martedì 14 giugno 2016

Allora, se vuoi andare in pensione anticipata devi pagare 20 anni di rate con interessi

Pensioni, la proposta del Governo sulla flessibilità. Fino a 20 anni di rate (con interessi) per chi vuole andarci prima.


Per andare in pensione prima del tempo, il Governo propone che l'anticipo finanziario della pensione netta, per gli anni che mancano alla pensione di anzianità, venga restituita a rate fino a 20 anni, con gli interessi. Questa la posizione espressa dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti nel corso di un tavolo con i sindacati.

Il Governo non intende modificare la legge Fornero, ma consentire la flessibilità di uscita dei lavoratori con strumenti finanziari, ha spiegato Nannicini, aggiungendo che sarebbe di 10 miliardi la stima dei costi previsti per la flessibilità in uscita. Il coinvolgimento degli istituti finanziari, delle banche e delle assicurazioni - avrebbe spiegato il sottosegretario - non verrebbe fatto per una questione ideologica, ma nascerebbe esclusivamente dal rispetto dei vincoli di bilancio. Nella pratica, Inps creerà, secondo l'ipotesi dell'Esecutivo, il rapporto con gli enti finanziari che erogheranno l'anticipo netto della pensione ai lavoratori che certificheranno la richiesta di pensionamento anticipato.

Il prestito pensionistico per chi lascia il lavoro prima dell'età di vecchiaia dovrebbe quindi essere restituito con rate fino a 20 anni con gli interessi. Ci sarebbe un costo diverso per chi perde il lavoro prima di raggiungere i requisiti per l'accesso alla pensione e per chi decide di lasciare spontaneamente l'impiego. Nannicini ha detto inoltre che
"non si tratta di una penalizzazione, 
ma solo di una rata di ammortamento di venti anni

con la copertura assicurativa ed una detrazione fiscale sulla parte del capitale anticipato per alcuni soggetti più deboli e meritevoli di tutela".

Forza, sindacalisti, accettate subito prima che quelli facciano marcia indietro. Meglio approfittarne. Quando mai un'altra occasione così? Avete capito, si tratta solo di Una Rata di Ammortamento in Vent'anni... eh eh eh... o è per tutti i mesi dei venti anni?... oh oh oh, con le banche non c'è da fidarsi... madre... che confusione... Vabbè, poi i sindacalisti ce lo spiegheranno in modo chiaro e conciso. Ma prima lo devono capire bene loro. Altrimenti chi difenderà i nostri diritti?
Paghiamo per lavorare, paghiamo per le medicine, paghiamo per gli evasori, paghiamo per andare in pensione!!! Pagheremo caro, pagheremo tutto. Ah, quei tempi, quando questo slogan veniva urlato col condizionale.
E nel frattempo i ministri, d'accordo con le banche, devono anche pensare come e a chi toglierli questi anticipi. Aiutiamoli.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum