gay come in Germania".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 17 luglio 2012

Le Istituzioni... sì, ma quali sono le migliori?


Intercettazioni, Borsellino a Napolitano: «Schiaffo alla ricerca della verità».
Stato-mafia, Napolitano al telefono con Mancino. Che cosa si saranno detti?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 16 luglio 2012

Pipì di gruppo in Padania


La solitudine di Umberto Bossi.

L'ex leader della Lega abbandonato da tutti: nessuno gli fa compagnia a tavola dopo un comizio.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

La madre di tutte le Minetti


Santanché, quella che ha preso una storta al dito medio (ce l'ha sempre dritto): “Nicole Minetti avrà tanti talenti, ma non è adatta alla politica”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 15 luglio 2012

Bersani e il PDG

UN UOMO PER TUTTE LE STAGIONI

Tra primarie, diritti ai gay e rottamatori Bersani fatica a tenere in pugno il Pd.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 14 luglio 2012

Silvio è stato un bruco, poi si è trasformato in crisalide e adesso spiccherà il volo come una farfalla

"Solo così potrò salvare il Pdl"

Nuove strategie di comunicazione in campagna elettorale: Silvio vola (col pisello caduco) come una farfalla.

Glielo ha prescritto il suo dottore: "Perdi almeno 8 chili se vuoi ritornare a volare da padrone nel cielo della libertà".

Voi mica ce l'avete (e nemmeno io) un dottore che vi dice: "Se volete stare bene in salute, buttatevi in politica: una volta lì, potrete volare a destra e a manca e farvi i cazzi vostri".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Berlusconi è ormai un uomo anziano, e non lo si può menare per il naso come hanno fatto con questi altri

"Scendo in pista ma datemi tempo!"

Berlusconi: "Torno in pista per salvare Pdl. Non getto via 18 anni di impegno politico".
In un colloquio con Bruno Vespa l'ex premier spiega le ragioni che lo hanno spinto a ricandidarsi. Cicchitto: "Cavaliere ancora il più forte candidato del partito". Stracquadanio: "Pdl non esiste". Bersani: "Agghiacciante", Casini: "Decisione che non fa bene all'Italia".

La platea del Cavaliere over 70: "Non hanno detto dove ci portavano... che se lo avessimo saputo..."
Dalla convention dei Cristiano Riformisti, nel corso della quale si formalizza la "ridiscesa" in campo di Silvio Berlusconi. La platea in attesa dell'intervento del cavaliere è ampiamente sopra i 70 anni, in molti sono stati portati con i pullman dai centri per anziani della capitale, e, intervistati, esprimono sconcerto sul silenzio degli organizzatori su quello che stavano andando a vedere.

Berlusconi dà forfait, la delusione della platea.
"Porto i saluti del presidente Berlusconi, che questo pomeriggio è stato trattenuto da un impegno", spiega Angelino Alfano al convegno dei Cristiano riformisti tra la delusione della platea.
Quale impegno? Qui, gatta (Santanché?) ci cova!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 13 luglio 2012

Enrico Letta, questo sconosciuto


Il vicesegretario del Pd al Corriere: "Alleanza con Vendola e Udc, governo in continuità con Monti". Sul comico: "Ha tre idee, uscire dall'euro, non ripagare i debiti e non dare cittadinanza ai figli degli immigrati".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Santanché e il Ritorno della Fava Secca

FAC-SIMILE DI DONNA DA AFFIANCARE A BERLUSCONI

Solo così vincerà le elezioni!
Santanché: "Non sarò io la donna del ticket, ma il tempo delle Minetti è finito".
La Santanché all'attacco: "L'idea l'ho avuta io prima di Alfano. La Russa e Cicchitto fuori da questa scelta".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 12 luglio 2012

Il ritorno al futuro di Berlusconi: lo reclama a gran voce la Gnocca abbandonata

Lo chiedono gli imprenditori. Lo vuole Alfano. Lo spingono i sondaggi. E, soprattutto, lo reclama a gran voce la Gnocca abbandonata.


Alla cena di compleanno di una sua ex sottosegretario allo Sviluppo, Silvio Berlusconi, emozionato al sentir l’inno di Forza Gnocca, si confida con i commensali: “Molti imprenditori e molte imprendivacche mi chiedono di ridiscendere in campo... a mungerle!”.

Ma Stracqua Danio (qual è il nome e quale il cognome?) ha sottolineato che ormai “nessuno pensa più, nel Pdl, che il Cavaliere, in quanto tale, sia ancora in grado di cavalcarle... e, soprattutto, se pensa di ridiscendere in campo con o senza la famosa bandana sciupa femmine”.

“Angelino, continua Danio Stracqua, aveva cercato di sostituirlo nelle cavalcate dopo avergli chiesto il permesso, ma il Cavaliere gli aveva risposto che, per quelle così lì, lui non si fida di nessuno e che è meglio godere per conto proprio e non per conto terzi. Con l’aggravante che il Cavaliere, allo stato, non si sa che cosa abbia in mente: se cavalcare di notte, con la chitarra di Apicella o di giorno, con le alucce di Angelino”.

Cicchitto, invece, è convinto che Angelino non deve interrompere il coito col Pdl, anche se ritorna Berlusconi. L’Angelino sta cavalcando bene, è più giovane, gode da par suo, e potrebbe far godere anche gli altri. Però, la goduta principale, e senza primarie, spetta al Capo. Se lui non dovesse godere più, il Pdl se la potrà fare solo a mano. Ecco perché è necessario che Berlusconi continui le sue battaglie ridiscendendo, dal lettone di Putin, sul campo della politica che conta, a 77 anni suonati. Gli imprenditori e le imprendivacche questo lo sanno. E gli stanno preparando un stock di super viagra che lo sostenga fino alle prossime elezioni.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 10 luglio 2012

Napolitano: "Guagliò, o pesce fete da capa"


Riforma elettorale, Napolitano: "Non è più rinviabile".
Legge elettorale, entro dieci giorni un testo in Senato. Ma c’è lo scoglio delle riforme.
Grillo: "Con il Porcellum il Movimento 5 Stelle potrebbe avere la maggioranza".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 8 luglio 2012

Come appare un chierichetto stuprato nell'immaginario collettivo

"No, non me ne vado
manco se mi stuprano!"

Grillo e la "guerra" contro Formigoni: «È il simbolo di quello che non deve essere la politica, un uomo che non va via, che sorride come un chierichetto stuprato dal parroco...».

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Quei due si sposeranno per il bene dell'Italia


Vendola e Di Pietro insieme per stanare Bersani: “No a un’alleanza tra Pd e Udc”.
Bersani e Casini: è solo un matrimonio morganatico, per escludere quei due di condizione inferiore e salvare l'Italia da Monti e da Berlusconi.

Mi chiedo, però: chi fa il sovrano? Casini o Bersani?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 7 luglio 2012

Bersani evoca lo spettro di un esodato...

... E LO SPETTRO DI UN ESODATO GLI APPARE
INCHIODANDOLO ALLE SUE RESPONSABILITÀ:
"TU, COMPAGNO, AIUTAMI A SPAVENTARE MONTI"


Bersani evoca lo spettro del caso esodati, per soffiare sul collo del governo alle prese con la spending review e i tagli a sanità ed enti locali: «Nel decreto ci sono cose buone, e le appoggeremo con convinzione. Ci sono anche cose da correggere».
Spending review: «Alcuni tagli da correggere. Il resto è ok».
Cicchitto: «Da sostenere».
Di Pietro: «Scendiamo in piazza».
Ma Bersani, come al solito, non è d'accordo con Di Pietro: «Scendi tu in piazza se vuoi. Io salgo sul tetto che già ci sono stato una volta, si vede tutto il panorama e tira un'aria più pulita. Eppoi, caro il mio, non sai che dall'alto in basso la lotta viene meglio?».

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

PORCELLUM: legenda

E LE STALLE STANNO A GUARDARE
in attesa della sua macellazione

Legge elettorale, Napolitano: “Via il Porcellum”. Ah, se non fosse per lui! Ma l’accordo è lontano.

Da un lato il Pdl blocca la riforma, a causa delle divisioni interne. Dall'altro il Pd sta a guardare e ritarda la presentazione in Parlamento della sua proposta basata su un sistema simile a quello tedesco.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 6 luglio 2012

È più che un sospetto: Monti è una medusa sotto mentite spoglie


Altro che omini verdi o terribili predatori siderali tipo Alien. Gli extraterrestri, se esistono, potrebbero essere piuttosto simili a meduse giganti, grandi quanto un campo da calcio.
Il loro dna poi, invece che basato in predominanza sul carbonio, così come avviene sulla Terra per ogni essere vivente, potrebbe utilizzare il silicio.
L'esercizio è puramente teorico e a proporlo è lo scienziato britannico Maggie Aderin-Pocock, esperta di satelliti e consulente del governo.
"La nostra immaginazione - ha detto all'Independent - è ovviamente limitata da quello che vediamo intorno a noi, dalla nostra percezione di vita legata al carbonio e all'acqua. Alcuni ricercatori stanno conducendo studi molto interessanti, come ad esempio l'idea che gli esseri viventi di mondi diversi e lontani dal nostro possano aver utilizzato il silicio come mattoni base per la loro evoluzione. Ma la mia visione degli alieni è dunque deumanizzata (e Monti parrebbe esserlo), molto diversa da quella immaginata dal cinema".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Il nuovo Dio, il bosone vah, non avrà vita facile all'interno della religione cattolica

Nessun essere umano, con un po' di sale in zucca,
accetterebbe questa immagine da adorare come un Dio

Specie se esistono perle di saggezza di questa portata:

L'intervistatore a una suora: “Cosa ne pensa lei delle coppie omosessuali?”.
Risposta della suora: “Che vanno atterrate, annientate, perché la famiglia esiste da quando esiste Cristo e sin dall’Antico Testamento. Quindi, viva la famiglia, abbasso i gay”.

Padre Livio Fanzaga parla dello tsunami del 2004 su Radio Maria: “E poi questa immane tragedia che, comunque, ha il sapore d’una piaga, di un flagello biblico, questa piaga è tutta da esaminare, perché è accaduta il giorno dopo il Natale... non lo so... io non mi sento di liquidarla dicendo è un fatto naturale. Dio governa il mondo, governa anche gli eventi naturali, figlioli cari. Quando ho letto questi ultimi giorni del messaggio dei primi anni della Madonna che dice: Ma come, avete pregato Dio perché vi mandasse l’acqua... Dio vi manda l’acqua, adesso vi lamentate perché c’è il fango... Allora, Dio dà i castighi, castiga... per rendere casti, per purificarci”.

Darwinisti sciocchi e atei maledetti: “Molti mi chiedono: Ma ci sono stati veramente Adamo ed Eva...? è un racconto simbolico, e qua e là...”. Ma guardate che la prima coppia è esistita veramente,... cioè, guardate che la storiella che l’uomo è venuto dalla scimmia è una storiella che scrive soltanto Repubblica e il Corriere. Come un ragazzo che è venuto da me e dice: “Ah, io perché dovrei credere in Dio? Io sono felice”. Io gli ho detto: “Ti venisse un cancro!”.

Prof. Roberto De Mattei, vicepresidente del CNR per sei anni fino al 2011, (riferendosi alla marcia contro l’aborto del 13 maggio 2012): “La marcia inizierà dal Colosseo, un luogo dove i martiri cristiani hanno versato il loro sangue. Un luogo che ci ricorda come ancora oggi milioni di esseri umani indifesi versano il loro sangue in olocausto al Moloch relativista. Per arrivare a Castel Sant’Angelo, un altro luogo simbolico che ci ricorda quanto avvenne nell’anno 590, al termine di una processione indetta dal papa san Gregorio Magno per implorare la cessazione del flagello della peste su Roma. Un angelo apparve sulla sommità del castello; riponendo la spada nel fodero, ad indicare che il Signore, accogliendo le preghiere, aveva decretato la fine del flagello. Anche noi imploreremo la fine del flagello dell’aborto. E sarà bello farlo in un giorno, il 13 maggio, che è il 95esimo anniversario delle apparizioni della Madonna a Fatima. La visione del terzo segreto di Fatima è quella di un angelo che impugna una spada fiammeggiante, una spada che non è stata ancora riposta. Una spada che incombe sull’umanità che ha voltato le spalle al Signore”.

Esorcisti in tv. La domanda del presentatore: “Possessione diabolica per la scienza, o meglio, per una parte della scienza è soltanto una suggestione, addirittura si fa risalire il problema di una presunta possessione diabolica a origini infantili, quindi a disturbi infantili. Qui, invece, noi, monsignore, esorcisti come lei combattono in modo silenzioso, ogni giorno, una guerra contro il diavolo. Cosa vorrebbe dire a questa parte del mondo scientifico, o do pseudoscientifico, che non crede all’esistenza del demonio e delle possessioni diaboliche?”.
Risposta del monsignore esorcista: “Che sono completamente nella ignoranza... Intanto io sono convinto che non c’è nulla che possa convincere chi, preventivamente, si autosuggestiona e dice: “Non esiste il soprannaturale”. Se uno ha questa ferma convinzione... è lui il suggestionato. È successo meno di una settimana fa, un posseduto che, come conseguenza della sua possessione, è diventato simile, mi spiego, a un down... quindi non capisce, fa gesti... gna gna...!”.

Padre Amorth: “Tanti giovani, tanti ragazzi che si dànno a pratiche occulte... un... Harry Potter, per esempio, un libro che avvia i fanciulli alla magia e al satanismo”.

L’aldilà esiste. Mons. Zenti contro Margherita Hack.
Il conduttore: “Però, professoressa, lei prima ha detto che ritiene Gesù di Nazareth uno dei più grandi uomini della storia.”
Hack: “Uomini, non dio”.
Conduttore: “Uomini, uomini... allora, la mia domanda di prima io la perfeziono: Se potesse scegliere, le farebbe piacere scoprire che quest’uomo è anche Dio fatto uomo e che quindi, dopo la morte, lei si trova faccia a faccia con lui. Se potesse scegliere, preferirebbe che il cristianesimo fosse vero oppure che fosse un’illusione come lei crede?”.
Hack: “Bah?... (risolino), credo che mi piacerebbe un aldilà dove trovar le persone a cui ho voluto bene... anche i miei animali a cui ho voluto bene (ride). Però non credo alle favole e quindi la piglio come una barzelletta”.
Conduttore: “D’accordo, però, potendo scegliere, che preferirebbe?”.
Hack: “Ah, perché no? Trovarsi tutti insieme... (Ride). Chissà che affollamento ci sarebbe?”. (Ridono in platea).
Mons. Zenti: “Quella mamma che tende la mano...”
Hack: “La mi’ mamma, il mi’ babbo...”
Mons. Zenti: “Ah, è bellissimo, bellissimo... ed è una cosa... ed è poesia! Razionalità, eh? La poesia è razionalità, non è fantasia pura, è razionalità che coglie nell’intuizione le profondità dell’essere umano.”
Conduttore: “Quindi c’è un po’ di dolore nel credere che non c’è nessun (aldilà)...”.
Hack: “Non dolore... no, assolutamente. No. Uno può dire: sarebbe una bella favola, ma poi...”.
Mons. Zenti: “E se fosse motivo di gioia il credere di felicità vera... se fosse un motivo di felicità vera, cioè di capire che il senso della vita sta tutto lì...”.
Hack: “Ma io son felice”.
Mons. Zenti: “E anch’io... oh!”.
Hack: “Perché ho fatto un lavoro che mi piace, perché ho avuto fortuna con la mia famiglia, col mio compagno...”
Mons. Zenti: “E i poveracci che invece sono gli sconfitti della vita? Che cosa ci stanno a fare? Era meglio che non venissero al mondo? Soltanto la felicità in questo mondo non ripaga nessuno, questo è il problema”.
Conduttore a mons. Zenti: “E, ma lei, (la Hack), dice che sarebbe bello ma non è così”.
Mons. Zenti: “Però dica la verità, lei che ha condotto, mi pare che ci siamo anche rispettati...”
Hack: “Mica ci si deve prendere a pugni”. (Ridendo)

E pensa che la Margherita Hack ha osato affermare che il bosone È dio!
Mio dio, mio dio, non so proprio come andrà a finire. E non oso pensare a ciò che sta sfruculiando il Vaticano su questa nuova eresia.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 5 luglio 2012

Monti alla Camera cita (che non è la scimmia di Tarzan) Hemingway

"Pietà, Mario, pietà!"

Il "pesce" catturato nell'Eurovertice non farà la fine del marlin nel romanzo di Hemingway 'Il vecchio e il mare'. In aula, Mario Monti invita così a stare sereni: le decisioni del Consiglio Ue "non sono qualcosa che rischia di arrivare al porto ridotto a scheletro."
Nel romanzo, dopo una solitaria battuta di pesca di tre giorni e tre notti, il vecchio Santiago torna a riva con un gigantesco marlin attaccato alla barca. Ma nella rotta verso terra, la preda è stata spolpata dagli squali.
Ahi ahi... questa ultima scena nun me piace pe' gnente!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

La mosca sul naso di Monti

Monti: «In Italia Europa
protagonista grazie a una mosca»

Che un uomo così grigio potesse eccitarsi con una mosca che lo cavalca sul naso non lo avrei mai immaginato. Eppure è così: l'intensità della postura facciale la dice lunga su come si può fare del sesso pubblicamente - e godere - senza destare scandali. Cosa che non riusciva al vecchio mascarpone di Arcore. Se serve a renderlo sereno e compiuto a questo punto occorre mettere più mosche sul suo cammino. Sarà poco igienico... ma, a ciascuno il suo! Per il bene del Paese, beninteso.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 4 luglio 2012

E ora che abbiamo trovato Dio?

Stanno guardando Dio
Il Bosone di Dio.
Quella particella è Dio.
Zichichi vuole trovare il superDio. Tutti impazziti per Higgs!

Mai ci eravamo spinti così in alto con lo sguardo. Eravamo arrivati fino all'Unto, di altezza bassa: anche a guardarlo dai Monti, ci siamo messi. Sempre basso restava.

E con la Chiesa come la mettiamo? Accetterà mai di adorare il bosone come fosse Dio?
Grandi casini ci attendono. Io già ce lo sapevo che trovare Dio sarebbe stata l'ultima pazzia dell'uomo...

Con l'avvento di un Dio così scientifico la società migliorerà senza dubbio. E accetteremo supinamente la scoperta che anche Monti, Fornero e Merkel santi erano e saranno. Noi, sempre più pirla.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Una giornata tipo di Marchio Sergionne e dello stabilimento in più che c'è in Italia

Ancora prima che sorga il sole sorge lui.

Dopo la pipì del mattino la doccia, la vestizione, la colazione, la lettura dei giornali, le telefonate, il bacino al micio (se c’ha un micio?, e che ne so), finalmente, sale in macchina per recarsi al lavoro.

Lavoro? Perché, lui lavora?, si chiede il tizio dall’altro lato della strada, vedendolo passare… caspita, lavora sì, come se fosse un dipendente Fiat, guarda: infatti sta guidando l’auto di cortesia al posto dello chauffeur, che ha licenziato subito dopo averlo sostituito alla guida, per sparagnare anche su questo. Anzi, lo ha abbandonato sul bordo della strada come si fa con i cuccioli di cane. Se gli è venuto il rimorso? Neanche in forma retroattiva poiché il nostro eroe, uso alle altitudini mentali, subito si è immerso nei suoi pensieri profondi: ”Se le attuali capacità di assorbimento in Europa resteranno uguali nei prossimi 24-36 mesi, c’è uno stabilimento di troppo in Italia”. Ecco l’acme di una giornata tipo del nostro. Ha espresso a voce alta il sommo pensiero. Una cosa intelligente, mica una minchiata.

Questa cosa intelligente lo insegue dalla sera precedente. Lo ha reso insonne. Infatti guida con l’occhio stanco, da triglia semiaddormentata. C’è un qualcosa in più in Italia che stona. Un pensiero lineare, che fissa nella mente mentre guarda lo specchietto retrovisore. È appena passato col rosso. Indifferente, va avanti fregandosene della segnaletica stradale: se lo può permettere. Dietro qualcuno ha tamponato. Ma non importa, che si rompano tutti quanti l’osso del collo, passa prima lui… Niente, non si volta neanche a gratis. Marchio Sergionne è fatto così: avanti come un bulldozer senza guardare in faccia nessuno. Gli vengono i pensieri, li esprime ad alta voce a sé stesso e pretende pure da sé stesso una risposta soddisfacente e definitiva. Mentre fuori succede il finimondo. I sindacati s’incazzano (fanno finta, ma mascherano bene tutti).

L’Italia ha qualcosa di troppo che la sbilancia. Uno stabilimento. Quale? Quale pesa di più? Quale chiudere? Pomigliano, Mirafiori…? Tutti? No, tutti no. Qualcuno potrebbe chiedersi: ma perché non si chiude lui al manicomio. Perché anche se lui è l’Ad supremo di Fiat, cioè di una multiuso extranazionale società il cui fine è il profitto massimo a qualsiasi latitudine, lui resta sempre un umano, coi suoi limiti e le sue patologie: Marchio Sergionne è il marchio vivente di Fiat, spesso preso per pazzo. Di questa patologia è saturo e non ne esce. Inguaribile. Però se ne dispiace un po’ quando, nei rari momenti di lucidità, non viene capito nemmeno dai suoi più intimi, escluso Elton John, Elkann, volevo dire. Un esempio: “A Pomigliano non abbiamo fatto alcuna discriminazione, abbiamo assunto 20 lavoratori che nel 2010 erano iscritti alla Fiom. Domani presenteremo appello. O loro a casa oppure cassa integrazione per altri. Prendere o lasciare”. Una persona sincera che non viene mai creduta. Meno male che il sindacato fa le battaglie (dette anche: cause perse) per difendere i lavoratori, mai che ne faccia qualcuna per difendere il principio ecumenico del pensiero di Marchio.

Gli italiani (mi riferisco solo a quelli che sono un po' incazzati: degli altri che stanno bene, non mi frega un accidente) sono fatti così. Non s’incazzano più seriamente e non soltanto contro il Marchio. Ormai si fanno passare tutte le ingiustizie sotto gli occhi senza intervenire. Sono stati drogati. Zombi. Vivono in una apnea totale dove l’ossigeno gli viene pure tassato. E le promesse di miglioramenti vengono prorogate di giorno in giorno, di mese in mese, di anno in anno.

La giornata tipo di questi italiani dovrebbe tenere conto che l’incazzatura non è sinonimo di inutili lamentazioni e basta. Se uno è incazzato a causa della mondezza che lo circonda, ha il dovere di liberarsi da questa mondezza, a qualsiasi costo. Come fa e ha intenzione di fare il Marchio nazionale. Senza peli sulla lingua.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Con la spending review ho scoperto che c'è del marcio nelle mutande dei parlamentari

Barbato: "Cari Pd e Pdl, visto come votate e tenete bene questa palude... voglio dire una cosa a nome di tutti i giovani italiani a questa maggioranza: ci avete rotto i coglioni...".
Fini: "Onorevole Barbato, lei non può usare un linguaggio da trivio in quest'aula. La prego di uscire dall'aula".

Capito? Un linguaggio da trivio.
E di questo qui sotto, ne vogliamo parlare?

Rapido bunga bunga infradito

Allora, non puoi parlare di coglioni rotti in aula, ma ti ci puoi strizzare le palle. Perché ciò non è da trivio!
C'è del marcio dentro alcune mutande parlamentari. D'altra parte, dopo le strizzate di palle e tutte le invocazioni ai genitali rotti, chi deve tagliare taglia lo stesso, nevvero mr. Monti?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 3 luglio 2012

La statua di Dante ha avuto un furtivo irrigidimento dabbasso in piazza Santa Croce

Lasciate che li giovini si amino qui sotto!

Due giovani fanno sesso di sera sotto la statua di Dante in piazza Santa Croce, a Firenze. Passanti riprendono la scena 'hard' con i telefonini. È successo il 23 giugno secondo il racconto di due militanti della Lega Nord che hanno scattato foto e le hanno mandate al sindaco Matteo Renzi.

"Piazza Santa Croce è ormai un bordello all'aperto - dice il leghista Razzanelli - Non bastava lo spaccio di droga e di alcol, ci mancava anche il sesso libero. La piazza è ormai fuori controllo".  Un po' di pulizia morale, cribbio!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Lo Specchio d'Italia è questo: rimirarsi, prego!

Questa è l'avanguardia degli italiani che brinda (a che cosa?)

... via via tutti gli altri poveri cristi... a cui manca uno specchio vero nel quale riflettersi! Per non parlare degli specchi magici e degli specchietti per le allodole. Vah, che ce l'abbiamo fatta anche stavolta!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 1 luglio 2012

E ora non dite che la colpa della sconfitta italiana è di Monti

SE QUATTRO GOAL VI SEMBRAN POCHI...
ASPETTIAMO IL RESTO CHE CI SPETTA

Monti: "Tra due Paesi
disgraziati, ha perso il peggiore!"

La Merkel ride!
E anche Pertini.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Allattamento leghista Doc

QUEL BIMBO PIAGNUCOLOSO CH'EI FU OGGI NON È PIÙ
VI PRESENTO IL NUOVO BO(NO)BO LEGHISTA

Congresso Lega, Maroni segretario. Bossi: “Ora il bambino è tuo”. L'ex ministro dell'Interno eletto per acclamazione a causa della grande libertà interna.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Heracleum