venerdì 1 gennaio 2016

Primo messaggio metafisico presidenziale di Mattarella

Nel discorso di fine anno, il capo dello Stato ha parlato col pensiero più ai cittadini che alla politica. Molta attenzione all'ambiente e all'emergenza smog, un pensiero "al piccolo Aylan" e "a quelli che annegano in mare nell'indifferenza". La condanna dell'evasione fiscale, poi l'ottimismo per la ripresa e la fiducia nel paese con gli esempi del coraggio tutti al femminile. L'augurio finale ai nati nel 2015 ("Siete il futuro"), ai disabili, agli anziani che si sentono soli ed ai malati.


Mattarella, un messaggio con la priorità del lavoro: "Manca ancora a troppi giovani".
È vero, cribbio!
Per non parlare di quelli che hanno perso il lavoro alla veneranda età di 30 anni, o di 40, o di 50 e anche di 60 in su, egregio Presidente.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum