venerdì 9 gennaio 2015

All'improvviso son diventati quasi tutti Charlie...

... ma sempre pronti a rientrare nell'anonimato.

Je suis ... oh mon Dieu, je ai perdu mon nom.
E se non finisce l'ondata di terrore in Francia, qui rischio di non trovarlo più.
Maledizione, neanche avec Robespierre ho avuto tanta paura.
Se i due killers vengono ammazzati - e se lo meritano fino in fondo - dalle teste di cuoio, non sapremo mai chi li ha mandati.
A causa di questa follia io dovrò chiamarmi in eterno Charlie?
No, non me lo posso permettere: io sono io e basta.
Con i miei errori, le mie ansie, le mie paure, i miei princìpi, le mie idee e il mio coraggio!
Tutto questo non lo scambio né per solidarietà e neanche se mi dimostrate che esiste un mondo più felice di questo!
... ... ...
Ma potrei scrivermi sulla magliettina, ironicamente: Je suis Charlie credulon! Perché a me piace la controtendenza. Anche contro le apparenze. Uh, quanta gente attapirata s'incazzerebbe.
Già, le apparenze di questa storia sono tutte incontrovertibilmente, fintamente, mortalmente vere.
Dicono alcuni: questa è una guerra di religione.
Altri: macché, questa è una macchinazione sanguinaria dei servizi segreti, o degli oscuri signori del Potere oscuro, per ridurre ancor di più i limiti delle nostre libertà di espressione... che già sono ridotte al lumicino.
Alcuni dicono: c'è la manina dei russi in tutto questo; no, è la manina degli americani in combutta con Israele; no, invece sono veri e propri martiri islamici che non ne possono più di vedersi insultato e Allah e Maometto.
Insomma, qualcuno di questi soggetti con la sua parte di Verità e la sua dose di Charlie incorporata, tenta di annebbiarmi la ragione, l'udito, la vista e la mia piccolissima zona di cervello ancora funzionante. E potrebbe riuscirvi definitivamente.

A proposito: gli attentatori sono stati uccisi dalle teste di c...o, leggasi cuoio. Gli ostaggi liberati.
Così, adesso, la quadra è raggiunta, come da storia che si ripete ciclicamente. Nessuno saprà mai chi li aveva mandati. Che, poi, è davvero così importante conoscerne i nomi? Perché, se li conosci li fai impiccare? Ci cambia qualcosa? L'importante è avere risolto il terrore con il fuoco incrociato delle mitraglie della police e delle matite levate dei tanti Charlie apparsi dal nulla!

Avanti il prossimo. Sotto a chi tocca!
Questo è un mondo davvero... animale!
Nel quale è bene guardarsi dagli apparenti buoni e giusti!
Da qualsiasi parte ci gridano.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

4 commenti:

  1. Hai scritto verità con la maiuscola; come se, perdavvero, a caso fosse vera

    RispondiElimina
  2. E' terribile sentirsi in balia di non si sa cosa, strattonati di qua e di là come dei burattini.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure andarsene via dal Pianeta o farsi una bella rivoluzione... finirla, insomma, in un modo o nell'altro

      Elimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum