mercoledì 31 dicembre 2014

Anno Nuovo... la stessa cazzimma, anzi, peggio!

Ancora discorsi di fine anno, Presidente? E che c'ha di nuovo da dire?

Cappelli verdi, facce bianche
e cappotti rossi: evviva il 2015
Il 2014... un escremento mefitico, senza limiti e vergogne, ma pieno di bugie, quelle sue, quelle di Stato e quelle europee.
Il 2015?
Già, come sarà?
Stando a questi due simpatici mattacchioni, il 2015 sarà l'anno dell'Italia, l'anno del lavoro, della buona economia, della buona salute, del buon ambiente, della buona creanza sociale e civile senza limiti. L'Italia diventerà sinonimo di invidia impareggiabile per gli altri paesi. La perla del Pianeta. Intorno a lei si diffonderà una nuova fragranza amorosa che anticipa il ritorno dell'uomo e della donna... al camposanto, senza limiti né ulteriori spese, ma cerei.
I loro funerali, però, non saranno di Stato. Dobbiamo fare una colletta tra noialtri poveracci.
Care italiane e cari italiani, se foss'io il Presidente con la P maiuscola, concluderei così il mio messaggio di fine anno. L'unico possibile da farsi. I ben pensanti e i bigotti, invece, gli facciano gli applausi. Se li merita tutti... fino in fondo!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 30 dicembre 2014

La Casta vorrebbe un Presidente come Pertini

"Attenti italiani, che vi pigliano per il culo!"

L’identikit di Palazzo Chigi per l’accordo sul Colle: "È un ruolo tutto politico, serve un nuovo Pertini".

Pertini:
L'Italia, a mio avviso, deve essere nel mondo portatrice di pace: si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, si colmino i granai di vita per milioni di creature umane che lottano contro la fame. Il nostro popolo generoso si è sempre sentito fratello a tutti i popoli della terra. Questa è la strada, la strada della pace che noi dobbiamo seguire.
Siete avvisati, maneggioni della politica italica: trovatene uno così, che nel dire questo lo metta poi in pratica. Se lo trovate non solo siete fortunati ma passerete anche per galantuomini. Altrimenti il Pertini o la Pertina che sceglierete non sarà altri che la vostra emanazione ipocrita, falsa e spergiura di tutte le promesse che andrete ancora a spifferare.

Se non lo trovate, lasciate perdere Prodi e tutti gli altri.
Il suo vigore è reale solo quando predica "sta calmo, calmo, calmo..." e ancora "sta tranquillo quieto saggio e più calmo calmo calmo con molta calma", mentre aspetta il panino caldo e calmo affogato nella mortadella calma quieta profumata saggia. Ed europea. Col rischio che potremmo morire affogati nella mortadella saggia e calma.

Si potrebbe optare per il discendente del cavallo Incitatus di Caligola. Ma anche quello, mica facile che lo trovi.
E Dudù?
Insomma, se i cani sono fedeli, Dudù è necessario. Ha la dote! È quella che comanda.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Quel pomeriggio di un giorno da coach, con Al Renzino

Renzi: "Io come Al Pacino, alleno l'Italia e la motivo".



Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante la conferenza stampa di fine anno ha fatto riferimeno a "Ogni maledetta domenica", il film in cui Al Pacino intepreta il ruolo di un allenatore di football americano che riesce a condurre la squadra alle finali del campionato.

Bah, secondo me si è un po' confuso coi film, a causa di una dose troppo alta di vanagloria!
E, visto e considerato lo stato in cui versa il Paese, che solo lui e i suoi colleghi continuano a vederlo buono perché secondo loro sta per uscire dalla crisi, sarebbe stato meglio se avesse fatto riferimento a "Quel pomeriggio di un giorno da cani", film di rapina, disagi, mala esistenza e morte!
E pensare che in quella maledetta cassaforte da rapinare erano rimasti solo pochi spiccioli di dollari.
Un po' come noialtri, con gli ultimi maledetti spiccioli di euri. Prendere ai quasi morti, che valore ha?
Ça va sans dire!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 28 dicembre 2014

Poletti e Sacconi incrostati sull'efficacia del jobs act


Jobs Act, Taddei: “Volontà politica è non applicarlo al pubblico impiego”.
Non c'è nessuna volontà politica dei PDI (Padroni D'Italia) di dispiacere i lavoratori pubblici.
Questa si chiama fraterna solidarietà - quasi un conflitto d'interessi - verso chi porta avanti la baracca del Paese, gli unici lavoratori per antonomasia di sempre.

Egregio Renzino, questo jobs act, più che una Rivoluzione Copernicana,
a me pare una RIVOLUZIONE PACCHIANA!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 27 dicembre 2014

Renzino, lo vedi che t'è successo con tutti questi tweet?

"Oh Renzino, guardati
allo specchio, ora:
ne è valsa la pena

a perdere tempo
con questa porcata

del jobs act?
Spera solo che non ti passi
accanto l'angelo statuario,
che rischi di rimanere
così per sempre".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Il jobs act non è una cagata pazzesca!

"LA SANTA TROIKA MI PROTEGGE"
Jobs act. Da Cgil e Uil a Ncd e minoranza Pd: per Matteo Renzi le polemiche non finiscono.
Col jobs act del signor Renzi crolla definitivamente il significato antico "del lavoro che nobilita l'uomo". Ma manco più le bestie, se è per quello.
Stralcio:
Il Nuovo Aspi ha una durata più lunga dell'Aspi, 18 mesi anziché 12, soltanto per chi perde il lavoro dipendente prima di 55 anni, ma è di importo inferiore rispetto a quanto oggi in vigore e scende a circa 400 euro al mese nel semestre finale: maggiore durata e minore importo si compensano per i più "fortunati", gli altri ci perdono. Il Nuovo "mini-Aspi" e il sostegno al reddito per co.co.co e co.co.pro ricalcano sostanzialmente quanto già in vigore (la lump sum viene rateizzata), mentre le Partite Iva individuali subiscono, oltre al danno inferto dalla Legge di Stabilità (innalzamento dei contributi previdenziali dal 28 al 33% e restrizione delle condizioni di accesso al regime dei "minimi"), anche la beffa dell'esclusione dalla copertura degli ammortizzatori sociali: sono lavoratori dipendenti a fini previdenziali, ma autonomi per il sostegno al reddito.
La cosa più insopportabile per Renzi è il dover sentir dire da Fassina Chi: "Col jobs act, Renzi insegue la puerca troika. Col jobs act, Renzi permette ai padroni (i cosiddetti imprenditori: ma chiamiamoli col loro vecchio epiteto) di licenziare selvaggiamente e indistintamente i lavoratori". Col jobs act, Renzi crede di aver raggiunto l'acme del potere. Ma forse lo confonde con l'acne da servilismo di gioventù eurozoologica.

La cosa più insopportabile per Renzi è il dover sentire dire dalla sua compagna di partito Camusso: "Ma cosa gli avran mai fatto i lavoratori per venire così duramente trattati dal Renzi?".
Ce lo chiediamo in tanti. E ci nasce spontanea una sola risposta. Che non è una specie di mantra pro CGIL.

Renzi è cattivo, "ma di una cattiveria buona".
C'è tanta gente che lo adora per questo, che lo supporta a prescindere, che lo ama anche e meglio del miglior Berlusconi. Renzi ha dato gli 80 euri e potrebbe darne di più. Così pensano i suoi estimatori tra i fumi di nebbia della massa indistinta.
Renzi, quindi, è un buon cattivo: lo pensano in molti. È affascinante nella sua fame di rottamatore di lavoratori. Un Bugiardo che dice le sue Verità.
Già, lui, quello che voleva rottamare i suoi colleghi di Casta, dopo un po' ha deciso che a rottamare i lavoratori e il lavoro in quanto atto nobile, sarebbe stato più facile e redditizio per la salvaguardia della sua poltrona e per gli interessi della troika.
Renzi apparentemente non arreca dolore a quanti si sentono deprivati dei loro ultimi e deboli diritti. Infatti è reciproca la relazione sadomaso tra il cittadino renziano e Renzi. Le sue vittime adesso soffrono della sindrome da jobs act renziana. E Renzi, in un certo senso, affamandoli, li ha beneficati e santificati: andranno tutti alla mensa caritatis perché non sanno nemmeno da dove si comincia una rivoluzione per il diritto alla pancia piena e al benessere dell'esistenza. Renzi è "l'ultimo eroe negativo" di questa Italia persa!
Volendo, si potrebbe rottamarlo!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 26 dicembre 2014

C'è una certa libido nei presepi vaticani


Celle 'piene' in Vaticano: in due nelle prigioni. La Santa Sede commenta: "Inusuale".
L'imprenditore che è salito sulla cupola e la femen che a Natale si è avventata sulla statua del bambinello in attesa di processo.
Lasciamo stare l'imprenditore che, secondo me, ce l'aveva con Renzi che non l'aveva invitato a cena perché mancante dei mille euri richiesti per magnà insieme al premier. Colpa della crisi, fu!
Ecco perché è salito sulla cupola: voleva guardare i fedeli dall'alto della sua crisi esistenziale.
Ma la femen, cribbio. Si presenta in quel luogo sacro, a seno nudo, con la scritta God is woman!
Hanno fatto bene a sbatterla (non in quel senso) in una cella vaticana. In quelle celle stanno tutti in grazia di God is man.
C'è stato il Corvo Gabriele e il vescovo pedofilo Jozef Wesolowski.
L'uno graziato da Ratzinger e il secondo ai domiciliari.
Ragion per cui, per la femen in cella, la vedo male!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 24 dicembre 2014

Il pacco dono di Natale di Renzino alla povera Camusso

PROVA GENERALE DI JOBS ACT
"Licenziamento per scarso rendimento... sindacale, eh eh eh"
Jobs Act, Cdm approva decreti attuativi. Resta il reintegro, fuori l'opting out di Ncd.
Riunione dei ministri alla vigilia di Natale segnata da tensioni.
Renzi: "Eliminando il reintegro saremmo andati oltre la delega".
Sacconi: "Passo avanti ma non basta".

Sul fronte sindacale, dura la leader della Cgil Susanna Camusso: "Altro che rivoluzione copernicana, a leggere le norme viene da chiedersi cosa abbiano mai fatto i lavoratori a Matteo Renzi, che con i provvedimenti odierni ha cancellato il lavoro a tempo indeterminato, generalizzando la precarizzazione dei rapporti di lavoro in Italia. Non soddisfatto ha diviso ulteriormente i lavoratori penalizzando ancora una volta i giovani e i nuovi assunti. La Cgil continuerà a opporsi in modo forte e deciso a queste norme ingiuste, sbagliate e punitive nei confronti dei lavoratori e userà tutti gli strumenti a sua disposizione per ripristinare i diritti dei lavoratori. Ci opporremo con forza...", ma non ora, che adesso è il santo Natale, lo faremo a Pasqua, appena fa bel tempo, in coincidenza con la resurrezione di quei poveri cristi di operai...

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 23 dicembre 2014

Salvini e Landini, uniti dalla Tosi

"I lavoratori prima di tutto;
e solo dopo le risate di parte"
Matteo Salvini e Fiom a Legnano, prima uscita ufficiale insieme davanti ai cancelli della Franco Tosi.
Il posto di lavoro difeso da destra e da sinistra. Bene bene bene. Il lavoro al di sopra dei piccoli interessi personali e di partito. Finalmente qualcosa si muove in Italia. Fiom e Lega Nord si incontrano in campo neutro dalle parti della Franco Tosi, storica azienda metalmeccanica...
Attenzione: qui si parla di lavoratori, mica di noccioline.

"I miei amici si sono smarriti e non li trovo più; è giunta l'ora di rintracciare i miei nemici, coi quali, sono certo, arriverò ad un accordo di benessere per tutti".
Mi sia consentito riflettere su questa ardita e intrepida comunanza: Salvini e Landini, a parte l'assonanza della rima, in cos'altro sono uguali?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 22 dicembre 2014

Dio Presidente!

"Ah be', se esiste è fatta!"
“La scelta per il nuovo capo dello Stato?”, dice Berlusconi, “noi guardiamo alla persona. Non ha importanza se è di quella parte o di quell’altra. Non va giudicata dal fatto se ha radici in un’area o in un’altra. Si deve trattare di una persona seria, accettata da tutti. Deve essere un garante per tutti quanti. Che svolga il suo ruolo di garanzia nei confronti di ognuno e non di una sola parte”.

“Il nuovo Capo dello Stato”, dice Angelino Alfano, “non può essere eletto dal congresso di una formazione politica”. Ma potrebbe essere eletto da un gruppo di iene ridens!

Insiste Berlusconi: “Il successore di Napolitano va scelto con il concorso di tutti. Con il concorso nostro, della Lega, del Movimento 5 Stelle. È giusto così, siamo d’accordo“. Bellissimo pensiero, degno di un piccolo grande statista.

Bersani: “Al Quirinale una figura che sappia tenere il volante”. Perché, potremmo sbandare di più?

Vendola: “Per me, se il Pd vuole, lo può fare solo Prodi il presidente”. Calma, calma piatta, quasi mortale.

Matteo Salvini: “Mi auguro che al Quirinale non ci sia un servo di Bruxelles, un complice dell'Euro e dell'Europa, che permetta l'esproprio della sovranità italiana“. Per fare questo anche un picciotto d'onore del nuovo partito della lega nord di terronia andrebbe bene.

Renzi: “Per il Colle occorre una maggioranza ampia, nessuno ha potere di veto”. Ma lui sa già chi lo farà!

E Grillo? “Uno che può fare il Presidente in Italia? Ma Dio, perbacco! Se esiste!”. In controtendenza, come sempre.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 21 dicembre 2014

Cchiù pilu pi' Renzi e cchiù pilu pi' Salvini

Più fiducia nel governo
Renzi e il Pd tengono. 
Boom della Lega di Salvini.

Traduzione: 'u pilu di Matteo Renzi e 'u pilu di Matteo Salvini tirano il carro preelettorale di più di un pilu di fica!
Cribbio, è tutto un mondo sottosopra.
I buoi, pertanto, si riposano.
Muggiranno dopo!
Eh eh eh...

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 20 dicembre 2014

Renzi dirige il coro della Vaselina


Legge Stabilità, Grillo: "Un voto da ladri, è dittatura con vaselina". Il leader M5S infuriato si scatena sul suo blog: "Ma Renzi chi crede di prendere per il c?", e chiede lo scioglimento del Parlamento: "Siamo nelle mani di folli sotto gli occhi di un presidente della Repubblica tremebondo che ha tradito la Costituzione".
E su Twitter lascia l'hashtag #PolettiDimettiti subito.

Povero Grillo, ancora una volta mal capito e indigesto.
Ehi, Grillo, guardati dallo sputar contro Renzi e sua Compagnia. Perché, co' sti spifferi di demagogia demofascista di sistema, ti ritorna tutto sulla faccia.
Con tutti gli "errori che hai fatto", e che hai sbattuto contro il "secolare sentimento italico di non remare mai contro un capo che ti dà gli sghei", ora ti trovi a buttar bile: lo pensano tutti i tuoi denigratori, sia quelli con pregiudizi a prescindere, sia quelli che ti odiano perché non sanno ridere di sé stessi.
Hai sentito che ti ha detto Renzi: "Siamo riusciti a convincere Grillo a ritornare a fare il comico"?
Molti italiani sono convinti che Renzi li salverà. E fanno bene a credere in lui. Lui non fa ridere, per questo è nelle corde di quelli che lo irrenzano.
Ma siccome, e io la penso così da lungo tempo, un comico deve fare ciò per cui è portato, è meglio che ritorni a fare il comico; il politico, al contrario, deve fare ciò per cui è irrenzato: ingrassare a poco prezzo le speranze della massa, che quel poco prezzo con cui la ingrassa si trasformerà poi in un prezzo talmente alto da pagare che non conteranno più i dolori... i componenti di quella massa.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 19 dicembre 2014

Dimissioni: - My God, George? - Yes, maestà, sto accà!

Uno stesso destino per due monarchi. Le dimissioni.

- My God, George?
- Yes, maestà, sto accà!
Queen Elizabeth: "Che ci fa seduto on the throne of Philip?".
King George: "Maestà, in realtà io non sto accà anche se pare che sto accà".
Queen Elizabeth: "Goddamn, where's my Duke? Dov'è il mio Philip?"
King George: "L'ho visto andar via incaponito quanno sono arrivato io. Sarà anche lui intontonito per l'età".
Queen Elizabeth: "Ma allora lei sta accà".
King George: "Non voglio contrariarla, maestà, ma chillo che lei vede seduto accanto a lei, chillo è Filippo, non sono io. Non so proprio come sia potuto accadere?".
Queen Elizabeth: "Lo so io, lo so. È lo choc per le dimissioni che darò a Natale che mi fa stravedere George instead of Philip. Oppure la notizia delle sue dimissioni che mi ha traumatizzata. I do not understand".
King George: "Ma siamo proprio sicuri che lei si dimetterà a Natale?".
Queen Elizabeth: "Parola di regina è sacra".
King George: "È più facile che chillo 'o napulitane se ne vada a casa che la maestà vostra resti senza corona"...

Queen Elizabeth: "Coraggio George, o come cavolo ti chiami, tu per il tuo popolo sei il king of Italy. E sarai ricordato anche come il king of Naples. Una specie di United Kingdom all'italiana. Very, very special. Coraggio, oh Filippo, dear, sei tornato. Ma sai che ho creduto per un istante di riconoscere in te 'o king napulitane. A nightmare, a nightmare. Terrible! No, io non mi dimetto a Natale... che porta male, mi dimetto a Pasqua".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 18 dicembre 2014

Grillo lo scriba contro Tano Napoli il Faraone


Grillo: "Napolitano? Dovrebbe costituirsi".
Il sogno di Grillo - di vedere il Faraone impicciato in galera - non si realizza.
Potrebbe però realizzare uno show su come era e su come sarebbe dovuto essere.

I politici e i comici non sono soggetti identici, anche se producono "ilarità".
Non dovrebbero mai cambiare mestiere. L'ambiente circostante peggiorerebbe ancor di più.

I primi fanno ridere per il nostro bene sociale.
I secondi fanno ridere per il nostro bene spirituale.
Coi primi paghiamo le tasse, gli interessi, le malefatte e le loro inutili liti per il potere.
Coi secondi paghiamo un biglietto d'ingresso.
Paghiamo sempre...
e loro incassano!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 17 dicembre 2014

La corsa del premier e i consigli del gran visir

I consigli sovrani al giovin Renzi. 

Butta l'occhio di qua e di là,
sorveglia a destra e a sinistra;
guardati dagli amici e dai nemici;
non dare confidenza a nessuno;
guarda chi conosci
come chi non conosci.
Ed esigi la ricevuta
ogni qual volta
distribuisci gli 80 euri
ai sottostanti.
Solo così puoi tenerli
al guinzaglio corto.



La corsa del premier sulla legge elettorale: "Sì entro il 23 del prossimo mese, poi il Colle".
L'obiettivo di Renzi è varare il provvedimento prima della scelta del nuovo presidente della Repubblica. Percorso concordato con Napolitano per sottrarsi ai possibili ricatti di Forza Italia o della minoranza dem.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 16 dicembre 2014

Salvini impedirà fisicamente l'accesso a Prodi

Salvini: “Prodi al Quirinale? Sarebbe la pietra tombale, uno scempio, l’ultimo sulla faccia della Terra. Ha già fatto abbastanza danni. Nel caso, proveremmo ad impedire democraticamente e anche fisicamente che accada”.
- E come farà?
Salvini: “Mi stendo io davanti ai banchi del Parlamento, completamente nudo, lo spavento e lo legno con l'alzabandiera leghista! Vedrai che ci penserà due volte prima di entrare in Parlamento”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Si tratta di Egostracchio Frumentone da Santa Pallida di Torpore

Renzi incontra Prodi: "Non accetto veti dal collega Berlusconi il Nazareno (e, vi prego di credermi, non faccio scena); nessuno nel Pd candidi il Professore contro di me. Qui comando io. Perché so che a voi piace essere comandati. Come tutti gli italiani. Anche se siete del Pd. Soprattutto."

L'ex leader dell'Ulivo: "Ma io continuo a non essere disponibile. Trombato una volta come Premier, una seconda come candidato alla Presidenza della Repubblica, non mi faccio trombare una terza, da un dittatorello appena nato che non ha ancora imparato le meglio lezioni della vecchia Dc, quando le pugnalate agli amici di partito stavano almeno in grazia di Dio. Preferisco panino e mortadella a moniti e mortadella".

Boschi: scegliamo noi il nome da proporre per il Colle. E lo imponiamo agli italiani.
Perché la Boschi parla così?
Come perché? Ma è ovvio, anche lei comanda in questa squadra di comandanti.
Comandano tutti, in quel posto lì.

Eppoi la ministra c’ha già un nome nella borsetta. Si tratta di Egostracchio Frumentone da Santa Pallida di Torpore. Potrebbe essere questo l'importante nome che i renziani vorranno come presidente dopo Tano Napoli.

Egostracchio Frumentone è un uomo puro biodiverso, al di sopra delle nuvole, che vive assorto nelle sue meditazioni sonnolente, confortato da lunghi arpeggi da calar le palpebre, ogni giorno depone una perla di saggezza ai piedi dell’umanità italica, che viene raccolta esanime come sacra reliquia.
L’ultima è stata: “Tutti gli esseri umani sono uguali a me”.
Cioè, siamo tutti presidenti... onorari.
Ecco perché abbiamo bisogno di quest’uomo, un nome di garanzia che presto o tardi il Pd ci appiopperà nel...

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 15 dicembre 2014

Matteo Chigi incontra Romano Palazzo all'alba delle Pompiadi di Roma

Un programma già messo in durata da facce di pietra, dall’incontro dello staffiere con quello dello stalliere.
Ma lo sbuccia sbuccia tra il Matteo Chigi con Romano Palazzo per sciogliere il nodo di Colle Napolitano, si è sminchiato al ricordo del Romano Palazzo tradito dai 101 franchi sparatori del Pd.

Matteo Chigi non rilancia direttamente la candidatura di Romano Palazzo al Quirinale, malgrado una parte del Pd la appoggerebbe, e malgrado il patto di Pulcinella con Belluscone il Nazareno;
ma la spara grossa sulla candidatura di Roma alle Pompiadi. Qualcosa la deve rilanciare il Chigi, altrimenti non è soddisfatto, e non si preoccupa se i soliti magna magna già si stanno fregando le mani per le nuove rapine sui lavori delle Pompiadi di Roma.

Romano Palazzo non ha nessuna voglia di sostituirsi a Colle Napolitano, ma si capisce che sarebbe ben felice, con calma e pacatezza, di tagliare il nastro di partenza dei gioghi. Perché lui si era già abbandonato alle pacatezze della pensione apolitica. Alla faccia di Napolone Belluscone.

E, quindi, staremo a bocca aperta e zebedei rotti sotto i gioghi delle Pompiadi di Matteo Chigi con Romano Palazzo in Colle e Belluscone in mutande zebrate di Ferrara. Per la gloria sportiva dell'Italia.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Capitan "desnudo" Salvino, il Benefico!

Capitan Salvino, epigono di Renzi, la
cui asta finirà per tappare tutti
i buchi lasciati liberi da Renzi.
Ecco perché si sta esercitando con
l'esibizione di aste benefiche
pro elettrici ed elettori


Uno degli obiettivi dichiarati di Matteo Salvini è conquistare voti al Sud, grazie a una formazione politica pensata ad hoc. In attesa di capire quali saranno il nome e il simbolo, un sondaggio Ixè dice che il 14% degli elettori meridionali (più isole) potrebbe appoggiare la nuova avventura politica del leader del Carroccio. Rimane comunque alta la percentuale (59%) di chi non voterebbe la 'Lega del Sud'.

Uno degli uomini del successo del leader del Carroccio si chiama Luca Morisi, 41 anni professore di Informatica filosofica a Verona. Come riporta il Corriere della sera,
la sua presenza a fianco del segretario leghista è quasi sempre non fisica: ma a qualunque ora del giorno e della notte lui è lì, davanti ai cinque monitor schierati, che vigila sui media sociali. Tra l'altro, il soprannome 'Capitano' ormai comunemente attribuito al segretario dai militanti, è farina del suo sacco. Facebook, soprattutto, perché il popolo è lì, mentre Twitter resta elitario.
Matteo Salvini, il nuovo mito, l'alter Matteo extravergine. I giornali e i giornalisti ne stanno creando il mito partendo dall'abbigliamento adamitico. Se mai un giorno questo Matteo dovesse rimpiazzare l'altro, cosa possibilissima in Italia, saremo tutti quanti costretti a vestirci come Adamo in cravatta verde per compiacerlo, altrimenti... terùn, va a ramengo!
Davvero, mi chiedo, se non sia il caso di blindare Renzi... in un fondo di bottiglia! Finché siamo ancora in tempo. E infilarci Capitan Salvino, il benefico.
Ahi de mì!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 14 dicembre 2014

Renzi controllore dell'onestà del Pd?

"Ringrazio l'autore di questa vignetta
per l'idea. Potrebbe servirmi se
quelli del Pd dovessero licenziarmi."
Mafia Roma.
Extrapolation...
Renzi: nel Pd solo gli onesti, gli altri fuori.
"È arrivato il momento di dire che chi ha rubato deve restituire tutto il malloppo. È che soluzioni all'acqua di rose non sono pensabili". Così Matteo Renzi in assemblea nazionale torna sul caso di mafia roma.
"Deve essere chiaro che chi è disonesto, non può camminare con noi. Non tutti gli onesti votano il pd, ma tutti quelli che stanno nel pd devono avere l'onestà come elemento fondamentale. Niente sconti su questo", dice Renzi.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 12 dicembre 2014

Contro Napolitano tuona San Giancarlo Maria Bregantini


Il duro monito di Napolitano sull'antipolitica.
Ancora?
Sine, ecchecquà: “Antipolitica è patologia eversiva (del M5S, è sottinteso) ma politica deve recuperare moralità”.
Che ha sortito questo ennesimo monito?
L’incazzatura di Grillo, come al solito: “Dov’era il presidente quando l’Italia affogava nel fango? Lo denunciamo per vilipendio al M5S”.
Ma il presidente non se n’è dato per inteso e attende, con animo lieve, il tempo delle dimissioni. Saluti e baci e avanti un altro.

Ma ecco che esce dall’antro sacro della Chiesa una vocina, di tal vescovo monsignor San Giancarlo Maria Bregantini, vox a latere di Francesco: “Mio caro presidente, non dica cazzimme ‘e niente. Lo sa Lei che è più eversivo un politico corrotto di un antipolitico onesto. Ma è la corruzione che crea entrambi i guai. Le basta questo come presa di coscienza? Se sì bene, altrimenti la esonero dal dire quattro moniti di avemarie e tre moniti di paternostri. All’onferno, all’onferno per il peccato di comunismo di gioventù. Un peccato che non si può cancellare davanti a Dio e ai credenti che soffrono il male della corruzione. Va be’, ci metto pure i non credenti, come vittime della corruzione”.

"Domani egli avrà una nuova fede e il giorno dopo un'altra. Ma sempre pensando a noi... vittime volenti e coscienti".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 11 dicembre 2014

Giuliano Ferrara: il cada, dov'è il cada?

Mafia Capitale, Ferrara: ‘Dove sono i morti? Se è mafia, voglio i morti sul selciato’.

DOV'È IL CADA?


“Dove sono i morti? Se c’è la mafia, voglio i morti sul selciato? Sennò che mafia è”. Così il direttore de Il Foglio, Giuliano Ferrara, commenta lo scandalo di Mafia Criminale, durante la sua partecipazione a Ballarò (RaiTre).
Secondo me il conduttore, un po' inesperto, avrebbe dovuto portare in studio almeno un cadavere acciso incaprettato con un sasso in bocca e un pene nel deretano, per contentare lo grasso urlatore direttore del Foglio.
Perché fate incazzare il Ferrara, che poi gli esce l'ernia dal pensiero e sbatacchia barbari sputacchi contro i malcapitati che non capiscono niente di mafie e di morti ammazzati.
Solo lui è l'esperto. Non fatelo incazzare più!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Dopo Mafia Capitale, Renzi ha bisogno di plum-cake al cioccolato e di ricotta salata al pistacchio

Una mattina come un’altra, svegliandosi dopo un lungo sonno ininterrotto e ristoratore – uno dei pochi che in Italia riesce ancora a dormire serenamente – Renzi fece una colazione abbondante a base di plum-cake al cioccolato, caffè nero e ricotta salata al pistacchio. Non vi attira? Chiedete a lui come farà a mangiare quella roba. Un bicchiere d’acqua fresca di cannolo gli rimosse tutti i gusti e poté avviarsi al suo soliloquio quotidiano mattiniero. Era quella l’ora in cui si poneva a confronto con l’autocoscienza, questione centrale della sua cerebralità. Da troppo tempo aveva tralasciato questo appuntamento con sé stesso e non poteva più aspettare.

Si accomodò quindi davanti a uno specchio e si guardò nel profondo. E mentre si sistemava i pensieri, la faccia assunse la stessa postura del suo corpo alla luce dei tanti guai che lo aggredivano ultimamente. Infatti il corpo tendeva leggermente angustiato in avanti e una piccola gobba emergeva timidamente alle sue spalle, una gobba andreottiana. È naturale in politici di questa fatta.

A quella vista, la prima cosa che gli venne in mente fu: “Dobbiamo innalzare il minimo di pena a sei anni per il reato di corruzione”. E sorrise. Poiché la crisi stagnava e affondava il Paese in maniera irreversibile. Ma non era questo il punto. Il punto era che spesso lui se lo scordava, quel punto, e doveva fare uno sforzo immane per rientrare nella realtà. Quella mattina, davanti allo specchio scoprì che, non avendo nulla da fare, proprio a causa di quel punto scordato, poteva affettivamente concentrarsi sul sé. Si vuole bene, lui.

L’indeclinabile attività cerebrale del Premier, alla luce di Mafia Capitale, gli attivò un orgasmo scoppiettante fatto di serpentelli del pd, petardi di destra condite da bisce fasciste, assicutafìmmini di destra e di sinistra, e gran botto finale pirotecnico con toccate di palle e fuga generale. Anticipava così i botti di fine anno.
Perfino l’ectoplasma di Napolitano gli apparve nello specchio, seriamente preoccupato per la corruttela che ha scoperchiato gli altarini alla casta connivente e per l’antipolitica patologica ed eversiva. Che colpa ne ha lui se l’antifascismo è passato di moda? Se l’incultura dei cosiddetti movimenti atipici aggravano e volgarizzano il fecondo lavoro nel Parlamento? Meno male che adesso sparirà, pensò Renzi. Ma si riferiva all’ectoplasma presidenziale che monitava dentro lo specchio.

Lui, Renzi, avrebbe voluto parlare coi giovani, ma come spesso accade in questi frangenti, una corruzione di tal fatta si mette sempre di mezzo tra lui e la parte sana degli italiani, cosa che gli impedisce di parlare. Avrebbe voluto spiegare che la corruzione non è figlia della democrazia, ma alla lontana, le è figliastra.
La palingenesi, ragazzi, della democrazia si avvera solo azzerando il Pd nella quasi sua totalità. E poi, col palinsesto della ritrovata democrazia, ne rimettiamo insieme i cocci, i nomi, le culture, gli usi e le abitudini. Tutto deve ritornare come agli albori della democrazia. Palingenesi e palinsesto. Belle parole, fatte coi pali di una volta. In queste due parole sono contenuti tutte le mie motivazioni che tendono verso una sana politica anticorruzione”.
Era felice il Premier per la ritrovata dialettica. Se la ripeté numerose volte per memorizzarla.
Quando un premier ha questa forza dialettica, la forza nascosta in questa dialettica lo promuove a eroe popolare. Ciò per cui combatte, l’obiettivo, non è la transitoria tranquillità economica data dagli ottanta euri, ma è il traguardo finale in cui ogni premier vuole collocarsi. Un monumento alla memoria.

Renzi ha bisogno di più tempo. Di fiducia. Di plum-cake al cioccolato e di ricotta salata al pistacchio. Renzi non è di questo mondo. Così recita la leggenda che il suo cerchio magico diffonde. Lascerebbe all’istante se trapelasse che lui invece è un terrestre come tutti gli altri. Deve togliere di mezzo il mondo di mezzo, di sotto e di sopra. Le angherie mafiose e i ricatti dei criminali, che non hanno lombi di aristocrazia e quarti di nobiltà, devono essere ridotti al silenzio. Cancellati. Perché in carcere ci vanno pochi corrotti: non è serio! Renzi ha un sogno: se deve rimanerne solo uno, come l'highlander, è meglio che sia facente parte della Casta. Dà più garanzie, non crea disordini né violenze ed è soprattutto anti eversivo. Lavato con lo sbiancante in ammollo.
Ma ci vuole tempo. Roma mica è stata fatta in un giorno. Chiedete a Romolo capostipite di Mafia Capitale.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 10 dicembre 2014

L'importante è riuscire a castrare tutti i terroristi

"Mon chéri Matteo, con queste nostre dichiarazioni
alle prossime elezioni faremo l'en plein assoluto
"
Marine Le Pen: "Tortura può essere utile".
La leader del Front National sui metodi Cia. Poi la smentita.
Se Marine Le Pen rilascia dichiarazioni che possono essere lette come una giustificazione delle torture perpetrate dalla Cia, quasi contemporaneamente Matteo Salvini lancia la sua proposta: "Castrazione chimica per i violentatori. Per quanto mi riguarda chi compie una violenza sessuale una volta non deve poterla compiere più. Stiamo studiando un progetto di legge sulla "castrazione chimica", ha detto il segretario della Lega Nord.

Eppure, un briciolo di ragione devono averlo pur loro. Ma ciò non vuol dire che siano anche saggi.
Tocca ai pazzi dimostrare se hanno ragione o torto. E di pazzi elettori ce n'è un paese pieno.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 9 dicembre 2014

Renzi picchia duro contro corrotti e corruttori

Un garibaldino contro il marcio italiano
Mafia Capitale, Matteo Renzi: "Alziamo la pena minima per la corruzione a 6 anni".

Per tutti? 
Senza distinzione di classi? 
Guarda che ti prendo in parola!

 

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 8 dicembre 2014

Renzi a Grillo: finalmente ti ho tolto dai marroni!

"Ho fatto una gran fadiga,
con l'articolo 18, con
l'abolizione del Senato

e con li 80 euri,
che mi ritornerete
sotto forma di tasse...lli,
ho fatto anca dei cambiamenti
con l'Italicum,
ma spero che, per rason
della mea stravaganza,
tutti si siori italici me perdonerà
se li ho fregati a mia insaputa
e anca alla loro
"
Renzi ai Giovani Democratici: "Grazie a noi Grillo è tornato a fare spettacoli... e non mi fa più paura".
Il premier interviene a un'iniziativa della giovanile del Pd.
"L'Italia ha un problema di autostima".
Su Salvini: "Non dobbiamo avere paura delle sue idee anche se fa l'orso Yoghi in copertina... noi due siamo indistintamente uguali".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 7 dicembre 2014

Aiuto, Matteo, ho paura del lupo fascista!


Scontro Boschi-Salvini.

Lei: Deriva fascista.
Lui: Cappuccetto Rosso.
Io: Sposateve!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Il ragionier Grillo e il dr. Marino a conversazione

Ignazio, non perdere altro tempo.
Hai sentito il cardinale Parolin?
È questo che vuoi? Lo sai che
basta una Parolin della Chiesa
e siete tutti fregati.
Quelli sono i più forti!
Mafia Capitale, il cardinale Parolin: "Società dominata dal più forte".
Il M5S: "Marino si dimetta".
Il presidente del Pd Matteo Orfini annuncia: "Ozzimo, Coratti e Patanè autosospesi".
Dalle carte spunta anche un sms della deputata democratica Micaela Campana a Salvatore Buzzi: "...bacio, grande Capo".
 L'uomo le chiedeva di promuovere un'interrogazione parlamentare su un appalto bloccato dal Tar. Berlusconi: "Si devono dimettere tutti".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 6 dicembre 2014

Il presepe di Salvini


Bergamo, Salvini porta a scuola il presepe negato dal preside: "Giù le mani dalla religione".

Finalmente uno che ci crede!
Il leader della Lega nella scuola multietnica che ha rinunciato all'installazione.
Ma il capo d'istituto corregge il tiro: "Ho detto agli insegnanti di decidere cosa fosse meglio fare nelle loro classi".
Ah Salvini, ci hai salvinato il presepe dai miscredenti. Grazie!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 5 dicembre 2014

Maximus, er re de Roma cecato

ROMA AI PIEDI DEL “CECATO”.
 
A Roma, l'Urbe et l'Orbo
Mafia Capitale, ecco il manifesto programmatico dell'organizzazione.
La villa di Sacrofano era il quartier generale.

La domanda è: è meglio un re cecato d'un occhio, che a Roma ha fatto quello che ha fatto?
O uno co' tutt'e due...?
E li politici? Erano anche loro cecati?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 4 dicembre 2014

Alla cena di Trimalcione Buzzi c'era anche Poletti

Ministro Poletti ci spieghi quella cena.

Cosa vuoi che ti spieghi?
Ma te lo spiego così:
in ogni politico c'è sempre
una maligna parte di demenza.
E, comunque, di quella cena non ricordo più nemmeno le portate. E ce ne furono da far invidia a Trimalcione.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 3 dicembre 2014

Alè... manno fregato m'hanno, l'amichi!


L'ex sindaco indagato nella maxi operazione del Ros su criminalità e politica, a Porta a Porta dichiara: "Dovevo fare più attenzione nella scelta della squadra, mi sono invece concentrato sulle priorità della città. Mi hanno sempre detto che la criminalità organizzata qui non esisteva. Evidentemente sono stato ingannato ad arte da chi sapeva e non mi ha detto come stavano le cose. M'hanno fregato cor monno de mezzo, quello indove c'entrano li politici de destra e de sinistra. Ma io non c'entro e ne uscirò a testa alta, perché mi sono assunto tutta la responsabilità politica del fatto. Solo quella, eh!".
Ahò, quanto me scoccia ricordare quanno er senatur sbraitava contro Roma ladrona!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 2 dicembre 2014

Mafia Capitale & Capitale FascioMafioso


"L'intercettazione per noi più significativa è questa - ha spiegato il procuratore capo Giuseppe Pignatone - quando Carminati parlando con il suo braccio destro militare, Riccardo Brugia, gli dice 'è la teoria del mondo di mezzo, ci sono i vivi sopra e i morti sotto e noi in mezzo. C'è un mondo in cui tutti si incontrano, il mondo di mezzo è quello dove è anche possibile che io mi trovi a cena con un politico...'. Carminati parla col 'mondo di sopra', quello della politica e col 'mondo di sotto', quello criminale, e si mette al servizio del primo avvalendosi del secondo al servizio del primo.

La caratteristica principale di questa organizzazione sta nei suoi rapporti con la politica e nel fatto che alterna la corruzione alla violenza, preferendo la prima perché fa meno clamore".

Il mondo "normale", ovunque esso si nasconda, gira silenzioso attorno alla "gloria dei mafiosi e dei politici". Loro è la vita che conta! Tutto il resto sono cazzate!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Muti presidente, ma il trucco c'è!


Riccardo Muti al Quirinale? Il figlio Domenico: "Matteo Renzi ha chiamato, è una cosa seria".

Renzi sogna Muti presidente della Repubblica, avendo già incassato il sì di Silvio Berlusconi (con una condizione: Gianni Letta segretario generale del Quirinale) e registrando proprio ieri un'apertura in questo senso anche dal capo della rinnovata Lega "nera" Matteo Salvini: "Me piase un capo dello Stato non politico e non schierato a sinistra".

Té capì, perle di politica. Anca al Salvini gli piase il diretur dell'orchestra. Che perso nelle note può anche perdersi tra le correnti d'aria del Quirinale. A ciascuno il suo mesté, egregio Maestro, come dice giusto Lei. Continui a collezionare allori con la musica, e lasci perdere 'ste sirene infìde. Vorrei ricordarmi di Lei come il bravo direttore d'orchestra che è, e non come... ci siamo capiti, vero?
No, perché...
credo che lei possa trasformarsi nel buratto di tal Renzi, trombettino, e talaltro Berlusconi, trombone. Primo violino ser Gianni Letta Zio.
Non se la prenda a male!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 1 dicembre 2014

L'anello della Biancofiore, simbolo d'amore

L'anello di diamanti? E ce lo sbatte in faccia senza pudore. Mizzica!

Questo anello di Silvio sarà ricordato
come il più grande statista italiano

Biancofiore: "Della Berlusconi generation anche Renzi ne fa parte: abbiamo in comune gli stessi cartoni animati".
Grazie, ma già ce lo sapevo! I famosi cartoni amminchionati.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Geronimooo... e le poltrone!

Come un sultano comodamente assittato in divano
Geronimo La Russa colleziona poltrone.
- Aiutatemi: con tutte 'ste poltrone, non so più quale scegliere per sedermicivisi sopra.
Ora è anche nel consiglio direttivo dell'Aci.
Il figlio di Ignazio conquista un altro incarico e diventa presidente di una controllata del Club dell'automobile milanese. Società che ha debiti per oltre 300mila euro e un bilancio in passivo.

E per non dimenticare questo grande collezionista di poltrone, utile alla società italica, ecco l'omaggio di quel grande artista che fu Renato Carosone che, manco fatto apposta, gli dedicò questa simpatica canzoncina a futura memoria, in tempi non sospetti.


Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 30 novembre 2014

Marine e Le Pen de Salvini


Marine Le Pen: "Sarkozy è un invertebrato, Hollande un birillo. L'Europa è morta: contano le nazioni... ma quando sto a contatto con Matteo sento proprio che il mio punto G si orgasma da sé. Matteo c'ha il quid, lui è quello del ce l'ho duro dalla padania a Lampedusa. Potrebbe anche diventare premier al posto dell'altro Matteo. Ce lo vedo, ce lo vedo. Ha un'energia travolgente, quelle poche volte che lo incontro resto in estasi davanti alle sue capacità di persuasione e lavoro. Dovrò incontrarlo più spesso perché ho una certa idea di come lavorarmi lui e gli italiani che lo seguono".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 29 novembre 2014

Gli eroi di Renzi... non sono gli operai!

Renzi: "Imprenditori eroi del nostro tempo".
Camusso: "Veri eroi sono le persone normali".
Botta e risposta fra il premier, che interviene all'assemblea della Cna, e il leader della Cgil, che ribadisce: "Non abbassare l'Irap alle aziende che licenziano e delocalizzano".

Don Mariano che diceva già nel suo giorno della civetta?
“Io, ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà...
Pochissimi gli uomini: in questa categoria ci mettiamo Renzi, Napolitano, Berlusconi, i primi tre che uno si ricorda subito, che hanno e stanno lavorando per illuminare il futuro, creando lavoro e certezze per tutti;
mezz'uomini pochi, ché mi contenterei l'umanità si fermasse ai mezz'uomini... in questa categoria vanno a braccetto gli imprenditori (gli eroi di Renzi) con i segretari generali dei sindacati (non menzionati da Renzi come eroi);
e invece no, scende ancora più in giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi... in questa categoria ci mettiamo i politici d'accatto senza distinzione tra un partito e l’altro, e il codazzo dei giornalisti al soldo dell’uno o dell’altro potere.
E ancora di più: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito... in questa categoria è facile riconoscere il popolo bue.
E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre... ma chissà che, stai oggi e ristai domani nelle pozzanghere e nel suo fango, i quaquaraquà avranno qualcosa su cui riflettere per il loro futuro”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 27 novembre 2014

Contro la Leopolda di Renzi ecco la Human Factory di Vendola

Vendola: “Ecco la risposta a sinistra della Leopolda. Federiamoci per battere Renzi”.

Renzi: "Vendola, la solita sinistra parolaia.
Al contrario della mia, molto pernacchiona
"
Human Factor, la nuova convention proposta da Sel, sarà "un momento per creare un nuovo soggetto politico alternativo al Pd e alla sua deriva a destra". L'appuntamento è a Milano dal 23 al 25 gennaio.
E su Landini: "Ci serve ma da leader sindacale".
Povero Landini, già succube della Camusso, con la Human Factor starà ancora a prendere ordini da Vendola.

Renzi: "Human Factory? Cos'è, un nuova compagnia della Commedia dell'Arte? Ma per far ridere ci sto ancora io, che invece di far pagare il biglietto d'ingresso, almeno dò gli 80 euri alla povera gente e il successo è assicurato".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Berlusconi al Quirinale sembra meglio del dr. Lecter

Berlusconi: “Sarei il miglior presidente della Repubblica possibile”.


Per il ‘Dopo Napolitano’ al Quirinale, Berlusconi non si sottrae ed afferma: “C’è bisogno di una persona equilibrata di buonsenso, che abbia nel suo passato segni precisi di riguardo per tutte le parti in causa, un Berlusconi per esempio: io ho la profonda convinzione che sarei il miglior Presidente della Repubblica possibile”.
Analizziamo dunque l’ultimo grassetto.

IoIo appaio astuto ed egoista, ma non lo sono. I miei nemici ne hanno fatto un luogo comune.

HoHo molti finti nemici nel Pd.

LaLa vostra bocca è piena di falso antiberlusconismo, così come il falso antifascismo contemporaneo si è trasformato nel nuovo figlio del berlusconismo: il renzismo.

ProfondaProfonda e sublime è stata la goduria con le mie gnocche olgettine; le donne di questa sinistra non sanno che significhi far godere un uomo come me.

Convinzione – È mia convinzione che questo Paese non mi meriti, ma io lo amo comunque.

CheChe voto mi dò da uno a dieci, sapendo d’essere stato il miglior scopatore tra i politici italiani degli ultimi 150 anni? Dieci, senza dubbio.

SareiSarei bugiardo per alcuni, corruttore per altri. Credete davvero questo? Ma, allora, dovrei stare in galera? Come potete ben vedere, sono libero.

Il Il Renzi, se avesse un minimo di riconoscenza per l’amore che gli ho donato, dovrebbe lavorare in concreto perché io possa ascendere al Quirinale.

Miglior – Il miglior uccello straniero, dicono di me, all’estero.

Presidente – Un buon Presidente non è mai parziale. Io darei a tutti qualcosa su cui riflettere le proprie pulsioni sessuali. È sempre stato il mio sogno dar da mangiare agli arrapati e da bere agli asessuati, evitando completamente i moniti di fine anno. La parabola finale della mia vita la immagino come un uccello che se ne vola via felice, eretto e fiero. Farete una statua all’uccello del Presidente.

DellaDella mia ricchezza che ne farò il giorno in cui sarò eletto Presidente della Repubblica? Ma davvero pensate che gli uomini siano tutti uguali? E nemmeno i Presidenti. Però qualcosa la distribuirò, cribbio. Anche se non mi compete. Sono un generoso, io, e non è l'ennesimo luogo comune.

Repubblica – La Repubblica italiana, è una forma di governo in cui tutti i cittadini dello Stato partecipavano al potere supremo, di norma indirettamente, per mezzo di propri rappresentanti liberamente eletti, o direttamente, per mezzo del referendum, e in cui la carica di capo dello Stato non è ereditaria ma elettiva e temporanea.
Repubblica parlamentare, quella in cui il governo veniva eletto dal parlamento, rimanendo in carica finché ne aveva la fiducia. Di recente, il governo non è più eletto dal parlamento.
Repubblica presidenziale, quella in cui il capo dello Stato è anche capo del governo, ed è eletto a suffragio universale. È per questo tipo di repubblica che lavoreremo insieme, io e Renzi, con o senza il vostro consenso.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 25 novembre 2014

Jobs Act approvato. Vai Renzi, non ti tiene più nessuno!

Secondo l'ex segretario della Cgil Guglielmo Epifani (che aveva parlato a suo tempo a Torino, contro le modifiche sull'art. 18), il governo «ha sbagliato due volte: quando ha cercato di togliere le difese ai lavoratori con l’articolo 18 e quando non ha evitato il declino economico. Dov’è il miracolo economico, dove stanno i segni di ripresa?».

L'aula della Camera ha approvato il ddl di delega al governo sul Jobs act. I sì sono stati 316, i no 6 e gli astenuti 5. Sono 303 i deputati che sono usciti dall'Aula per protesta. A favore hanno votato Pd, Ncd, Per l'Italia e Scelta Civica. Hanno annunciato in aula il loro voto contrario M5S, Forza Italia, Sel e Lega che poi, però, hanno abbandonato l'aula. No anche da Fdi-An.

I due ex segretari del Pd, Pierluigi Bersani e Guglielmo Epifani hanno votato a favore del Jobs Act.
Pippo Civati e altri deputati della sua cerchia decidono di votare no alla legge delega sul lavoro. Ma si tengono prudentemente lontani dall'idea di uscirsene dalla ditta democratica.

Epifani, quel governo del berlusconismo che aveva sbagliato a togliere le difese ai lavoratori con l'articolo 18 e tu gli hai fatto lo sciopero contro. Però, con gli 80 euri elargiti ad alcuni italiani devi avere intravisto un segnale di ripresa economica col renzismo. È per questo che hai votato a favore? Bravo. E Bersani, perché hai votato a favore? Non ti convinceva però l'hai votato. Forse hai intravisto la possibilità di smacchiare Renzi dopo aver tentato di smacchiare l'alligatore ormai spiumato. Ma che ci state a fare ancora tra gli onorevoli? Ipocriti.

Ora che il piano antilavoro è partito il disegno appare sempre più tristo. Lo smantellamento dei diritti dei lavoratori è passato soprattutto per la insensibilità, la supponenza e l'arroganza del Pd. Questo partito, o questa ditta come la chiamano, non ha più un briciolo di saggezza, di ragione, di solidarietà. Dentro gli sta lievitando l'embrione di un mostro. Quando lo vedranno tutti sarà troppo tardi.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Duro discurso de Francisco ante el Parlamento Europeo

Strasburgo, il Papa parla all'Europarlamento: "Radici cristiane salvano Ue da estremismo".


Queridos hermanos diputados, voi están pensando: lasciamolo hablar, él no cuenta una mazza.
E invece yo so di contar.
Desidero dirigire a los todos europeos un mensaje de esperanza para la paz y amor.
Pero antes de incominciar ve chiedo un favor personal: No me gusta conocer a Van Rompuy, porque es uno che van a rompuy las bolas a todos! El me g’ha dito la mia secretarìa.

Dicho esto, hablo en nombre de Dios. Es necesario restaurar la dignidad en el trabajo. Yo digo basta a los trabajadores licenziatos...
Dios va a castigar por esto. Ve somerge en lo infierno, cierra la botola, butta la clave e nun ve fa’ sortì cchiù!

Y por no hablar de los migrantes. Non lasciate que los migrantes mueren en el Mediterráneo. Dio ve farà a las piezas por esto. Vi invito a ir a visitar el cementerio del Mediterráneo. Encontrarete los peces che sono ingrassati e y su prezzo se ha incrementado. ¿Es eso lo que quieres? È questo ciò che volete? Dios está disgustado con todos vosotros. Con Van Rompuy di più! Es el último nombre que non gli gusta, porque nomen omen.

El hombre non sia tratado como un pesce frito o un bacalao. Non sia tratado como una mercancía. Principalmente lo digo a la señora Merkel, per le sus radici cristianas. Los europeos del sud están muriendo de pobreza. ¿Es correcto esto? Non lo credo, né Dio lo vuole, y mucho menos el Papa.
Vi lascio con un augurio: la Europa sia una familia unida, con una mensa piena de riqueza y abundancia de alimentos. Por todos.

Adiós y buen trabajo.
Oren por los pobres y por el Papa.
Y oren para que el Van Rompuy dejar de romper las bolas. No puedo evitarlo: me sta antipatico.

Standing ovation degli eurodeputati al termine del discorso di Bergoglio.
Solo Van Rompuy non ha ovazionato.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 23 novembre 2014

Si libra nell'aere l'Italia grazie ai 200mln di euri per gli F-35


Costano 200 milioni di euro i due nuovi F35 acquistati dal governo.

Grazie per questo acquisto che farete.
Questi soldi li avete trovati, non v'era dubbio. Ma sono soldi maledetti. Che vi facciano volare con l'acidità di stomaco! Ma di quella brutta.
Renzi lo ripete sempre: "Io lavoro indefessamente per far lavorare tutti, anche quei militari che devono volare nei cieli azzurri a difesa del nostro cielo azzurro". Che strano. Credevo che Renzi, nel suo programma di creazione lavoro, avesse dimenticato di creare lavoro anche per i militari, perché tutto preso nella creazione di posti di lavoro per la gente normale. Che continua a perderlo, il lavoro, quello tradizionale, quello dei contratti a tempo indeterminato. Qui da noi siamo entrati nella fase della disperazione finale. E da voi?
E ancora presto per dirlo, oppure già ci siamo, per quel botto sociale che s'avvicina a passi (lenti) ma da gigante?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 21 novembre 2014

Renzi ha trovato il sistema per difendersi dagli attacchi di Landini

Landini: "Renzi non ha il consenso degli onesti".
Renzi: "Vincerò io perché Landini non ha
la stoffa del leader di governo, non è un
coraggioso: prima offende e poi ritratta
"
Poi il leader Fiom si scusa.
A Napoli la manifestazione nazionale della Fiom. "Un governo che non punta sul Mezzogiorno non va da nessuna parte".
Orfini: "Landini offende milioni di persone".
E questo Pd, invece?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 20 novembre 2014

Renzi ad un passo dalla perfezione!

- Così risolverò la grande evasione
fiscale attraverso la tracciabilità.
- Scusa, capo, come farai?
- Ad ogni cliente,
invece dello scontrino,
introdurremo per legge
un microchip collegato al Gps
in una qualsiasi parte del corpo,
e così lo Stato potrà
ritrovare facilmente
le tracce dell'evasore fiscale.
"Con la delega fiscale elimineremo gli scontrini attraverso la tracciabilità totale così che l'Agenzia delle Entrate non venga più avvertita come l'avvoltoio sulle spalle ma un advisor per le aziende". Matteo Renzi, alla premiazione dei digital champions, rende ancora più concreta l'ipotesi già ventilata dalla nuova direttrice dell'Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi - presente anche all'ultima Leopolda e per questo tacciata di "renzismo".

All'appuntamento dei digital championship il premier ha anche affermato che "non possiamo abituarci all'idea di raccontare l'Italia come un insieme di 'sfighe'. Non possiamo continuare a parlare solo delle cose che vanno male, che in Italia sono andati via i migliori, i 'cervelli', come se quelli che sono rimasti non valgono niente".
Già. Invece valgono. Valgono. VALGONO.
VALGONO.
VALGONO UN CANTARO E 25! Col resto di Renzi, che vincerà facile le prossime elezioni.
"Andiamo nella logica di eliminare gli scontrini con la tracciabilità, così non c'è più la logica della Agenzia delle Entrate fuori dal negozio che ti pizzica ma c'è un nuovo rapporto tra cittadino e Agenzia", ha spiegato il premier.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

mercoledì 19 novembre 2014

Un leone marino arrapato ha violentato un pinguino

Un leone marino arrapato ha violentato, ucciso e divorato un pinguino. Tutti i particolari in cronaca.

Pare che non sia il primo caso. Nel 2006 ne fu segnalato uno in una isola sperduta, lontano da sguardi indiscreti.

Perché un leone marino s'imbufalisce alla vista di un pinguino?

"Forse queste azioni sono causati dalla frustrazione sessuale dovuta ai picchi ormonali degli animali durante la stagione della riproduzione. Ma è ancora difficile dare una spiegazione", dice l'esperto in leoni marini arrapati.

Però, ragazzi, una specie mammifera che s'accoppia con gli uccelli marini, specie a cui appartiene il pinguino, mi suona anomalo, diverso, contro natura direbbe un Giovanardi di quelle parti lì.
È come se una giraffa saltasse sull'apina. Come se un toro s'appartasse con un rospo. Per restare nello specifico mondo degli animali.
Come se un Renzi, frustrato sessualmente dalla Merkel, circuisse la pingue Camusso, - due specie diverse -, la seducesse, ne facesse poi polpette e infine la congelasse nella sua Cgil per costringere il Pd a fare la parte del guardone. E così abbiamo sconfinato nel mondo della politica, ahimè!

Come si chiama tutto questo sesso in progress?
Ma amore per gli animali, senza se e senza ma, cribbio!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

martedì 18 novembre 2014

'A Romà, Nerone o Marino: decideteve!

Marino: "Sul caso multe ci ho messo la
mia faccia e non ditemi che non l'avete vista
"
Multa-gate, Marino: "Ahò, io le mille euro de murta le ho pagate, anche se non dovevo. Che pretennete de più?".

Se l’ortolano pianta i semi dell’orto
e po' more?
Il suo posto lo prende il mortolano
che ripianta i semi del... morto!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Conte: è agghiacciande, l'Italia non ha nessuna voglia di lavorare!

Nazionale, Conte duro: ''Mi aspettavo di più, c'è poca voglia di lavorare. Balotelli? Non ho tempo da perdere''.
Sfogo del ct: ''Il calcio non va nel verso giusto, dobbiamo rendercene conto e poi passare dalle parole ai fatti. I giocatori devono ritrovare la voglia di faticare''. E sull'attaccante del Liverpool: ''In tanti hanno provato a cambiarlo senza riuscirci, serve tempo e io non ne ho''.

"Proprio nessuna voglia. E pensare che ho creduto di dare il buon esempio uscendomene dalla Juve per sbarcare in Nazionale grazie allo sponsor Puma. Tutti questi soldi che mi sto guadagnando, a me, non mi hanno affatto cambiato: sono sempre il Conte di prima. Piuttosto loro, i calciatori. Non hanno nessuna cultura del lavoro. E tutto questo mentre l'Italia annega. I tifosi annegano. Le curve non cantano, e i croati sparano petardi! Per loro ci vorrebbe un Marchionne, mica un Conte. Lui li metterebbe subito al minimo di stipendio e, se non bastasse, licenziarli. È meglio dirlo subito: se non arriveremo fino in fondo non intendo assumermi nessuna responsabilità. La verità è che girano troppi soldi. Stanno bene economicamente, ecco perché non vogliono faticare più di tanto. Tutto questo è agghiacciande! E io che ci sto a fare a questo punto? Mi chiedo! Anche volendo proporre un 4-4-2 o un 5-2-3, o un 3-3-3-1, o un 5-5, o un 4-3-3, o un due tre stella, io non la vedo bene. Altrimenti, dovrei spostare Buffon come portiere avanzato di spinta e De Rossi come portiere arretrato dietro alle paraculate di Buffon. Comunque la metto, la vedo nera. Così come stanno le cose, secondo me, ci va uno stimolo forte, traumatico, tipo uno scandalo calciopoli. Io credo molto agli choc psicologici. Una forte motivazione originata da uno scandalo potrebbe far ritornare loro la voglia di lavorare, di sacrificarsi e di vincere. Ma, mi ripeto, tutto ciò è agghiacciande".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 17 novembre 2014

Anche i vecchi turchi piangono per colpa di Renzi

- Parlano turco?
- Sì, e si capiscono perfettamente.
Le lacrime di Livia Turco: "Renzi, la sinistra non è un ferro vecchio".
Il pianto di Livia Turco a L'aria che tira su La7: "Mi fa soffrire vedere tanti che non si iscrivono più al Pd, chiedo a Renzi di avere considerazione di queste persone, faccia uno sforzo inclusivo, la sinistra non è un ferro vecchio".

Hai capito, la signora lautamente pensionata trova il tempo di piangere per le disgrazie del Paese... acc! Mi sono confuso. Volevo dire che la signora ha osato commuoversi in diretta a causa di Renzi, perché tratta i vecchi iscritti del Pd come ferri vecchi. Gente che ha una lunga storia di militanza a sinistra, che difende l'articolo 18, che ha fatto volontariato, ha difeso i deboli, che è stata parte integrante della storia recente italiana - e che è stata tradita alla grande da questi zebedei del Pd. Insomma, questo partito deve stare più attento nel portare rispetto ai vecchi. Anche nel senso di lasciare loro libero un posto a sedere in autobus, in metro e sul tram! Per non fare più piangere la signora. Eh, i tempi di una volta, un'altra epoca, vah!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

domenica 16 novembre 2014

Al G20, quei poveri koala, finire in quelle mani lì!

Alla fine dei giochi, il G20 se la gioca coi koala! Anche perché, il resto del discorso è come il segreto... di pulcinella. Loro si partiscono il meglio della torta e al povero koala non rimane altro da fare che farsi immortalare con lor signori e con lor signore le mogli.
E a noi che ci rimane? *

ma anche di merkelite, harperite,
seinite, abbottite, modite, keyte, etc...
Che male avranno mai fatto i koala per finire nelle grinfie dei potenti della Terra? 

* E a noi che ci rimane? 
- Sta gran coppola di minchia!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 15 novembre 2014

Nella gabbia del G20, Renzi a tu per tu con alcuni animali

In Australia il grande successo di Renzi, in arte premier.
Appena sbarcato a Brisbane ha subito chiesto un incontro con Mr. Crocodile Obama, al quale ha detto senza mezzi termini: "Dear Obama, sotto la nostra guida e la mia mediazione, l'Italia farà in modo che l'Europa diventi una vera e propria fotocopia degli Usa. Noi sosterremo tutte le scelte che gli Usa proporranno, anche attraverso operazioni paraculari, per portare l'Italia ad essere un pilastro per la crescita economica mondiale e per la costruzione della pace nel mondo".

Dopo l'incontro con Mr. Crocodile Obama, Renzi ha disposto per potersi incontrare con l'Orso del Cremlino, al quale si rivolge in maniera diretta, precisa e dura: "Tovarisch Putin, non troverai in me una sponda facile come lo fu per te Berlusconi. Sappi che il letto io ce l'ho e non ho bisogno di dormire nei lettoni grandi. Piuttosto vedi di risolvere la crisa ucraina, altrimenti noi italiani potremmo anche morire di freddo. Spasibo". Compagno Putin, prendi, incassa e porta a casa.

Concluso l'incontro con l'Orso Putin, Renzi ha un abboccamento quasi casuale con un gruppo di canguri festanti ai quali racconta, di punto in bianco, di avere creato da solo 135 mila posti di lavoro in Italia, per non parlare delle Riforme stravolte e di quelle sul punto di esserlo. Non solo, ma visto che l'era degli investimenti stranieri da noi è già cominciata, li invita tutti a trasferirsi nel Bel Paese, dove troverebbero un lavoro, vitto e alloggio gratis, negli zoo delle grandi città italiane, gli unici ancora a lamentare una lenta ripresa...

Renzi, liberatosi dai canguri, ha poi incontrato i giornalisti ai quali ha dichiarato, in special modo, durante l'incontro coi canguri, di avere notato dal loro sguardo che "sono rimasti tutti impressionati dalle nostre riforme".
Anche noi!
Torna presto, Renzi!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

venerdì 14 novembre 2014

Camusso sta lavorando ai mutandoni di lana per Renzi


Camusso: "La partita non è chiusa".
"La partita non è chiusa, non è un voto di fiducia che cambierà il nostro orientamento, la nostra iniziativa... la partita è ancora aperta: con il ritorno di Mancini la situazione si normalizzerà anche all'Inter".
Il segretario della Cgil, Susanna Camusso, non arretra e risponde al premier Matteo Renzi che sul Jobs act si è detto pronto a chiedere il voto di fiducia. Il segretario Cgil 'boccia' poi la mediazione raggiunta all'interno del Pd: "Non ci pare che quella mediazione sia una risposta per mantenere la difesa dei diritti che noi facciamo. Siamo in tantissimi - ha sottolineato Camusso - e questa è la conferma di quello che diciamo da sempre: c'è bisogno di un grande investimento pubblico che crei lavoro e rimetta in sicurezza il Paese. Il governo Renzi dovrebbe decidere di investire per creare lavoro, invece che continuare in una ricetta di riduzione dei diritti".

Alla leader Cgil ha risposto il presidente del Pd, Matteo Orfini, giovane turco: "Questa volta ha ragione @SusannaCamusso: la mediazione del Pd sul jobs act non difende i diritti. Li estende", ha scritto su Twitter, col permesso di Renzi. Proprio cose turche succedono nel Pd. I govani turchi non invecchiano mai, col permesso di Renzi.

"L'attacco assurdo allo statuto dei lavoratori, la riduzione delle tasse senza garanzie sugli investimenti: queste sono le richieste di Confindustria. Ma così si va a sbattere.
Dove?, e dillo, Landini: va a sbattere il grugno contro le palle dei lavoratori.
Abbiamo offerto il dialogo a Renzi, ma lui lo rifiuta. Lui ha scelto un'altra strada, noi gli diciamo che c'è bisogno di unire il Paese, non di dividerlo". Il segretario Fiom è duro sulla mediazione del Partito democratico: "La possibile mediazione che il Pd ha trovato è una presa in giro dei lavoratori perché serve solo a quei parlamentari di conservare il proprio posto. Non serve ai lavoratori e alla difesa dei loro diritti".

A questo punto Renzi deve decidersi. O sta con i lavoratori coi fatti, però, e non con false parole, o con i padroni. Renzi deve capire che stare nel Pd non significa che deve per forza remare contro i lavoratori. Vuole stare anche e, soprattutto, coi padroni? Liberissimo di farlo. Ma lasci il partito. Non riesce a provare neanche un po' di vergogna per il fatto che la Cgil gli muove contro facendo gli scioperi? Ma si rende conto che il Pd è l'unico partito che, attraverso la Cgil, difende tutti i lavoratori?

Che lo dica, Renzi, che col Jobs act difende solo gli interessi dei padroni, riducendo a zero i diritti di chi lavora. E visto che Renzi vi spiazza tutti con la stessa crudeltà dei pescecani, rendetegli lo stesso servizio. Sbattetelo fuori. Se siete coerenti con le cose che dite. A che vi serve questo segretario? Cari Cgil e care minoranze del Pd. Non potete servire due padroni. Uno dei due lo dovete affondare. Palle ci vogliono, coraggio e rischiare. Cosa avete da perdere? Non ditemi che avete cose da perdere, eh?

Smascheratelo, se dite di essere coi lavoratori. Mandatelo a fanculo. E così vediamo anche chi ha ragione e chi no.
Tantu cchiù scuru ri menzannotti un po' fari!
E ricominciamo daccapo, coerenti con quei princìpi originari con i quali vide la luce il sindacalismo nel mondo dei lavoratori.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

giovedì 13 novembre 2014

Napolitano è più confucio che persuacio


Giorgio Napolitano: "Luce nell'oscurità italiana".
Il Financial Times avverte l'Italia sui rischi del suo addio al Quirinale.

Il Financial Times sottolinea che “negli ultimi sei anni, Napolitano è stato cruciale per la stabilità politica dell’Italia”. In un periodo di crisi nera, ha fatto “tutto quanto era nei suoi poteri costituzionali per assicurare le dimissioni di Silvio Berlusconi come primo ministro. Se l’inefficiente Berlusconi fosse rimasto in carica ancora più a lungo, l’Italia sarebbe caduta in un precipizio – e come avrebbe potuto l’euro sopravvivere? Ad aprile 2013, Napolitano, contro la sua stessa volontà, ha accettato di essere rieletto al Quirinale. Ancora una volta, ha posto le esigenze della Nazione prima delle proprie”.
“Si sentirà molto la mancanza della saggezza del presidente, del suo coraggio e del senso di responsabilità pubblica, in Italia così come all’estero. Il forte senso del dovere è il motivo per cui Napolitano, come Ciampi, è una figura così rispettata”. Con Ciampi, poi, l'Italia aveva imparato a cantare l'inno specialmente durante le partite della nazionale. Ed è stato un grande passo culturale in avanti.

Ci mancheranno molto le sue firme, i suoi moniti, i suoi discorsi di fine anno e le sue testimonianze sulla trattativa stato-mafia.
E come un guerriero della luce che nell'oscurità italiana fa capolino come faro-guida,  così Napolitano ci abbandona al nostro destino segnandoci indelebilmente con quella sua saggezza che sorprende perfino lui. La sua fede in Renzi è sorprendente. E dopo essersi assicurate le dimissioni di Berlusconi, ecco che lo annoda al giovine fiorentino arrogante renzino. Un presidente dalle molte stagioni fuori stagione. Come un vero padre, colpisce e perdona. Sa il significato di patria. E comprende il significato della lode che il Financial Times traccia sulla sua persona. Solo il Financial non ha compreso un kaiser della politica italiana: a loro basta descriverla come oscura. Il Financial, portavoce di oscuri desideri esteri. Egli è stato il pegg... ehm, il miglior presidente della storia repubblicana italiana, secondo i sondaggi grilleschi, ma lui non porta rancore. Il Financial Times trema all'idea che il nuovo presidente possa essere un napolitanicchio qualsiasi non all'altezza del suo predecessore. Perché non farne uno più filotedesco? Oltre: uno filoamericano più più più.

"Allora il guerriero della luce nell'oscurità, ringrazia tutti quelli del Pd e loro sodali, per averlo costretto suo malgrado a rinnovarsi ancora come presidente, ringrazia tutti i corazzieri e perfino Crozza per averlo tenuto in vita, tira un sospiro di sollievo e, un attimo dopo aver superata la soglia che dal Quirinale porta alla libertà, pronuncia un ultimo monito: "M'avete scassata la uàllera in tutti questi anni. Andate a fanculo, guagliò!".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button