domenica 16 ottobre 2016

Trionfi parodistici

Per chi per primo colpisce sarà sempre in arrivo una bella mazziata, se il mazziato non è andato ko al primo colpo. Gli antichi Romani così facevano quando fecero fessi latini, sabini, sanniti, etruschi e ammazzandosi poi tra di loro per il potere. Uno, mettiamo un povero cristo, viene affrontato da un malacarne deciso a togliergli il portafogli o... la vita, secondo la tradizione classica; se è solo povero in cristo ma non povero di spirito, afferra la prima cosa che gli capita a tiro e, sbreng!, un colpo alla cieca e un altro sui coglioni. Nei film c'è sempre qualcosa a portata di mano della vittima-eroe. Nella realtà non ci sta manco un cerino. Ma quello non deve avere una pistola in mano e all’altro non deve proprio mancare lo spirito. A quel punto il malacarne non avrà, ritengo, voglia sufficiente per un nuovo tentativo di approccio violento. Se però ti dà del figlio di puttana, ecco, un altro calcio in culo gli farebbe passare la voglia di parlare.

Ma, senzamaddìo, il malacarne ha la pistola, all’altro non gli basterà né lo spirito né i suoi santi. Comunque la giri, uno dei due la paga cara!
C’è da dire pure che il malcapitato potrebbe essere un mezzo vigliacco o un vigliacco intero, ma anche una persona di buon senso che pensa alla famiglia, al suo lavoro eccetera. In questo caso il buon senso lo perderà comunque se il delinquente decide di provare se la pistola toglie la vita così come gli ha detto il traffichino di armi.
Quindi, è meglio morire da fessi o da eroi?

E con questa osservazione si stabilisce che chi è più pronto di spirito vince. (In teoria). Colpendo una prima volta, in teoria, si potrebbe non applicare più la regola del vantaggio e andarsene soddisfatti. Magari emettendo un qualche gridolino di soddisfazione. Attenti ai gridolini che potrebbero invogliare l’avversario a farsi ancora sotto, contento della vostra distrazione. E nemmeno fare come certi giocatori di calcio che ad ogni goal segnato si imboccano il pollicione succhiandoselo, o si sfilano la maglia... e meno male che non sono ancora arrivati a smutandarsi col pischello all’aria... ma prevedo presto che proveranno quest’altro parodistico trionfo. Quindi niente grida ma si assuma solennità a testa alta, come se si sfilasse in parata o in trionfo.
Più o meno come fanno i cosiddetti grandi della terra. Se vincono o se perdono, nessuno gli toglierà mai quella solenne faccia da stronzo che tanto ammalia gli inferiori.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum