sabato 21 marzo 2015

Renzi: adesso basta con l'Isis!


Tunisia, governo: "Attentatori addestrati in Libia".
Renzi: "Minaccia globale".
Il premier Matteo Renzi ha parlato di "minaccia globale": "Negli ultimi mesi sono stati colpiti Parigi, Copenaghen, Bruxelles stessa. Siamo di fronte a una minaccia globale e abbiamo bisogno di concentrare l'attenzione ancor di più sul Mediterraneo".

Cribbio, non solo questo governo sta combattendo una violenta battaglia contro corrotti e corruttori, mafie e 'ndranghete, ecco che adesso il nostro è sul punto di dichiarare un'altra guerra all'Is.

Perché l'avevano previsto gli esperti dopo l'infezione isis libica. Attenti, dissero, che questi sono soltanto a 350 km dall'Italia.
E adesso il colpo da maestro dei terroristi: hanno colpito i civili, compresi gli italiani, nei luoghi pubblici tunisini. Tutto combacia. E solo questo fatto grida vendetta!
Ma ora potrebbero arrivare da noi. Tant'è che il Viminale lancia l'allarme: "Occhio al rischio di emulazione in Italia". Cioè, cosa farebbero saltare? Già c'è Pompei che crolla da sé, grazie all'attenta guardia dei BB.CC., risparmiatela, please.
Dovremmo magari fare un elenco di tutte quelle opere inutili o mai completate degne di essere cancellate, da dare in pasto ai mercenari dell'Is.
E invece eccoci ormai sul punto di non ritorno, dove nemmeno l'obsoleto articolo 11 della patria costituzione fa più ridere o scandalizzare.
Ma forse, come dice Gentiloni, per tagliare coi terroristi dell'Is, bisogna andare in Libia e pacificarla!
N'antra vorta?
A buon intenditore...

Chi ha creato tutta questa vertigine di morte? Non sono forse le stesse teste di cachemir che ci parlano ogni giorno - dolcemente, democraticamente - dai loro loculi dove fabbricano morte, là dove muore il sole?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

4 commenti:

  1. L'ISIS distruggerà la Salerno-Reggio Calabria.
    I cari italioti, per ricostruirla, calcoleranno l'aumento del debito pubblico in fantastiliardi, come Paperon de' Paperoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci calcoliamo anche la mora, in caso di inadempienze!

      Elimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum