venerdì 13 febbraio 2015

Scacchi obbligatori a scuola: hai visto mai?


Scacchi a scuola!
Sviluppa l'intelligenza, allena la mente, migliora il rendimento.
C'è solo da chiedersi perché non ci avessero pensato prima.
C'è voluta una proposta parlamentare del Partito socialista per far scoprire ai politici spagnoli gli effetti miracolosi dello studio degli scacchi.
Che ora diventeranno materia obbligatoria nel programma educativo.
Tutti d'accordo, dalla sinistra alla destra ai nazionalisti di vario segno, al punto che - praticamente in coro - hanno chiesto al governo conservatore di Mariano Rajoy di fare in fretta e dotare gli istituti di tutto il paese di uno stock di scacchiere, re e regine, alfieri, cavalli, torri e pedoni.

E in Italia?
Tranquilli, tutti sono d'accordo, da destra a sinistra e viceversa. Anche perché i nostri politici sanno che l'intelligenza aiuta in politica. E le nuove generazioni potrebbero mettere al servizio del Paese la loro.
Stefania Giannini ha già pronta la proposta, non vede l'ora, anzi, ha già messo a disposizione il suo personale orologio da scacchi. Renzi è d'accordo. Berlusconi pure. Alfano idem. Vendola è eccitato all'idea. Grillo sta già organizzando un V-Day Scacchistico. Gasparri deve sistemarsi l'occhio. La Meloni ha già scelto il Nero. La Binetti il Bianco. Razzi vuole imparare subito come si gioca la Difesa Coreana. Salvini conosce già l'arrocco corto, quello lungo e l'apertura Siciliana per le prossime elezioni.
Insomma, nessuno ha detto no.
Tant'è che Mattarella ha fatto sapere di essere pronto alla firma del decreto-legge. Tutto ok, però dopo le Riforme. Promesso.

Solo Brunetta ha chiesto un referendum nelle scuole per verificare la bontà della proposta, poiché secondo lui, gli studenti, dalle elementari alle superiori, hanno già troppe materie. Occorre appesantirli oltre? Padoan nutre qualche perplessità sullo stock scacchistico da acquistare per tutte le scuole del paese. "Dove andrò a prelevarli 'sti soldi?", s'è chiesto il ministro.
Ma dalle tasche dei settemila italiani della lista Falciani, che sono molto generosi. Dai nomi che vi leggo.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

2 commenti:

  1. Al popolo (?) italiota non servono scacchiere, basta il cellulare.
    Con quella magica scatoletta si può giocare per ore durante il lavoro, si può credere che la realtà virtuale sia quella vera, si possono ascoltare le canzoni di Sanremo e le barzellette di sanromolo.
    Che vuoi di più..???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di più... vorrei vederne di quelli giocare a scacchi in galera.

      Elimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum