domenica 14 agosto 2016

Mi sento qui di far parte e stare vicino a grandi uomini e donne che posso solo insegnare...

“Qui all’Ars mi sento un piccolo uomo in un grande laghetto con tante mano amiche”. Un inizio non proprio folgorante per il neodeputato dell’Assemblea regionale siciliana, Alfio Barbagallo, che ha sostituito Gino Ioppolo della Lista Musumeci, appena eletto sindaco di Caltagirone. Il suo primo intervento, durato circa sei minuti, è stato ricco di frasi a effetto che hanno lasciato un po’ perplesso chi ascoltava.
Frasi ad effetto?
Leggiamo la prima: “Colgo l’occasione di ringraziare il gruppo Musumeci che ne faccio parte…”.
Se quella qui sopra è una frase a effetto, l’effetto in siculo suonerebbe pressappoco così: “Cogghiu ‘stu corpu di culu grazzie a Ioppulu ca’ si nni ju a ffari ‘u sìnnicu di Caltagirone. Sulu accussì ju potti tràsiri ‘nta stu gruppu e ora cu’ Musumeci semu a culu e cammìsa”.

Un’altra frase ad effetto: “Mi sento qui di far parte e stare vicino a grandi uomini e donne che posso solo insegnare…”.
Contro effetto in siculo: “Sugnu cuntentu di stari a tu per tu cu’ ‘sti galantomini e gentili signore. E, senza offesa pi' nuddu, a tutti chisti onorevoli ju cci pozzu ‘nsignari unu di tuttu”.

Altra frase ad effetto: “Ognuno ha un grande ruolo nella vita per essere qui, che era il mio sogno…”
Contro effetto: “Cumpari e cummari, mi l’haju ‘nsunnàtu notti e gghiorna di tràsiri all’Arrssi e sintìrimi chiamàri onorevoli, e ora ‘a me vita canciò, d’accussì a accussì”.

Frase a effetto: “Mi sento un piccolo uomo in un grande laghetto con grandi e tante mano amiche che mi faranno fare questo percorso…”.
Contro effetto, mica facile questo: “Mi sentu comu ‘u sparagghiùni nicu ‘nta na bagnarola china d’acqua e menu mali ca cci su’ l’amici di l’amici ca mi fannu firriàri ‘ntunnu ‘ntunnu e si, putacaso, avìssi a ruzzulàrimi ‘nterra, cci su’ pronti li manu di l’amici ca cu’ ‘na botta sula m’assistemanu giustu”.

Ancora un effetto: “Io vengo di mala sanità, tanti anni fa mi è rimasta un ago addosso, che ho ancora… Non cerco vendetta…”.
Minchia, e ccà lu contru effettu è malignu! Vediamo: “’Na vota, ‘o spitali, li duttura m’azziccaru ‘na vugghia, ca m’arristò azziccata finu a ora. Ma nun vogghiu fari minnitta di ‘sta mala sanità… acqua passata nun macina mulinu. Cari cumpari e cummari, bbasta cchiù vugghi azziccati ‘ntra li carni di malati. Faremo pulizzia di tutti li vugghi d’ospitali”.

Ultimo effetto: “Se io nel mio percorso potrei sbagliare, auguro che i miei colleghi mi diano la via giusta per io non compiere lo stesso sbaglio…”.
Contro ultimo effetto: “Vuscènze, m’avìti a cumpatìri si sbagghiu congiuntivo e condizzionali, e spiràmu ca ‘sti colleghi di culu e cammisa nun mi fannu pigghiàri ‘a strata sbagghiata. Grazie, Prisirenti, di tuttu, e spiràmu di putìri fari l’interessi du’ populu sicilianu, picchì ju pi’ chistu sugnu ccà”.

Diuniscanzielibberi di iddu e di tutti li retori deputati comu a iddu e megghiu di iddu! E di cu' li vota!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum