mercoledì 6 agosto 2014

Renzi lupetto

Renzi, lupetto scout e le mille giornate senza frenate
Renzi ai parlamentari: «Avanti con riforme senza paure e senza frenate».
Il premier scrive una lettera alla maggioranza e invita a non fermarsi ora: «1000 giorni per un'Italia più competitiva».
«Ho conosciuto Matteo Renzi che aveva sette anni e fin da allora aveva la stoffa del capo».
A parlare, in un’intervista esclusiva per il settimanale Chi, è Don Giovanni Sassolini. «Svelto di lingua, non si arrendeva mai e aveva la fissa delle regole.
Aveva un solo difetto: era un gran disordinato... e speriamo che non si comporti così adesso che sta al governo».
La lettera del premier: «Invertire la rotta».
«Care amiche, cari amici, approfitto di queste ore di intensa attività parlamentare per chiedere la vostra attenzione sul passaggio politico-istituzionale che ci attende alla ripresa. Il primo settembre infatti partiranno i MilleGiorni che ci porteranno entro il maggio 2017 a disegnare un’Italia diversa, più efficiente e competitiva. Nel 2012 abbiamo fatto meno 2,4%. Nel 2013 abbiamo fatto meno 1,6%. Nei primi sei mesi siamo a meno 0,3%. Dobbiamo invertire la rotta. Ma dipende solo da noi. Dal nostro lavoro in Parlamento e nel Paese. I "MilleGiorni" sono la concreta possibilità di far ripartire la speranza e la crescita».
Il premier cerca sempre le condizioni migliori.
Ogni colpo di lettera porta con sé la sua saggezza e la sua lungimiranza.
Egli sa che l'Italia si arrenderà solo a Lui, perché Lui ha in sé i germi della previsione fantastica.
Crede in ciò che dice e dice ciò che fa. Dopo averlo fatto, ci ricama su un po' di teoria...

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum