sabato 5 settembre 2015

Adesso anche gli applausi teutonici entrano nella storia

L'applauso dei tedeschi ai profughi siriani che arrivano alla stazione di Monaco sta entrando nella storia. E se Fuffington ha deciso per noi, che possiamo farci? La Storia gliene sarà grata.

Profughi siriani: la Germania
ha deciso di ospitarli.

Migranti generici:
questa moltitudine invece
chi se la alloca?
Se c'è differenza tra profughi e migranti?
A occhio, sì. Nello sguardo, nelle posture, nel modo di affrontare gli avversari, nel palpabile modo di come l'oppressione degli eventi li modella nello spazio e nell'ambiente...
Oddìo, non ce ne dovrebbe essere differenza, lo dice persino il Papa. Ma...
Secondo il pensiero teutonico sì. A loro spettano i siriani. Chissà perché han scelto loro? Per carità, figli di Dio anch'essi, scappati da una guerra che è sfuggita di mano - forse - a chi l'ha provocata.
I migranti, invece, nella maggior parte dei casi clandestini - chiedere a Salvini - spettano a noi e ad altri mediterranei come noi. Ma non li applaudiamo. Scovatemi un video in cui si mostrino applausi ai poveri cristi salvati dal mare.
Ora i tedeschi ci fanno una figura ultra-umanitaria...
dopo tanto gnorri, dopo tanto voltarsi la faccia dall'altra parte, è esploso un miracolo! Il miracolo della grande solidarietà del secolo.
Però, a ben pensarci, questa ostentata generosità teutonica enfatizzata da Fuffington, non vi dà un acre sovrappensiero in più?
Come li utilizzeranno i nuovi arrivati? Certamente non all'italiana! Noi, chi lo fa, chi lo può fare, condividiamo la nostra modesta generosità con i migranti, lo facciamo spesso anche a panza vuota, e nel silenzio...
La ricca Germania ce lo fa sapere tramite Fuffington. Fortunati.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum