sabato 5 settembre 2015

Migranti e Profughi: ultima frontiera?

Migranti, Austria e Germania aprono frontiere.
La decisione per la situazione d'emergenza che si è creata al confine. Migliaia di profughi partiti a piedi e su autobus messi a disposizione dal governo ungherese per raggiungere i paesi limitrofi. 


Siamo qui. Nella vostra patria. Abbiate compassione di noi, come noi non ne abbiamo ricevuta dai nostri carnefici. Siamo simili a esseri umani, a ciechi, a sordi, a muti. Simili a bambini spezzati, universali, andati, per sempre perduti. Solo i nostri occhi fissiamo gli uni sugli altri: ci troviamo ancora un profondo barlume di speranza. Il tempo, un tempo estraneo, ci piove addosso. Ci domina, e ci tiene in fresco i ricordi, le cose che furono, la case nostre, gli amori, i dolori, l'odio. Sì, odiamo chi ci ha fatto questo. O forse no: non ne abbiamo più la forza, la convinzione, la necessità. Ma adesso siamo arrivati, più fortunati di quelle miriadi di carne annegata, divorata dai pesci in mare e dai cani in terra. Non siamo ancora morti. Perché vorremmo, no, vogliamo tornare nella terra che ci ha scacciati. Ricordandovi uguali a noi.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum