venerdì 25 settembre 2015

El discurso del Papa compañero a los norteamericanos

"Me alegro de haber hablado
con claridad a los americanos"
E vestito di tunica bianca, ma col cuore rossofuoco, rivolto agli americani, disse:
"Sono migrante, figlio di migranti,
come voi che siete tutti figli di migranti.
Sono venuto nel vostro Paese, il Paese dei liberi.
Liberi di far ciò che volete.
Il Paese del Sogno americano.
Mi rallegro che l’America continui a essere la terra dei sogni,
sogni che esportate altrove,
Voi, il paese colorato, el País dei cartoni animati".
… … …
"Basta abuso e usura verso i Paesi poveri. Vogliamo terra, casa, lavoro, pane, acqua. E anche libertà per tutti. Basta guerre. La guerra è la negazione di tutti i diritti. Bisogna blandire le armi nucleari. Basta col commercio di armi. Basta scartare i deboli e i disabili: è un attentato gravissimo. Basta con la pena di morte. Non innalzate a vostro dio il denaro. Salviamo l’umanità salvaguardando l’ambiente. La vita trionfi sui profeti di distruzione".
"Il mondo chiede con forza a tutti i governanti una volontà effettiva, pratica, costante, fatta di passi concreti e di misure immediate, per preservare e migliorare l'ambiente naturale e vincere quanto prima il fenomeno dell'esclusione sociale ed economica, con le sue tristi conseguenze: tratta degli esseri umani, commercio di organi e tessuti umani, sfruttamento sessuale di bambini e bambine e lavoro schiavizzato, compresi prostituzione, traffico di droghe e di armi, terrorismo e crimine internazionale organizzato."
"Amigos senzatetto della parrocchia di St. Patrick a Washington, aspettatemi, sto venendo da voi. Voi mi ricordate san Giuseppe. I vostri volti parlano del suo. Magari c’è qualcuno tra voi che è falegname? Il colore della pelle non conta, ha scritto una piccola messicana al papa. La Madonna ha detto che Francesco come papa ha la mente aperta."

E la pizza per il papa. La pizza del papa. La santa pizza newyorkese.
E le lacrime di Boehner sono state viste come un bœne catartico per le masse.

Commiato del Papa: "Amici yankees, adesso vado, ritorno a casa mia… Fate tesoro delle mie parole. Non facciamo che appena metto piede sull’aereo ricominciate daccapo, eh? Per cui, haced esto en memoria de mí, de lo contrario me enfado mucho y voy a excomulgar a todos. Claro?"

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum