giovedì 15 settembre 2016

Operaio muore a Piacenza per un colpo di camion durante un picchetto antidiluviano

Insomma, questo lavoratore impiegato come facchino in GLS, già professore al suo Paese, per giunta egiziano nonché padre di 5 figli, che viene qui a farsi ammazzare e mettere a squilibrio il tran-tran della nostra tranquilla vita italica. In questa nostra vita, dove è appena cominciato il campionato, dove è appena finito il festival del cinema, dove si preannuncia la giornata della fertilità, dove la ministra che ci difende ci racconta che l'Italia manda ben 300 soldati in Libia per una missione umanitaria, dove si parla dello scontro referendario tra Renzi e D'Alema - ma chi se ne fotte se poi nasconde l'indicibile; delle mafie di Roma Capitale e dei loro limitrofi latitanti, che ogni tanto ne prendono uno quando è maturo e pronto a cadere dall'albero; della Raggi e del suo no alle Olimpiadi; dei congiuntivi sbagliati dei 5s; dei gossip borghesi, piccolo-borghesi e delle loro futili problematiche; dove si apprende che ogni tanto il governo promuove improbabili migliorie per i pensionati... insomma, in un quadro a dir poco Normale, a cui non "interessa a nessuno", (lo metto tra virgolette per chi fa finta di non capire), se andrà ancora meglio o peggio di ieri, si va a infilare un Morto Operaio, per giunta straniero, che lotta per un minimo miglioramento della sua condizione. Ma davvero interessa a qualcuno? Non ci fai mica un titolo da prima pagina fino a quando non si chiarisce la storia? Non è mica morto un grande attore di Hollywood, né un cantante famoso, un artista, un qualsiasi vip del cazzo? Un politico che ha speso la sua vita per la Patria? O forse è il principio ipocrita del nostro sentimentale neolitico pensiero italico che è quello che ci fa respingere a caldo l'idea di una morte così. Una morte ingiusta. Esatto. Cazzo, perché morire sul lavoro è un conto, classificabile ormai nel libro delle fatalità politico-sindacali-padronali; ma morire per un picchetto, per un colpo di camion, o peggio andare a immolarsi contro la volontà dell'autista aizzato dal padrone di turno? In pieno regime del Job-Act renziano?

♫ Perché
il picchetto
non si usa,
non si usa più ♫
"Ammazzateci tutti è il grido dei lavoratori della logistica di Piacenza.
Il gravissimo fatto - scrive il sindacato (che ha indetto una manifestazione per sabato 17) - è l’epilogo di una serata di gravi tensioni, la Usb aveva indetto una assemblea dei lavoratori per discutere del mancato rispetto degli accordi sottoscritti sulle assunzioni dei precari a tempo determinato".

"Di fronte al comportamento dell’azienda i lavoratori, che erano rimasti in presidio davanti ai cancelli, hanno iniziato lo sciopero immediato - prosegue la ricostruzione di Usb. Proprio durante l'azione di sciopero, un lavoratore, padre di 5 figli e impiegato nell’azienda dal 2003, è stato assassinato, sotto lo sguardo degli agenti di polizia da un camion in corsa che ha forzato il blocco. La testimonianza dei ricatti e dei soprusi che subiscono i lavoratori della logistica", denuncia la sigla sindacale, che per le 11 ha indetto una conferenza stampa sul posto, in via Riva località Montale di Piacenza.
La testimonianza di un collega: "Il camion è stato invitato a forzare il nostro picchetto dal direttore dell'azienda, che gridava se c'è qualcuno davanti ammazzalo".

Ma la prima ricostruzione degli inquirenti, resa possibile anche dalla presenza nottetempo degli agenti, è diversa. "Quando il Tir è uscito dalla ditta - spiega il capo della Procura Salvatore Cappelleri - dopo le regolari operazioni di carico, ha effettuato una manovra di svolta a destra. Inoltre escludiamo categoricamente che qualche preposto della Gls abbia incitato l'autista a partire. Davanti ai cancelli in quel momento non vi era alcuna manifestazione di protesta o alcun blocco da parte degli operai, che erano ancora in attesa di conoscere l'esito dell'incontro tra la rappresentanza sindacale e l'azienda. Allo stato attuale delle indagini riteniamo che l'autista non si sia accorto di aver investito l'uomo che è stato visto correre da solo incontro al camion che stava facendo manovra. Per questo si è deciso di rilasciare l'autista che, tra l'altro, è anche risultato negativo ai test di accertamento per le sostanze stupefacenti e l'alcol".
Replica l'Usb di avere testimoni e che "lo staff legale sta già lavorando per confutare la versione del Pm". 


Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum