martedì 23 settembre 2014

Una voce carnosa ci grida da San Francisco: è la bistecca di manzo alla fiorentina del Premier

"Amici, ho un sogno: trasformare tutti
gli italiani in cow-boy e cow-girl
per cambiare il nostro Paese
"
La prolusione lirica di Renzi da San Francisco.

Renzi: “Faremo di tutto per cambiare l’Italia.
Io, cambio l’Italia.
Voi, cambiate il mondo.
L’impegno del Mio governo è cancellare quell’obbrobrio
dell’articolo 18.
L’impegno del Mio governo
è
per un mercato del lavoro diverso.
L’impegno del Mio governo
è avere una classe politica
del Pd più o meno Elle
più dimagrita
della quale non vergognarsi.

Napolitano mi ha detto
che devo avere più coraggio:
quello messo finora sul terreno della rottamazione
non basta.
Napolitano ha detto
che l’Italia si deve
liberare dai conservatori
di destra e di sinistra.

Il Mio governo e Io,
siamo osteggiati dai sindacati
e dagli ex compagni del Pci,
ormai resi un esigua minoranza
che vivacchia nel Pd,
sfruttandolo.
Il Mio governo e Io
faremo di tutto per
cancellarli dalla Mia
vista.
Il Mio governo e Io
faremo di tutto per trasformare
l’Italia in una Vallata Siliconata.
Sì, come Silicon Valley.

San Francisco è la capitale del futuro
per molti di voi e per me.
Dobbiamo trasformare Roma
e chiamarla col nome del papa: Francisca.
Unire Milano e Palermo
in un’unica metropoli
rendendole città del presente
non vecchi paesotti del passato
è l’impegno che insieme a voi
francescani di San Francisco e noi,
francescani di Roma,
porteremo avanti
con la voglia di fare arrabbiare
quei conservatori noti.

Non cedo alla cultura dei cervelli in fuga;
e non farò il discorso
di farli tornare in Italia:
stanno bene dove stanno,
anzi,
stiamo facendo di tutto
per mandarli via dal nostro Paese,
ma solo per andare
ad arricchire con la nostra cultura
altri Paesi.
Riusciremo a cambiare l’Italia
e il suo mercato del lavoro
solo se riusciremo a sbolognare
i molti giovani che in Italia
sono alla ricerca disperata
di un lavoro.
Con la riforma elettorale
dimagriremo la classe politica.
E così, tra fuga di giovani
e dimagrimento di politici,
Io potrò finalmente governare
il cambiamento.

Se c’è un ministro
che ha meno
di 40 anni,
quello sono Io;
se c’è un ministro
che ha meno di 40 anni
libero da padrini e padroni,
quello sono Io.
Perché l’Italia
non ne poteva più
di padrini e di padroni.
E ha scelto Me.
Pensate a Me come a un nominato raccomandato
non eletto?
Gufi, Vipere e Piattole
sono molto migliori
di chi rema contro il Mio governo.
Ma vi sconfiggeremo.
Oggi, infatti, la sfida è
tra Voi e Io!
E se non è un cambiamento violento
questo?, ditemi...

Ora basta con le supercazzole.
Vado a cena con George Shultz
(ex segretario di Stato con Ronald Reagan)
e Condoleezza Rice (ex segretaria di Stato con George W. Bush).
Martedì sarò a colloquio con Bill e Hillary Clinton.
Concluderò la mia americanata
incontrando Marchionne a Detroit:
mangeremo insieme spaghetti, pollo e un'insalatina.
E dopo questi incontri stellari, caro Napolitano,
il coraggio mi aumenterà.
Chi potrà fermarmi?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

3 commenti:

  1. Coro della MINORANZA PD

    Un coccodrillo vero,
    un vero alligatore
    ti ho detto che l'avevo
    e l'avrei dato e te.
    Ma i patti erano chiari:
    il coccodrillo a te
    e tu dovevi dare
    un gatto nero a me.
    Volevo un gatto nero, nero, nero,
    mi hai dato un gatto bianco
    ed io non ci sto più.
    Volevo un gatto nero, nero, nero,
    siccome sei un bugiardo
    con te non gioco più.

    RispondiElimina
  2. Et voilà: Rien ne va plus, les jeux sont faits! Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato, scurdammece 'o passato, simme italian paisà.

    RispondiElimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum