lunedì 11 maggio 2015

L'Italia è ripartita... e non si ferma più!

185 mila posti in più.
268 mila i contratti attivati con gli sgravi contributivi.
La cura Renzi funziona.
Renzi è destinato a una ventennio sfolgorante.
Ma i sindacati contestano questa cura.
Renzi: “I dati ci dicono che la strada da percorrere è ancora lunga, ma la macchina finalmente è ripartita: dopo cinque anni di crollo costante, tornano a crescere gli occupati”.

Renzi prosegue: “Mi colpisce che ci sia chi dice: ‘Beh però una parte non sono nuovi contratti, ma regolarizzazioni e stabilizzazioni’, fa sorridere! Era infatti proprio quello che volevamo. Non è la stessa cosa per un precario vedere trasformato il proprio contratto a tutele crescenti: è una svolta per la vita di tanti ragazzi della nostra generazione. Perché significa un mutuo, le ferie, la maternità. Naturalmente c’è ancora molto lavoro da fare. Ma grazie all’impegno di tutti e di ciascuno l’Italia ce la farà”.

Sarà, ma ho come l’impressione che i padroni, finita la festa degli incentivi, ritornino a licenziare.

L’Italia è ripartita, grazie, egregio Renzi.
L’aumento degli occupati è in evidenzi.
Spero solo che il padronato non li licenzi.
Perché può finire a gran mordenzi

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

2 commenti:

  1. Se tu paghi la gente che non lavora e la tassi quando lavora, non esser sorpreso se produci disoccupazione.
    (Milton Friedman)

    Siamo sicuri che i nostri politicanti siano al corrente di questa cosa..?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuri solo di una cosa: tenersi a galla giorno dopo giorno, sulla pelle degli altri.

      Elimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum