lunedì 22 settembre 2014

Renzi era un gallo cedrone

Trent'anni di attività imprenditoriale e dieci aziende ma nessun lavoratore a tempo indeterminato, tranne il figlio Matteo Renzi "regolarizzato appena una settimana prima della candidatura alla poltrona sicura di presidente della Provincia di Firenze".
È il record segnato da Tiziano Renzi, padre del premier, indagato per bancarotta fraudolenta dalla procura di Genova.

I dipendenti di Tiziano Renzi: tutti co.co.co, tranne il figlio Matteo Renzi assunto a tempo indeterminato. 
Traduciamo: tutti i dipendenti di Tiziano Renzi erano galline cococò, buoni per brodi e spiedi, tranne il figlio Matteo Renzi che era il capo gallo cedrone a tempo indeterminato.

Il gallo cedrone è un uccello appartenente alla famiglia dei Renzianidi.
Ha una voce che inizia con una specie di "a", e termina con un "desso". Questa voce armoniosa suscita la delizia di Berlusconi e dei giornalisti della sua parte. Un livore senza pudore, invece, per i suoi compagni (?) del Pd. A Bersani, addirittura, suscita il pianto.

In quest'epoca di grande sgomento sociale, è più facile udire il verso di questo renzianide: ti perfora e ti rompe definitivamente l'articolo 18, e tu non puoi farci un bel niente. Giunto alla metà delle sue promesse fondate su altre promesse infondate, questo gallo cedrone ogni tanto parte e va. Adesso se n'è andato negli Usa a trovare Marchionne, lasciando nelle peste i suoi compagni (?) del Pd.
Grillo e D'Alema sono i suoi principali nemici, ma a quello non gli frega niente: lui c'ha i cani attaccati che gli fanno da guardia. Questo gallo cedrone non finirà subito. I suoi nemici finiranno, e finiranno male.
E non parliamo poi del popolo italiano.
Non sa nemmeno come si fa ad accalappiare un gallo cedrone.
O forse non vuole.
O meglio, non gliene frega niente.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

2 commenti:

  1. Il sor Matteo era sicuramente l'unico vero e originale co. co. co.
    Anche adesso, da buon galletto, continua a fare il verso.
    Co.co.co. (prometto la felicità).
    Co.co.co (basta privilegi ai poveri).
    Co.co.co. (cancellazione del debito pubblico).
    Ecc. ecc.

    RispondiElimina
  2. Mah, sarà... ma io ho come l'impressione che prima o dopo farà un bell'uovo con sorpresa.

    RispondiElimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum