giovedì 11 giugno 2015

Gli accordi di Minskia

Expo, Putin: "Sanzioni dannose per imprenditori italiani: perso un miliardo di euro".

Gli accordi di Minskia
prevedono, tra l'altro, la caccia
ai glutei del premier Renzi e del suo
fido Nazareno, qualora costoro
cominciassero a parlare in una
lingua straniera che non sia
quella più universalmente
riconosciuta come la lingua
dei più forti!

Via le sanzioni, "dannose" non solo per Mosca: i primi a non gradirle sono gli "imprenditori italiani", che perdono "un miliardo di euro da contratti già siglati". Il messaggio che Putin porta a Matteo Renzi è chiaro: andare avanti così non conviene a nessuno, "le sanzioni vanno eliminate". Ne è convinto anche Silvio Berlusconi, che al termine del colloquio con cui il capo del Cremlino ha concluso la sua visita in Italia ha annunciato un'iniziativa parlamentare per abolirle.

La replica della Casa Bianca. Le conclusioni del G7 sono "molto chiare": i leader, "compreso il premier Matteo Renzi", si sono impegnati "per mantenere le attuali sanzioni" sulla Russia e "per imporne delle altre se necessario". È il commento americano all'esito dell'incontro tra Vladimir Putin e il primo ministro italiano. Il ritorno al "business as usual" con la Russia "non sarà possibile" fino a che gli accordi di Minsk non saranno pienamente rispettati" hanno sottolineato fonti dell'amministrazione Usa.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

4 commenti:

  1. Ehm..!
    Cosa c'è di più disgustoso che mordere il culo di due mele marce e trovarci dentro due schifosissimi vermi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, ma quelli sono cani che conoscono solo i culi marci della vita.

      Elimina
  2. che bella coppia... peccato che da quell'albero siano scesi

    RispondiElimina

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum