mercoledì 8 ottobre 2014

Diktat di Renzi: voto entro stasera o mi butto!

Jobs Act, nel Pd al Senato monta il malumore contro Grasso. Da Milano il diktat di Renzi: voto entro stasera.

Jobs Act, Vito Petrocelli sul voto al Senato: "Vogliamo 4 ore per leggere il testo. E per quell'ora il vertice Ue sarà già finito".

La seduta a Palazzo Madama sul Jobs Act è stata sospesa per le proteste dei senatori M5s. Vito Petrocelli, capogruppo del grillini, è stato espulso dal presidente Pietro Grasso per le intemperanze contro Giuliano Poletti, ma si rifiuta di lasciare l'aula di Palazzo Madama. Il senatore rimane al suo posto, protetto dal cerchio dei membri del suo gruppo.

Renzi: "Diobbono, ma è proprio un
grullo quel Landini: glielo hai spiegato
che il Senato non conta una mazza?
"
Maurizio Landini in marcia con Stefano Rodotà verso un nuovo soggetto: "Se serve, occupiamo le fabbriche. Non siamo più disponibili a firmare accordi che chiudano le fabbriche. Metteremo in campo gesti di difesa totale delle fabbriche e dei posti di lavoro. Se necessario, anche con l’occupazione delle fabbriche”.
- E la Camusso?
- Se ci sta, bene, c'è posto anche per lei. Che si porti una tenda e un sacco a pelo, però. Altrimenti, che resti dov'è. Noi non abbiamo bisogno di manichini o di cacasotto.

Non avete di tanto in tanto la sensazione di avere a che fare con dei folletti folli? Per non dire altro!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

2 commenti:

  1. Un mondo di pagliacci.
    Buffonate grilline.
    Porcate Grassesche.
    Mafioserie PD e FI.
    I cari italioti, (come sempre) menefreghisti, lo prenderanno (come sempre) in quel posto.

    RispondiElimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum