domenica 22 febbraio 2015

Landini novello tribuno come Tiberio Gracco

Landini in politica?
Lui frena: “Nessun partito”.
Renzi lo attacca: “Ha già perso con la Fiom”.
La Camusso: “Auguri e figli maschi”.


Maurizio Landini: “Cambia un’epoca. È ora di sfidare Matteo Renzi. Il problema è che la maggior parte del Paese, quella che per vivere deve lavorare, non è rappresentata. C'è un fatto nuovo nel rapporto tra politica e organizzazione sindacale".
Il motivo è evidente: per Landini né il Pd né la Cgil privilegiano la classe operaia, tantomeno i lavoratori in genere.
E la classe operaia, e i lavoratori tutti, lo seguiranno?
Difficile, mi pare. Direi impossibile.
La potenza tenebrosa delle promesse di Renzi che annebbiano la mente è un fatto. Perché lui è un creatore. Crea illusioni tangibili come, ad esempio, gli 80 euri.
Dovranno trascorrere ancora cento anni e passa prima che la classe operaia e i lavoratori tutti rientrino in paradiso. Sempre che non si siano estinte del tutto le informazioni storiche di ciò che fu 'sta classe!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

2 commenti:

  1. I lavoratori dovrebbero seguirlo..?
    I lavoratori sono come la foca monaca.
    Sono estinti..!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo fa anche Landini il gran passo... come si dice: tentare non nuoce se non agli altri.

      Elimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum