mercoledì 12 aprile 2017

Mattarella ha ricordato a Putin di fare qualcosa contro le armi chimiche


Putin ha invitato Mattarella a Mosca, per rafforzare un sentimento di profonda amicizia, che esiste da lungo tempo, tra la Russia e l’Italia.
Questo sentimento di profonda amicizia però non ha fatto venire meno a Mattarella il bisogno di partecipargli tutto il suo senso di uomo di Stato pacifico. Infatti, malgrado le tensioni che friggono sotto e sopra la coltre dei conflitti sanguinosi in terra siriana, anche per via degli attacchi con armi chimiche contro quella popolazione inerme, il nostro presidente non ha mancato di lanciare un monito al suo ospite russo che, a sua volta, gli ha ricordato la storia precedente: “Assad come Saddam nel 2003, quando fu attaccato sulla base di un possesso di armi di distruzione di massa mai provato”.
Infatti Mattarella, dopo avergli esternato il cordoglio dell'Italia per l'attentato a San Pietroburgo, gli ha detto: “Presidente Putin, auspichiamo che Mosca possa esercitare tutta la sua influenza perché si faccia chiarezza e si individuino le responsabilità di quanto è successo in Siria. L’uso di armi chimiche è inaccettabile per l’Italia: la nostra Costituzione ne vieta l’uso”. In ciò che è scritto nella restante parte dell’art. 11, per i nostri presidenti e governi, non ci sono correzioni da fare. Ma l’avventura militaresca italiana per portare pace e giustizia fra le Nazioni, al servizio fedele dei più forti gendarmi e padroni del mondo, rimane intatta, pur nella consapevolezza che: “L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.
Mi assale sempre un fastidioso senso di soffocamento ogni qualvolta ascolto la voce del nostro Presidente, per quelle sue sonorità soffocose che emette, quasi fosse in stato d'apnea. Sarà forse a causa della sua cassa armonica buccale? Chissà se succede anche ad altri ascoltatori?

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Nessun commento:

Posta un commento

Pirima pondera e poi scrivi.