mercoledì 14 dicembre 2016

Il ministro degli Esterni, Alfano, ha deciso di imparare l'inglese

E, comunque, caro collega, unnè scrittu
ca' pi' fari 'un ministru dell'Esteru,
s'havi a sapìri parràri inglìsi?
Imparino loro l'italiano.
Durante le dichiarazioni per il voto di fiducia il senatore leghista Candiani ironizza sulla conoscenza dell'inglese da parte del neo ministro degli Esteri Angelino Alfano.

A chisti palòri don Al Fanu s’incazzò. E s’incazzò di bruttu. Si misi in posa, appujàtu cu' la manu sinistra a lu bancuni di li ministri so’ colleghi e stetti mutu comu un pisci, ma cu’ na facci di baccalà misu a moddu pi’ fàricci sciògghiri ‘u sali… Mali quannu un ministru comu a don Al Fanu si metti mutu. E si po' ti talìa stortu, ancora cchiù mali è. Vol diri, caru Candiani, ca’ devi stari attentu a comu parri. Pennondimenu don Al Fanu, pirsona veru 'ntelliggenti, ora ministru dell’Esternu, ca sarebbi ‘u cuntrariu dell’Internu, pigghiò cunsigghiu da li palori di Candiani e sùbbitu si misi a studiàri ‘u ‘nglisi. Cosa difficili p'un italianu normali, ma p’un siculu da pruvincia d’Agrigendu, è facilissimu picchì nuatri siciliani c’amu statu sempri colonizzati da li stranieri, avemu ‘a lingua spidugghiàta e lesta. Sapemu parràri, va. E, donchi, don Al Fanu si cci misi d’impegnu cu’ l’inglesi assai assai assai. Tantu ca’, tempu menz’ura, sapìa diri già denghiù, veri macci, chi ura è, menzannotti, gudivinink e tomòrro, gumonink e stoppengò. E puru yessi e no. Ma uaind, che minchia mi significa? Po', arricurdànnisi di li billizzi di certi frasi di quann’era ministru dell’Internu, cuminciò di notti a esercitàrisi più seriamenti co’ la lingua di Elisabetta. “Sentu dintra di lu me’ cori un bisognu strong assai di parràri a tutti li picciotti: mittìtici l’acqua in de pescions, ‘mpignativi puru l’anima, neve’ ghi vap, taliàti a mmia che mai ho detto no agli avanzamenti in carriera. Nev’ pessimism, credete nei vostri aidils, se avete a driim, mittìticci l’acqua, essere sempre honest, imparate bene a spik inglish comu a mmia. E soprattutto amicu di tutti e fidìli cu’ nuddu. Denghiù e bonanotti”.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.