domenica 29 novembre 2015

Monumento all'apporto dell'opera di Poletti per il Lavoro


"Immaginare contratti di lavoro che non abbiano come unico riferimento il rapporto ora/lavoro ma misurare l'apporto all'opera". È l'idea lanciata dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, secondo cui "la misurazione ora/lavoro è un attrezzo vecchio che frena rispetto a elementi di innovazione".
E quindi?
Niente, ripristiniamo la vecchia teologia egizia del lavoro, di quando gli operai-schiavi apportavano un contributo sovrumano e qualitativo per la realizzazione delle piramidi dei faraoni, alla faccia di Bertinotti, dei sindacalisti e dei lavoratori tutti!
Quelli sì che erano cottimi sanguinari!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum