mercoledì 24 settembre 2014

Per far cadere Renzi basta un..

... calcio nel sedere priciso priciso e chi s'è visto s'è visto.
Fosse così semplice. Ma non lo è. Non è che il sedere di Renzi ce l'hai a portata di... piede.
Poi dentro quel cerchio magico in cui si trova pare rimbombonito e mollaccio. Se gli dài una pedata corri il rischio di ricevere l'onda d'urto del grasso Poletti e della pasionaria Serracchiani, per non parlare della bella Fatina de' Boschi.
Ma zitti, c'è Grillo che grida e lancia appelli: "Riforma infame, prepariamoci allo scontro. Mandiamo a casa Renzi".
E Giannuli: "Compagni (?) del Pd della minoranza, fate qualcosa: occupate le sedi di partito, o siete diventati tutti democristiani? Compagni (?) della Cgil, anche voi, perché non fate un bello sciopero?".

D'accordo con Grillo, quando ha ragione ha ragione, ma non condivido i "compagni" di Giannuli: sull'uso di questa parola ho qualche riserva... infatti c'ho messo un ?.

E anche quest'altro De Bortoli che attacca Renzi: non mi convince - scrive - puzza di massoneria.
Povero Renzi, ultimamente sempre accerchiato appare ma non ancora domo. E ha sempre un bel daffare a mostrare il suo... programma ai cittadini!

"Mi dipingono come un massone diabolico,
come un geniaccio maligno della politica.
Ma io sono come voi, sono uno del
popolo che ha a cuore una equalizzazione
fatta di libertas, disuguaglias e sfracellité"
Uno dell'apparatik che gli vuole bene come a un figlio è Napolitano, il quale si "deve vergognare", secondo Giannuli, ma anche secondo me. Sarebbe ora che se ne vada. Ma quando se ne va, mai?
Napolitano è un grande - stravecchio - che si è evoluto con gli anni. Prima stava nella destra del Pci. Adesso sta nella Destra e basta. Un illuminato, che teme la sfracellité d'Italia se non si va a riformare l'equalizzazione equale per tutti i disequali...  Renzi gli ha chiesto un po' di pazienza. Adesso sta lavorando in tournée negli Usa.
Così il presidente se n'è tornato tranquillo ai ricordi di un passato glorioso quando il Pci era il più grande partito della sinistra italiana dei lavoratori... purtroppo, da quella grandezza non sortì un fico secco per la classe operaia, tranne il fatto che quella classe operaia finì ed è tuttora all'inferno e dal Pci prese forma una specie di blob mollacchio come il Pd!
Speriamo che se la dorma ancora e lasci lavorare Renzi che gli deve togliere, a chi ha un po' di garanzie, la garanzia della stabilità rendendolo cosi equale con chi non ce l'ha...
Il rischio sta nell'eventualità che qualcosa di bello come Renzi si trasformi in qualcosa di brutto come Renzi. E che possa cadere. Prima del tempo. Del resto De Bortoli, mi sa che quella puzza di massoneria la percepisca meglio di chiunque altro.

Poveri Renzi e Napolitano, sempre a subire critiche e attacchi. Povera Cgil e anche quei minorati del Pd. Sempre a ricevere consigli e tirate d'orecchie. Ma lasciateli sbagliare in santa pace. Se lo meritano!

Chiuderei con una citazione dal filosofo francese La Mettrie: «Bevi, mangia, dormi, russa, sogna...», che integrerei con: «... ruba, fotti, fregatene, fatti li cazzi tua e continua a galleggiare in politica come solo gli stronzi sanno fare».

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

2 commenti:

  1. Per buttare giù il pupo toscano ci vuole un fucile di precisione SAKO-TRG 42 in cal. 338 Lapua Magnum.
    Ti metti a 500 metri dal bersaglio e gli fai saltare la testa vuota con un colpo solo.
    La merda contenuta nella scatola cranica, tracimerà con violenza e ucciderà all'istante tutte le sue guardie del corpo e dello spirito.
    Il giorno dopo, i giornali listati a lutto, chiederanno vendetta e festeggeranno con champagne in attesa del nuovo padrone.
    Morto un coglione, esce sempre un nuovo coglione.
    C'est la vie..!!!

    RispondiElimina
  2. Come quel vecchio detto: morto un Re...nzi se ne fa un altro.

    RispondiElimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum