sabato 7 gennaio 2017

Arrestato il killer americano con problemi mentali tipo Jason Bourne


Il killer è Esteban Santiago, 26enne di origine ispanica, passeggero di un volo proveniente dall'Alaska. Disse: "Costretto a lottare per Isis". L'arma, regolarmente dichiarata, era nel bagaglio imbarcato in stiva. Secondo la Cnn era noto all'Fbi. Ha aperto il fuoco nell'aeroporto di Fort Lauderdale in Florida, pochi chilometri a nord di Miami, uccidendo cinque persone e ferendone altre otto nell'area ritiro bagagli. Il killer è stato catturato dalla polizia: è un americano di origine ispanica di 26 anni, nato nel New Jersey e che per molti anni ha vissuto in Alaska. Nel novembre 2016 Esteban Santiag sarebbe andato all'ufficio dell'Fbi di Anchorage, in Alaska, affermando che era costretto a combattere per l'Isis. Lo riporta la Cbs citando alcune fonti, secondo le quali nel 2011 o nel 2012 Santiago era stato indagato per pedopornografia, ma le autorità non avevano ottenuto prove sufficienti per poterlo denunciare. Successivamente Santiago, che è stato in Iraq con l'esercito Usa, avrebbe parlato di "tentativi di controllo mentale da parte del governo americano", che lo avrebbero costretto a "guardare video dell'Isis".
Lo sceriffo, che ha tenuto una conferenza stampa a caldo all'interno del terminal, non ha voluto confermare l'identità del killer né speculare sul movente del gesto. "L'indagine è in corso", ha detto, per poi aggiungere: "È troppo presto per dire se si tratti di terrorismo".

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.

Heracleum