sabato 16 agosto 2014

Papa Francesco in quasi Corea del Nord

Basta con le divisioni: la Corea è Una!

Il Papa in Corea, un milione di persone per la beatificazione di 124 martiri coreani.

E Pyongyang ha fatto sapere che i lanci di razzi a corta gittata di ieri non avevano un collegamento con la visita di papa Francesco ma sono stati decisi per celebrare la ricorrenza dell'indipendenza della nordcoreana.
Sono stati sparati dallo stesso Kim Jong-un, e guidati dallo Spirito Santo in mare.
È già un piccola apertura, ma meglio di niente. E milioni di fedeli a parte, al papa non rimane altro che imparare il coreano... per poter sfondare quella porta di atei del nord. Nulla è impossibile, e i miracoli si avverano.
Woytila recandosi in Cile ebbe la geniale idea di stringere la mano di Pinochet e fu subito miracolo. Quel dittatore morì subito dopo... acc! No! Quello, prima, fece morire tutti gli oppositori e poi, dopo, schiattò.
Ma non voglio fare paragoni improponibili... fra i due papi...
Se Bergoglio un giorno riuscisse a stringere la mano di Kim Jong-un, senza la mediazione di Razzi, quello ci rimarrebbe male: ce muorerebbe di sopra!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum